Lingua   

Josué Piquét

Valeria Tron
Lingua: Occitano


Ti può interessare anche...

Lo grand tramblament
(Massilia Sound System)
Pablo Neruda
(Joanda)
Senza dire niente
(Valeria Tron)


[2014]
Parole di Valeria Tron
Musica di Valeria Tron e Joglar (Valeria Tron – chitarra e voce, Marco Casazza – violino, Paolo Gelato – chitarra, Gianluca Banchio – percussioni)
Nel disco intitolato “Lêve les yeux”
Testo trovato su YouTube, come contribuito da Paolo Gelato, membro dei Joglar

Lêve les yeux

Valeria Tron è cantante, musicista ed autrice originaria di Rodoretto (1.400 metri slm), frazione del Comune di Prali, in Valle Germanasca, provincia di Torino.
Rodoretto – per dirne una - dista solo qualche chilometro dalla Balsiglia, sopra Massello, il luogo che vide l’eroica resistenza dei valdesi che nel 1689 erano tornati in armi da Ginevra per riprendersi le loro valli, perdute nel corso delle feroci persecuzioni subite nei decenni precedenti.
E le canzoni di Valeria Tron, scritte nel patois occitano della valle, risentono inevitabilmente di questa tradizione resistente.



Una storia di amicizia, di guerra e di morte, anche se non so bene a quale guerra si riferisca e se racconti una storia realmente accaduta…
Josué Piquét al à tréi fraire
lou pi jouve â s' nën vai
d'uno soursiero calinhaire
ent â boun dâ mê dë mai.
A Marséllho lh'à guèro
la sënso mar la naou s'ën vai
òoub soun chapèl dë lano niero
quë ooub la muzico së dei fai.

... Pè nu…

Ën lh'ëscarpoun moc uno priero
moc uno vous ën soun vioulin
òoub lou fla coùërt ën la néou frecho
sëntìo soun sanc a rulhëntî.
Ën lh'eulh bloi qu'eicrammën larma
lh'à un boun Diou sënso sa croû
A lâ masca d'uno flammo
balho lou soun d'ën semitoun

... Pè fréit…

Soc la muzico deifai l'ê la lëngo e lou paî
E soc vai couze la guèro e le vitto d'un amîs.
Josué Piquét al à tréi fraire
quë së soun përdù ënt la mar
a lou boun Diou, quë l'ê un boun paire
un aoutre fraire lh'à mandà.
P'lâ mountannha î lî an vît coure, sënso pan e sënso vin
Coum un plour tramolo ën l'aire, la carn morto d'un fuzilh.

... Pè strac…

Veui ën queur noou ënt â fiel- fère
veui uno croû toutto për mi
Dint l'ënfèrn, cubèrta d' feullha
vîtën la vous dë moun vioulin
Î m'an deivizà la goulo
peui la lëngo, peui lî pè
A Marséllho, la néou rouso
callo adréit aval dâ sèel

... Pè fréit…

Souno për mì...

inviata da Bernart Bartleby - 2/11/2015 - 10:49



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da YouTube
JOSUÉ PIQUÉT

Josué Piquét ha tre fratelli
il più giovane è partito
fidanzato con una fattucchiera
nel buono del mese di maggio.
A Marsiglia c'è la guerra
senza mare è partita la nave
Col suo cappello di lana nera
che si disfa con la musica.

... Piedi nudi...

Negli scarponi, una preghiera sola
sola una voce nel suo violino.
Col fiato corto nella neve fresca
sentiva il sangue arrugginirsi.
Negli occhi blu che scremano lacrime
c'è un Dio senza croce
al fantasma di una fiamma lontana
sbadiglia il suono di un organetto..

... Piedi freddi...

Quello che la musica scioglie sono la lingua e il paese
quello che va a cucire la guerra è la vita di due amici.
Josué Piquét ha tre fratelli
che sono dispersi in mare
ma il fato fa da padre
mandandone uno nuovo.
Per le montagne li hanno visti correre, senza pane e senza vino
poi un pianto vibra nell'aria, la carne morta di un fucile.

... Piedi stanchi...

Voglio un cuore nuovo nel filo spinato
voglio una croce tutta per me.
In quest'inferno, coperte di ceneri
vestono la voce del mio violino.
Mi hanno squarciato la gola
poi la lingua, poi i piedi...
A Marsiglia
neve rossa scende dal cielo.

... Piedi freddi...

Suona per me...

inviata da Bernart Bartleby - 2/11/2015 - 10:50



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org