Lingua   

Dives and Lazarus

Alex Comfort
Lingua: Inglese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

One Man's Hands
(Pete Seeger)
There's Rain in the Forest
(Alex Comfort)


[1965]
Parole e musica di Alex Comfort (1920-2000), scienziato britannico, pacifista e antinuclearista, celebre pure per il suo manuale illustrato di sessuologia intitolato “The Joy of Sex” del 1972.
Testo e musica pubblicati sul # 62 del Broadside Magazine, 15 settembre 1965

Alex Comfort


Riscrittura della Child ballad 56, quella che – basandosi sulla parabola evangelica di Lazzaro e del ricco Epulone (Luca 16, 19-31) – raccontava di Mr Dives (dal latino, ricco) e del poor Lazarus che invoca le briciole del suo banchetto. Il ricco bastardo arriva a scagliargli contro i servi – che però non hanno cuore di bastonarlo – e i cani – che anziché sbranarlo gli leccano le piaghe… Però qui, a differenza di quanto accade sempre nei Vangeli, il povero Lazzaro non crepa, la sua ricompensa non sarà un menzognero paradiso, ma si organizza con gli altri e diventa comunista… A friggere all’inferno dopo un attacco di cuore dovuto all’eccesso di libagioni sarà solo il ricco Dives…

Dives sat in the Hilton Grill
Yelled for a two-pound steak
When he saw that Lazarus
Sitting at the gate

Oh hungry man, go a-way from me
Get back from my door
Can’t you see I’ve company?
Never come here no more, no more
Never come here no more


Sure I’m sad your baby died
Don't you have the dole?
You should to live on air
Practice birth control?

Oh hungry man, go a-way from me…

I'm not greedy, I’m not bad
I don't eat for me
My pot belly working
For our Free Economy.

Oh hungry man, go a-way from me…

Like that cutworm on the leaf
I’m going to have my snack
Eat the surplus day by day
Until my heart attack.

Oh hungry man, go a-way from me…

I'm just laying down my life
Keeping business good –
You’re going to die of hunger, man
But I'm going to die of food.

Oh hungry man, go a-way from me…

Ten long years are past and gone
So the stories tell -
Lazarus went Communist
But Dives fried in Hell…

inviata da Bernart Bartleby - 29/2/2016 - 11:07




Lingua: Italiano (Piemontese)

La versione piemontese, dettata da una cameriera di Torino a Costantino Nigra, nel suo Canti popolari del Piemonte, 1888.
Qui sono addirittura Cristo e sua madre che incontrano il ricco bastardo. Di Lazzaro che muore di fame non si parla nemmeno. E’ solo il ricco a crepare e a ricevere il tormento infernale eterno dopo un tardivo e patetico pentimento…
IL RICCO EPULONE

O vérgine Maria, madre del Redentor,
Regina del rosari, madre del Signor!


Gezü Crist e la Madona andazio domandand,
A 1a porta d’cul gran ricun limozna andazio ciamand.
- Poduma pa fè limozna, ch’i l’uma nè vin nè pan. -
Dè-me almanca le fèrvaje ch’a tumbo da vostra man.
- Le fërvaje ch’tumbo da ’n man sun bunhe për ël me can. -

O da lì dui o tre giurn cul gran ricun a l’è mort.
A l’è andà pichè la porta, 1a porta dël paradis.
San Giùzep dis a San Pietro: - Guardè ’n po’ chi pica lì.
- O s’a l’è cul gran ricun, che d’limozna l’a nen volsǜ fè. -

La porta dèl paradis l’è sarà e baricà.
Ma le porte de l’infern a sun larghe e spalancà.
L’an pruntà-je üm cüssin d’fiama e üm matarass d’carbun.
- S’i podéis sorti da sì, tüti i pòver voria vestì.
- O no, no, che vui da lì sortirei mai pi, mai pi. -

inviata da Bernart Bartleby - 29/2/2016 - 11:08




Lingua: Italiano

Traduzione italiana dello stesso Nigra.
IL RICCO EPULONE

O vergine Maria, madre del Redentor,
Regina del rosario, madre del Signor!


Gesù Cristo e la Madonna andavano domandando,
alla porta di quel gran riccone elemosina andavano chiedendo
- Non possiamo fare elemosina, che non abbiamo nè vino nè pane. –
Datemi almeno le briciole che cadono dalla vostra mano.
- Le briciole che cadono di mano sono buone per il mio cane. –

Di lì a due o tre giorni quel gran riccone morì.
Andò a picchiare alla porta, alla porta del paradiso.
San Giuseppe dice a San Pietro: - Guardate un po’ chi picchia lì.
- Oh! egli è quel gran riccone che di elemosina non ne volle fare. –

La porta del paradiso è chiusa e barricata.
Ma le porte dell’inferno sono larghe e spalancate.
Gli apparecchiarono un guanciale di fiamma e una materassa di carboni.
- Se potessi sortir di qui tutti i poveri vorrei vestire.
- Oh! no, no, che voi di lì non sortirete mai più, mai più. -

inviata da Bernart Bartleby - 29/2/2016 - 11:09



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org