Lingua   

Senza paura delle rovine

Vintage Violence
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Fuori dal partito
(Vintage Violence)
Il processo di Benito Mussolini
(Vintage Violence)
Natale lavavetri
(Vintage Violence)


[2014]
Album: Senza paura delle rovine
Testo e musica di Rocco Arienti


 Senza paura delle rovine
Quando si avverano le scene di Salò
L’azoto liquido è la giusta terapia
Aspetterò che il sole torni su Debord
E la Locomotiva sulla ferrovia
Scappa dalla polizia, scappa dalla polizia
Scappa dalla polizia, scappa dalla polizia
Anima mia
Arriverà l’inverno sui nostri lunedì
Cadrà la neve sulla tua malinconia
Tra mille anni ci rivedremo qui
Ci sveglieremo quando sorge l’utopia
Scappa dalla polizia, scappa dalla polizia
Scappa dalla polizia, scappa dalla polizia
Sali sull’altare della fine senza paura delle rovine
Sali sull’altare della fine senza paura delle rovine
Senza paura delle rovine
Dei miei sassi nelle vetrine
Della tua voce al cellulare
Delle corde da cambiare
Per lasciarti questa musica volgare
Per conservare la violenza primordiale.

inviata da daniela -k.d.- - 4/12/2015 - 23:48


molto bello, molto bello. E neanche li conoscevo. Beh, immagino che questo sito serva a questo.

Commento non molto costruttivo, ma prendetelo come un grazie. Si trova molta bella musica.

leoskini - 8/12/2015 - 20:11



Lingua: Inglese

Traduzione inglese di leoskini
WITHOUT FEAR OF THE RUINS

When scenes from Salò come true
Liquid nitrogen is the right therapy
I will wait for the sun to come back over Debord
And the locomotive on the rails
Run away from the police, run away from the police
Run away from the police, run away from the police
My soul
The winter will come over our Mondays
The snow will fall over your melancholy
In a thousands years we will meet again here
We will wake at the rise of the utopia
Run away from the police, run away from the police
Run away from the police, run away from the police
Get on the altar of the end, without fear of the ruins
Get on the altar of the end, without fear of the ruins
Of my stones against the shop windows
Of your voice at the phone
Of the strings to change
To leave you with this vulgar music
To preserve the primal violence

inviata da leoskini - 27/12/2015 - 13:54



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org