Lingua   

Soudarded a mem bro

anonimo
Lingua: Bretone (Gwenedeg)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Geotenn ar marv
(Denez Prigent)
La presó de Lleida
(Josep Maria Espinàs)
Konskried Sant Trefin
(anonimo)


Brano trovato su Son A Ton – Chansons traditionelles bretonnes, come tratto dalla raccolta “Guerzenneu ha soñnenneu Bro-Guened / Chansons populaires du Pays de Vannes” (Regione di Vannes, Morbihan, bassa Bretagna) pubblicata nel 1911 e curata da Maurice Duhamel (1884-1940), musicista e uomo politico bretone.

“Prisonniers militaires travaillant dans une cour de prison.”, disegno di Léon Couturier (un pittore che non deve essere confuso con l’omonimo illustratore anarchico)
“Prisonniers militaires travaillant dans une cour de prison.”, disegno di Léon Couturier (un pittore che non deve essere confuso con l’omonimo illustratore anarchico)


Un soldato prigioniero (non di guerra, ma recluso nel carcere della propria guarnigione per qualche imprecisata condanna - insubordinazione? Diserzione? Vigliaccheria di fronte al nemico? Comunque, per intolleranza alla durezza della vita militare...) implora i camerati suoi conterranei, che stanno partendo in licenza, di non rivelare alla famiglia la sua triste condizione…
Soudarded a mem bro, pen deet é permision, O!
Soudarded a mem bro, pen deet é permision, O!
Soudarded a mem hro, pen deet é permision,
Laret ket de me zad penaos vein ér prizon !

Laret ket de me zad penaos vein prizonet, O!
Laret ket de me zad penaos vein prizonet, O!
Laret ket de me zad penaos vein prizonet,
Rak michér ur soudard zou ur vichér kalet!

inviata da Bernart Bartleby - 5/11/2015 - 13:07



Lingua: Francese

Traduzione francese dal sito “Son A Ton” citato.
SOLDATS DE MON PAYS

Soldats de mon pays, quand vous irez en permission - O !
Soldats de mon pays, quand vous irez en permission - O !
Soldats de mon pays, quand vous irez en permission,
ne dites pas à mon père que je suis en prison !

Ne dites pas à mon père que je suis prisonnier - O !
Ne dites pas à mon père que je suis prisonnier - O !
Ne dites pas à mon père que je suis prisonnier,
car le métier du soldat est un rude métier !

inviata da Bernart Bartleby - 5/11/2015 - 13:07


Ho dimenticato di specificare che il bretone di questa canzone e il dialetto vannetais, cioè quello parlato nei Pays de Vannes...

Bernart Bartleby - 5/11/2015 - 13:09


Il disegno in immagine è datato intorno al 1920...

B.B. - 5/11/2015 - 13:22


Il quale, ti garantisco, è un dialetto parecchio differente dagli altri della lingua bretone, tanto che si parla di "bretone KLT" (da Kernew-Leon-Treger, ovvero "Cornovaglia-Léon-Trégor") ben distinto dal Gwenedeg, o "Vannetais" in francese. Propriamente, il Vannetais è il dialetto proprio di gran parte del Morbihan ("Mar Piccolo", sembra quasi tarantino...) che è una strana regione bretone dove crescono le palme e c'è un clima quasi mediterraneo (ripeto: quasi). Il "bretone unificato" degli ultimi anni si basa quasi interamente sul KLT, comunque; però ho l'Assimil di Fanch Morvannou dove s'insegna un po' anche il Vannetais. Ha una pronuncia che veramente lo rende incomprensibile anche a chi conosce un po' il resto del bretone.

Riccardo Venturi - 6/11/2015 - 00:41



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org