Lingua   

Il sovversivo

Gianluca Grossi
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Normandia
(Gianluca Grossi)
Avanti marsch
(Gianluca Grossi)
Storie degli anni Settanta
(Daniele Biacchessi)


Canzone dedicata all'anarchico Franco Serantini
Nato in provincia di niente
Figlio di qualche pastore
Da prendere a sputi e schiaffi e pezze al culo

La sera di primavera
Volavano gli aquiloni
Brillavano le bandiere dell'anarchia

Le strade insanguinate
Per la lotta fra il bene e il male
Le porte del domani già spalancate

La cella troppo stretta
Per qualunque superlativo
Ma fuori la folla composta a pregare



Il sole già tramontava
E gli sbirri giocavano a dadi
E Franco che ci provava a respirare

Le stelle di Orione e del Cigno
E l'inutile melodramma
Qualcuno aveva già deciso per lui

E arrivarono le corone
E poi i fiori di primavera
Ciao Franco! Gridavano il nome dall'alto

Per diventare marinaio
E conquistare il mondo
Non si può realizzare così



Per un figlio di qualche pastore
Oppure figlio di nessuno
E chi l'avrebbe scritto sul muro eroe

In giudizio l'assassino
Con quell'arma contundente
Contro il sovversivo rinato

Per strade di periferia
E verdi pascoli di frontiera
Tentativi di fuga maldestri alla malora

La sera di primavera
Volavano gli aquiloni
Brillavano le bandiere dell'anarchia

inviata da gianluca grossi - 9/3/2017 - 10:25



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org