Lingua   

Figli di nessuno

Alfonso De Pietro
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Liberazione
(Alfonso De Pietro)
Peppino (canzone civile per Impastato)
(Alfonso De Pietro)


[2011]
Album (In)cantocivile

p01-8032484730762

La situazione dei migranti di oggi letta attraverso l’immagine dei migranti di ieri.
“Partono ‘e bastimente
pe’ terre assaie luntane… luntane…”
quante donne e quanti uomini
un tempo hanno attraversato il mare
in cerca di fortuna partivano
sotto “’a luna mmiezz‘ ‘o mare”
con nient’altro che un sogno una speranza
una preghiera e la paura

Non temere amore,
diceva braccia da bracciante ad occhi di cielo,
non temere, in fondo cosa abbiamo da perdere
se non fame miseria e dolore
quante donne e quanti uomini
ancora attraversano il mare
con nient’altro che un sogno una speranza
una preghiera e la paura

E sono braccia e occhi
e sono vite spezzate e umiliate
di lacrime e sangue
versati su un mondo guardato da fuori
che mai si gira a guardarli
‘sti figli ‘e nisciuno, ‘sti figli ‘e nisciuno,
questi figli di nessuno

Basta andare lontano, lontano
oltre la notte cambia colore
cambia sapore ogni cosa
eppure è così dura
è dura andarsene lasciare fuggire
senza voltarsi indietro partire
con nient’altro che un sogno una speranza
una preghiera e la paura

E cento, mille, milioni
partono ancora
e arricchiscono il mondo di nuovi colori
di suoni di diverse culture
perché il mondo
è terra ‘e nisciuno, è terra ‘e nisciuno,
è terra di nessuno

E sono braccia e occhi
e sono vite spezzate e umiliate
di lacrime e sangue
versati su un mondo guardato da fuori
che mai si gira a guardarli
‘sti figli ‘e nisciuno, ‘sti figli ‘e nisciuno,
questi figli di nessuno

inviata da dq82 - 4/6/2016 - 14:30



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org