Lingua   

La ballata della mietitura

Lucina Lanzara

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Testimone di giustizia
(Fabrizio Varchetta)
E la vita dei mondine
(Coro delle Mondine di Opera)
Me 'nnamoravo de te
(Fabrizio Moro)


[2008]
Parole di Nonuccio Anselmo, giornalista e scrittore siciliano
Musica di Lucina Lanzara
Nell’album intitolato “VoXas”

VoXas
Lucina Lanzara

Fu quella notte
in cui accendesti il fuoco
e firmasti
la tua condanna;
fu quella notte
che guardasti il cielo
e trovasti
quella falce bianca.

Al primo luccicar dell’alba.

U frummentu cula
commu acqua ntra li ita,
si iecca nno surcu
pi ripigghiari vita.
Cumincia accussì
‘na canzuni d’u cori
picchì nun c’è fruttu
si prima nun mori.

E fu quel giorno
che ti sentisti forte
e firmasti
la tua condanna.
Sì fu quel giorno
che armato di falce
entrasti
dentro il mare giallo.

Il sole incendiava il vento.

La fauci tagghia
doppu l’inchinu:
un’è trarimentu,
è sulu distinu.
E’ accussì chi sicuta
a canzuni d’u cori
picchì puru u fruttu
frutta sulu si mori.

E fu quel giorno
in cui occupasti il feudo
e firmasti
la tua condanna.
Sì, in quel giorno
conoscesti la verità:
ogni zolla
ha il suo padrone.

Il sole si velava in cielo.

A imenta pista,
a spiga si spagghia:
d’un latu u frummentu,
di l’avutru a pagghia.
E’ accussì chi finisci
a canzuni du cori:
d’un latu si campa,
di l’autru si mori.

E fu quel giorno
che ti sentisti schiavo
e firmasti
la tua condanna.
Guardasti sul campo
i covoni del padrone
e sentisti
il peso del sudore.

All’orizzonte era già tramonto.

inviata da Bernart Bartleby - 21/8/2015 - 13:40



Braccianti e terre sottratte ai boss: "Siamo rimasti senza manodopera"
Una cooperativa di Gioia Tauro denuncia il boicottaggio dei clan


di Giuseppe Baldessarro, da La Repubblica del 21 agosto 2015

GIOIA TAURO. Il meccanico che si occupava della manutenzione dei trattori è andato via senza dare una spiegazione. Le ditte che venivano chiamate per sgomberare gli agrumeti dalla legna delle potature sono tutte sparite. Da mesi anche affittare una motozappa per qualche ora di lavoro è diventato impossibile. Non si trovano più neppure braccianti nella Piana di Gioia Tauro. O meglio, non se ne trovano disposti a lavorare sulle terre sequestrate al Gruppo Oliveri.

C'è puzza di 'ndrangheta nella storia denunciata dalla cooperativa Giovani in Vita, che si occupa di gestire i patrimoni che lo Stato ha sottratto ai criminali della provincia reggina. Un tanfo che si sente lontano un miglio e rischia di asfissiare il gruppo di ragazzi che da mesi faticano in attesa dei raccolti di gennaio e febbraio. Hanno resistito a tutto, negli anni. Sono andati avanti quando sono arrivate le minacce. Hanno continuato a lavorare quando hanno tagliato gli alberi e rubato i trattori. Ora però devono affrontare una strategia mafiosa tutta nuova. Nuova e, se possibile, ancora più subdola. Lo definiscono uno "stillicidio di azioni, tendenti a fare terra bruciata intorno alla cooperativa, tanto da creare serie difficoltà nello svolgimento del lavoro". In pratica è come se fosse passato un ordine preciso. Nella "roba" che i boss considerano cosa loro nessuno deve metterci più piede.

Di olive e agrumi nei 500 ettari che la Direzione investigativa antimafia ha sequestrato agli Oliveri ce ne sono tanti. I ragazzi di Giovani in Vita, per curarli e raccoglierli, pagano 240 mila euro allo Stato. Ma il prezzo non sarebbe un problema se si potesse lavorare. Contratti regolari per tutti e persino utili da reinvestire in azienda. I prodotti sono pregiati e ci sono già gli accordi per piazzarli nei supermercati del Nord Italia. Tuttavia c'è il rischio che al raccolto invernale neppure si possa arrivare. Il 12 agosto hanno rubato l'ennesimo trattore comprato dai soci, e di gente disposta ad affittarne uno non se ne trova.

Mancano le braccia, poi. E di braccia ne servirebbero tante nei prossimi mesi. Ci sono i soci, certo, e anche alcuni extracomunitari sono pronti a sfidare i segnali lanciati dai "padroni della Piana", ma non bastano. Serve più gente per tirare giù le olive dagli alberi, ci vorrebbero almeno 70 persone. Tra gli operai e i fornitori locali nessuno si fa avanti, anzi. Quando la coop ha provato a cercarli, si sono defilati. "Terra bruciata", la chiamano Rocco Rositano e Domenico Luppino, dirigenti della coop. I campieri dei padrini della piana di Gioia Tauro non sparano più come in passato. Niente sangue. Ora la nuova arma si chiama "isolamento", terra bruciata, appunto.

Bernart Bartleby - 21/8/2015 - 14:26



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org