Lingua   

La città delle ombre

Roberto Malfatti
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Hungry Planet
(The Byrds)
I Ain't Got No Home (In This World Anymore)
(Woody Guthrie)
Il Drone
(Roberto Malfatti)


Il lavoro agricolo, anche in Italia, presenta situazioni che hanno i connotati della schiavitù. In particolare per quanto riguarda i lavoratori provenienti da paesi africani. A loro è dedicata questa piccola ballata.
Ombre chinate a testa in giù
nei campi fertili del sud.
Tra poco il sole sorgerà,
tra poco l'aria brucerà.

Frutti dorati da staccare,
grandi cassette da riempire.
Il tempo corre, non oziare
se anche oggi vuoi mangiare.

Il lavoro è libertà,
il lavoro è dignità.

La sera scende e ombre stanche
vanno verso la città.
Teli e lamiere, fatiscente,
una città in mezzo al niente.

Poco denaro hai guadagnato
e la metà ti han rubato,
ma nutrirà chi hai lasciato,
puoi essere fiero di te stesso.

Il lavoro è libertà,
il lavoro è dignità.

Ombre chinate a testa in giù
nei campi fertili del sud.
Tra poco il sole sorgerà,
tra poco l'aria brucerà.

inviata da Roberto Malfatti - 5/8/2016 - 14:58



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org