Lingua   

Mind Your Manners

Pearl Jam
Lingua: Inglese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Kurt Vonnegut: Slaughterhouse-Five, or the Children's Crusade: A Duty-Dance With Death
(LA CCG NUMERO 15000 / AWS NUMBER 15000)
Army Reserve
(Pearl Jam)
La religione dei potenti (Lascia pur che dica Iddio)
(Dario Fo)


da "Lightning Bolt" (2013)
Parole di Eddie Vedder
Musica di Mike McReady
Video di Danny Clinch

 Mind Your Manners


Sicuramente una canzone anticlericale, scritta come reazione alle notizie di abusi sessuali sui minori da parte di sacerdoti cattolici, una rivendicazione del diritto di non credere in dio, ma anche - grazie al bel video diretto da Danny Clinch - una vera e propria canzone contro la guerra che ci esorta a darsi da fare per migliorare il mondo senza nascondersi dietro facili alibi auto consolatorie tipo "non possiamo fare nulla per cambiare le cose".

«Ho avuto parecchie discussioni riflettendo sulla chiesa e sulla religione. Ho provato a scrivere questa canzone dal punto di vista di una persona che fosse realmente coinvolta nella religione, che ci si fosse formata, che ci avesse dedicato dell'impegno. Poi, finalmente, quando viene a sapere dei bambini abusati in quel modo terribile e del fatto che quella gente stesse cercando di insabbiarlo di fronte al resto del mondo, viene colto da un attacco di rabbia improvviso».

(Eddie Vedder)


IL VIDEO DI “MIND YOUR MANNERS”
di stip da The Sky I Scrape
traduzione di Lorenzo Masetti

Mind Your Manners Video


Eccolo pubblicato, il primo video da Lightning Bolt, e sembra dirci abbastanza di come la band interpreta la canzone (e forse può essere una guida per capire l'intero album). Qualcuno lo ha descritto come il figlio illegittimo dei video di Do The Evolution e The Fixer, ed è una buona definizione. Si vedono immagini di una civiltà al collasso, che era il segno distintivo del video di DTE, più la teatralità rock un po' sciocca di The Fixer. Se stiano bene insieme sarà lo spettatore a deciderlo, anche se cercherò di spiegare in breve perché il regista ha provato a mettere insieme questi due aspetti.

La mia prima impressione della canzone Mind Your Manners era che si trattasse di una tirata anti-religiosa (dato il verso “Mi sono trovato a credere di aver bisogno di Dio” e il ritornello è chiaro perché), ma mi sembrava che ci fosse un messaggio più profondo e interessante, appena sotto la superficie, che viene reso esplicito nel video. Non si tratta semplicemente di una canzone contro la religione nel senso “non pensate che la religione organizzata sia orribile?”. L'ipocrisia religiosa è un bersaglio fin troppo facile per essere avvincente. Invece Mind your Manners è una canzone sull'imparare a vedere cosa sta succedendo nel mondo intorno a noi, e ad essere preparati a fare dei passi per fare qualcosa per migliorarlo. Infatti, la maggior parte delle immagini religiose nel video non ha niente a che fare con le varie chiese.

Invece il video presente una serie di rappresentazioni visive a volte sorprendenti, a volte sottili, a volte pesanti, di un mondo che sta collassando su se stesso. Spesso la prima volta l'immagine appare come animazione, ma poi viene mostrata l'immagine reale come a ricordarci che tutto questo sta veramente accadendo.

  • Maremoti, alluvioni, incendi boschivi, valanghe, deserti assolati dove un tempo crescevano gli alberi, tornado
  • Guerra (bombe, carrarmati, artiglieria)
  • Inquinamento, fumo, fuoriuscite di petrolio (animate e reali), aria inquinata (la statua della Libertà con la maschera antigas – una bella immagine del fallimento totale degli Stati Uniti nell'affrontare le questioni ambientali)
  • Avidità
  • Gli Stati Uniti in catene (il filo spinato sulla bandiera americana)
  • Il fulmine che colpisce la figura puritana (l'estasi o un commento sull'ipocrisia?)
  • Clessidre che contano il tempo che ci è rimasto

Tutto questo incorniciato dal video pubblicitario degli anni '60 che appare all'inizio e alla fine e che fa luce sull'introduzione al ritornello. Se questo è il mondo intorno a noi perché non stiamo gridando di sdegno? Perché questi problemi sono marginalizzati, minimizzati, o direttamente taciuti? Quante volte è stato citato il pericolo di catastrofe ambientale durante la campagna elettorale del 2012? Perché i politici non prendono in considerazione queste questioni? Perché il declino della nostra civiltà non è un problema a cui viene dato il risalto che merita? La risposta è che i potenti temono lo sfacelo, la distruzione dello status quo, la cancellazione della loro possibilità di essere rieletti, la fine della loro legittimazione. Anche se il re è nudo, come la storia ci insegna, è maleducato farglielo notare. Bada a come parli, ricorda le buone maniere!

Allora cosa c'entra la religione? Sono molte le immagini religiose nel video – l'anima perduta che si ritrova nella foresta (una tradizionale metafora della ricerca spirituale), l'ascensione al paradiso, in fuga da questo mondo torturato, diretto da Dio (che con un colpetto fa cadere il pellegrino dalla nuvola e lo rispedisce giù). La canzone è una critica dell'idea di teodicea – la convinzione che questo sia il migliore dei mondi possibili, che i grandi problemi mondiali sono oltre la nostra portata, e che ogni tentativo di affrontarli non farà altro che peggiorare le cose. Dunque, non sono più problemi nostri, e non siamo obbligati moralmente a occuparcene. Una filosofia della passività. Originariamente questo è un concetto religioso, ma l'idea può essere facilmente fatta propria da fondamentalisti del libero mercato, darwinisti sociali, o da chiunque sostenga che non siamo in grado di fare qualcosa per il mondo. E comunque chi se ne frega, in ogni caso che differenza fa. Fin quando la tua anima è in regola con Dio, tutto andrà bene per TE alla fine.

E se invece questo fosse sbagliato? E se potessimo fare meglio? E se dovessimo fare meglio? Nel video, dio prende l'uomo che sale al paradiso e lo rispedisce sulla terra. Incastrato, intrappolato quaggiù, nel bene e nel male. Allora dato che siamo condannati a restare in questo mondo potremmo anche provare a renderlo un posto migliore per vivere. Ecco allora che durante il secondo ritornello abbiamo davanti immagini di distruzione visti a ritroso [come nella celebre descrizione di Mattatoio n.5 NdR]. Se smettiamo di accettare l'ineluttabilità degli eventi, possiamo fare qualcosa di diverso.

Ma questo non è un lavoro da eroi. Questo un progetto in cui tutti e ognuno di noi si deve impegnare. E quindi il cliché della rock star appare nel video, in parte perché divertente, e in parte come contrapposizione alla gravità dei problemi ai quali siamo confrontati. Ma forse può anche voler significare che non ci sono eroi a migliorare le cose. Non ci sono venti persone che si siederanno in una stanza e risolveranno tutti i nostri problemi. E non basta nemmeno che qualche celebrità cerchi di richiamare l'attenzione su queste cose, perché alla fine dei conti una celebrità è solo uno stronzo che salta su e in giù in controluce davanti a uno schermo blu. Dopo tutto, questo filmato è un una TV dentro il video, ad insinuare che stiamo ricevendo ordini, o che essere uno spettatore non è sufficiente. Se il mondo non si salverà da solo, dobbiamo rimboccarci le maniche, tutti, e metterci al lavoro.


Il testo è stato ripreso dal libretto del cd originale. Quelli che si trovano in rete sono quasi tutti sbagliati.
I've got an unfortunate feeling
I been beaten down
I feel I'm done believing
now the truth is coming out

What they've taken is
more than a vow
They've taken young innocents
And then they throw them on a burning pile
Ah ah ay ay

And all along they're saying
"Mind your manners!"

I caught myself believing
That I needed God
And if it's out there somewhere
We sure could use hymn now

Try my patience!
My patience tried
This world's a long love letter
That makes me wanna cry
Ah ah ay ay

And all along they're saying
"Mind your manners!"
That's all they're saying

Self-realized and metaphysically redeemed
May not live another life
May not solve our mystery

And all along they're saying
"Mind your manners!"
Always praying

Go to Heaven
That's swell
How you like your living in Hell?

Go to Heaven
That's swell
How you like your living in Hell?

23/1/2016 - 20:48



Lingua: Italiano

Tentativo di traduzione italiana di Lorenzo Masetti

Non sono molto sicuro della traduzione del verso "We sure could use hymn now" che penso sia un gioco di parole con " We sure could use HIM now" (ma nel libretto è scritto hymn).
NON SIATE MALEDUCATI

Ho una sensazione spiacevole
di essere stato sconfitto
Sento che ho chiuso con il credere
ora la verità sta venendo fuori

Altro che prendere
i voti
Hanno preso giovani innocenti
e li han gettati in un rogo rovente
Ah ah ay ay

E non fanno altro che dire
“Non siate maleducati!”

Mi sono sorpreso a credere
di avere bisogno di Dio
e se è là fuori da qualche parte
di certo potremmo usarlo come inno

Metti alla prova la mia pazienza!
La mia pazienza messa alla prova
Questo mondo è una lunga lettera d'amore
che mi fa venire voglia di piangere
Ah ah ay ay

E non fanno altro che dire
“Non siate maleducati!”
non dicono altro

Autorealizzati e metafisicamente redenti
Potreste non vivere un'altra vita
Potreste non risolvere il nostro mistero

E non fanno altro che dire
“Non siate maleducati!”
Sempre a pregare

Andare in paradiso
è fantastico
Quanto ti piace la tua vita all'inferno ?

Andare in paradiso
è fantastico
Quanto ti piace la tua vita all'inferno ?

23/1/2016 - 22:44



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org