Lingua   

Le due storie

Rocco Hunt
Lingua: Napoletano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Padroni e bestie ('O Ciuccio)
(Teresa De Sio)
Figlio ImPastato d'amore
(Salvatore Azzaro)
Mane e mane
(Enzo Avitabile)


(2012)
dal mixtape "Spiraglio di periferia"

Gabriele-Sandri


Due storie tragiche. Quella di Gabriele Sandri, 28 anni, ammazzato all'Autogrill di di Badia al Pino l'11 novembre 2007 da un agente della polizia stradale che spara "per fermare una rissa" tra tifosi della Lazio e della Juventus.

E quella di Stefano Cucchi, che come ha sentenziato recentemente un tribunale italiano, è morto di epilessia nelle mani delle forze dell'ordine.

Il sangue di cucchi la vostra vergogna
E' na matin e novembr e comm a semp for chiov,
stamm ngopp a l'autostrad viaggiann quas a due or,
c fermamm all'Autogrill senza sapè ca chell foss stat l'ultima sost p me
All'improvvis o juventin s'avvicin, scatt a lit,
accussì funzion tra sostenitor, s'è capit,
m'aspettav na trasfert viaggiann nziem e cumpagn,
nu proiettil sporc e sang a sciarpett r'a Lazio
Ij perd e sens e guard ind'a chell ata corsia,
nu sbirr maledett p'a Berett stopp a vita mij,
nun ten'n colp e juventin, a polizia stradal m'a sparat,
Spaccarotella assassin
Aropp a mort mij tutt e stadij so chin e strisciun,
e chi ha pavat p sta morta mij?
Ancor nisciun, mamm'm chiagn ancor accarezzann a tomb,
sper ca mmiez a sta munnezz o silenzio s romp
Tessr ro partit, ro sturent e ro tifos, e accis p na lit ind a nu stat vergognos,
po wuardi ca m'accis è n'omicidio colpos,
ma nun s n fa mang un a rint aropp si è coccos

*Scratch + Voci di un servizio giornalistico*

O nomm mij è Stefano Cucchi e veng re Borgat,
luntan ra Rom per bene, chella altolocat,
o destin m'a signat, so pregiudicat,
ma so asciut a ind'o tunnell, a vita mij è cagnat
Na matin camminav p sott a cas, p cumpagnij na cann,
e pillol p l'ansia, chi cazz s'o aspettav ca nu wuardij m fermav?
A vit s bloccav p colp e cocc schiav
Ok, sceng in caserm, rong e document,
o commissario s'addivert, elenc e precedent,
m'hann semp ritt e nun m fidà re wuardie,
specialment quand t fann e domand
E allor, cocc rispost e tropp, scattn e man nguoll,
tant r'arragg nun sent mang o dulor, fra,
re schiaff nun sent mang o rummor, nu sbirr m manten, m rann nguoll a quatt e llor
M'arricord o paviment e chella cell,
chiamm a papà si tien e pall e rincell ca sto murenn, quanta rulor ca facit a mamma mij,
nun s'ammerit stu mmal, appriess o figl a facit murì
O nomm mij è Stefano Cucchi e a storia a sapit,
passn l'ann e a gent nun sap chi m'accis,
a colp nun è a lor, né e chi port a divis,
ma e chi c magn a copp e nun s n fott si murimm...

*Scratch + Voci di un servizio giornalistico*

9/10/2016 - 23:10



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da Nill forum
LE DUE STORIE

E' una mattina di novembre e come sempre fuori piove,
siamo in autostrada viaggiando da quasi due ore,
ci fermiamo all'Autogrill senza sapere che quella sarebbe stata l'ultima sosta per me
All'improvviso lo juventino s'avvicina, scatta la lite,
così funziona tra sostenitori, s'è capito, mi aspettavo una trasferta
a viaggiare insieme ai miei amici, un proiettile mi sporca di sangue la sciarpetta della Lazio
Io perdo i sensi e guardo nell'altra corsia,
uno sbirro maledetto con la Beretta ferma la mia vita,
non hanno colpe gli juventini,
la polizia stradale mi ha sparato,
Spaccarotella assassino
Dopo la mia mia morte tutti gli stadi sono pieni di striscioni,
e chi ha pagato per la mia morte?
Ancora nessuno, mia madre piange ancora accarezzando la tomba,
sperando che in mezzo a questo schifo si rompa il silenzio
Tessera del partito, dello studente e del tifoso,
ucciso per una lite in uno stato vergognoso,
per lo sbirro che mi ha ucciso è omicidio colposo,
ma alla fine dentro non se ne fa nemmeno uno

*Scratch + Voci di un servizio giornalistico*

Il mio nome è Stefano Cucchi e vengo dalle Borgate,
lontano dalla Roma per bene, quella altolocata,
il destino mi ha segnato, sono pregiudicato,
ma sono uscito dal tunnel, la mia vita è cambiata
Una mattina camminavo sotto casa mia, con una canna come compagnia,
e le pillole per l'ansia, chi cazzo se lo aspettava che uno sbirro mi avrebbe fermato?
La vita si bloccava per colpa di qualche schiavo
Tutto ok, scendo in caserma, do' i documenti,
il commissario si diverte, elenca i precedenti,
mi hanno sempre detto di non fidarmi degli sbirri, specialmente quando iniziano a fare domande
E allora, una parola di troppo e scattano le mani addosso,
talmente dalla rabbia non sento nemmeno il dolore,
degli schiaffi non sento nemmeno il rumore,
uno sbirro mi mantiene, mi picchiano in quattro...
Mi ricordo il pavimento di quella cella,
adesso chiama mio padre se hai le palle,
diglielo che sto morendo, quanto dolore state dando a mia madre,
non si merita questo male, la fate morire appresso al figlio
Il mio nome è Stefano Cucchi e la storia la sapete,
passano gli anni e la gente non sa chi mi ha ucciso,
ma la colpa non è loro, né di chi porta la divisa,
ma di chi specula e di chi non se ne frega se qualcuno muore...

*Scratch + Voci di un servizio giornalistico*

9/10/2016 - 23:14



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org