Lingua   

Sicilia canta, Sicilia frana

Sicilia Canta, Sicilia Frana
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Poor Miner’s Farewell
(Aunt Molly Jackson)
U pumu
(Rosa Balistreri)
A lu vinti di innaru na matina (Il giorno di San Sebastiano)
(Franco Battiato)


[1978]
Parole e musica di Giuseppe Nicola Ciliberto (1942-), scrittore, poeta, compositore e pittore nativo di Ribera, in Provincia di Agrigento.

Sicilia canta, Sicilia frana, la musicassetta

Nel disco eponimo, pubblicato in LP e musicassetta nel 1978 con il finanziamento dell’emittente locale Radio Torre Ribera.



Nel 1977 Giuseppe Nicola Ciliberto – l’autore, fra l’altro, della bellissima Nustalgia (Nostalgia di Ribera) che fu dell’immortale Rosa Balistreri – insieme ai poeti Giuseppe Cannata e Vincenzo Bonafede e ai musicisti Enzo Argento, Vincenzo Ruvolo e Paolo Bono (quest’ultimo virtuoso del “friscalettu di canna”), fondò un gruppo musicale con l’intenzione di raccontare in presa diretta, con esibizioni dal vivo e trasmissioni dalle onde della radio locale, la Sicilia, la Sicilia che ride e che canta le sue virtù e le sue bellezze, la Sicilia che piange e s’indigna per le sue aberrazioni e contraddizioni: una Sicilia che canta in una Sicilia che frana.
(cantato)
E’ bedda assai sta terra di Sicilia,
cu li sò meravigli fa ‘ncantari,
lu sò profumu sempiri strabilia
ed’è ‘na gran rigina ‘mmezzu mari.
Nun manca nenti: suli, celu e mari
e d’aria frisca ‘nni fa ‘mbriacari,
Sicilia bedda sì un jardinu in ciuri,
si nun cciai nenti, cciai tantu splinduri.

(recitato)
Cadinu ponti e frananu stratuna,
mancanu brigli, mura e gabbiuna,
tutti li sciumi sunnu abbannunati
e trasinu di tutti li latati.
Frana Giurgenti e Caltanissetta
a Trapani si mori appena chiovi,
lu Bèlici li casi ancora aspetta,
a Gela e a Priolu l’inquinamentu trovi.
Tanti paisi sunnu abbannunati,
senz’acqua pi simani su lassati
e comu s’un bastassiru li mali
pi donu cciannu l’epatiti virali.
Li strati sù trazzeri e nò stratuna,
chini di fossi, curvi e allavancuna,
mentri li nostri treni, chi tirruri !
viaggianu sulu... a rallintaturi.

(cantato)
E’ bedda assai sta terra di Sicilia,
cu li sò meravigli fa ‘ncantari,
lu sò profumu sempiri strabilia
ed’è ‘na gran rigina ‘mmezzu mari.
Nun manca nenti: suli, celu e mari
e d’aria frisca ‘nni fa ‘mbriacari,
Sicilia bedda sì un jardinu in ciuri,
si nun cciai nenti, cciai tantu splinduri.

(recitato)
Nun ‘ni parlamu po’ di li spitala,
mischina dda pirsuna chi s’ammala,
parinu magasena di cuncimi
e pi murtalità sunnu li primi.
Cu è malatu e si voli curari
cu sacrifici fora avà scappari,
pirchì si trasi ccà ‘nti stu burdellu
lu scancianu pi carni di macellu.
Li scoli po’ sù propriu eccellenti
e vannu avanti a via di peni e stenti,
c’è cu fa trì mistera e c’è cu nenti
e semu ‘mmezzu a tanti listufanti.
Sunnu miliuna ormai li diplomati
e tanti e tanti li laureati,
aumenta sempri la disoccupazioni,
lu risultatu è l’emigrazioni.

(cantato)
E’ bedda assai sta terra di Sicilia,
cu li sò meravigli fa ‘ncantari,
lu sò profumu sempiri strabilia
ed’è ‘na gran rigina ‘mmezzu mari.
Nun manca nenti: suli, celu e mari
e d’aria frisca ‘nni fa ‘mbriacari,
Sicilia bedda sì un jardinu in ciuri,
si nun cciai nenti, cciai tantu splinduri.

(recitato)
Guvernu fraccu, talii allampanatu
e nun pruvvidi pi sta situazioni,
ma chi vò essiri propriu sfasciatu
di tutti chiddi cu mali ‘ntinzioni ?
Svigliativi pupazzi e marionetti,
spizzati chistu filu chi vi reggi,
sta lagnusia cu è ca vi la detti ?
lu culu sullivati di li seggi.
Pinsati a la Sicilia salvari
e l’emigranti fari riturnari,
sciuglitila pi sempri sta marredda
cussì cantamu:

(cantato)
E’ bedda assai sta terra di Sicilia,
cu li sò meravigli fa ‘ncantari,
lu sò profumu sempiri strabilia
ed’è ‘na gran rigina ‘mmezzu mari.
Nun manca nenti: suli, celu e mari
e d’aria frisca ‘nni fa ‘mbriacari,
Sicilia bedda sì un jardinu in ciuri,
si nun cciai nenti, cciai tantu splinduri.

inviata da Bernart Bartleby - 21/8/2015 - 09:12


Ringrazio per aver trovato (casualmente) su codesto sito internet i miei versi relativi al brano musicale dal titolo SICILIA CANTA, SICILIA FRANA inserito nell'Album omonimo registrato in LP e Musicassette nelo 1978.
Con un cordiale saluto
Giuseppe Nicola Ciliberto

Sito internet www.cilibertoribera.it

Giuseppe Nicola Ciliberto - 19/11/2018 - 14:25



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org