Lingua   

I nobili di Palermu

anonimo
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

La Sicilia camina
(Ignazio Buttitta)
O cuntadinu sutta lu zappuni
(Rosa Balistreri)
Ballatella contro i Borboni
(Otello Profazio)


[XVIII secolo?]
Nel suo libro “Rosa Balistreri - Rusidda... a Licatisa”, Nicolò La Perna attribuisce questa canzone alla collaborazione tra Ignazio Buttitta, autore dei versi, e Rosa Balistreri, che li mise in musica.
Ma su questa pagina del sito Teatrailer se ne cita il testo come prologo di una commedia brillante del Settecento di autore ignoto, una “Vastasata in tre atti” che narra della vita del popolo di Palermo a quell'epoca, già dominata dalla dinastia dei Borbone (che aveva invaso la Sicilia nel 1734).



La fonte citata riferisce inoltre che nel 1973 (o forse 1977) la commedia fu rielaborata da Ignazio Buttitta per una trasmissione su RAI1 intitolata “Seguirà una brillantissima farsa”, diretta da Piero Ponza. La piéce andò poi anche in scena a teatro con il titolo “Il cortile degli Aragonesi” (che divenne poi “U curtigghiu di li Raunisi”) nell’interpretazione di due mostri sacri del teatro e del cinema italiano, Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, insieme all’attore – anche lui palermitano verace – Franco Zappalà Sr.
I nobili di Palermu,
ca sannu i boni frasi,
chiamanu stu spittaculu
"Tiatru di vastasi".

Vastasi sunnu chiddi
ca stannu nte palazzi
e fannu a notti jornu
e tutti li ntrallazzi.

Nuatri semu artisti,
artisti pupulani:
cu trasi si diverti
nni duna un pezzu i pani.

Rapprisintamu a vita;
dicemu cosi veri:
i mbrogghi chi cumminanu
baruna e cavaleri.

I scannali e l'abusi
contru li puvireddi
ca ci paremu porci
e nni scorcianu a peddi.

A tassa du fucaticu;
u daziu nta farina
nuatri pani picca
e iddi a panza china.

E iddi nte palazzi
cu amanti nte divani,
nuatri ca famigghia
curcati dintra i tani.

U Re joca a la briscula;
parra napulitanu:
cu taci un sbagghia mai....
battemuci li manu!

Viva Burbuni
e u sinnacu du comuni!

inviata da Bernart Bartleby - 9/4/2015 - 11:45



Lingua: Siciliano

La versione attualizzata di Ignazio Buttitta, come riportata qui da Nicolò La Perna, autore della biografia “Rosa Balistreri - Rusidda... a Licatisa”.
I POLITICI ITALIANI

I politici italiani
ca sannu i boni frasi
chiammanu stu spittaculu
"Tiatru di vastasi".

Vastasi sunni chiddi
ca stannu nte i palazzi
e fannu a notti jornu
e tutti li intrallazzi

Nuàtri semu artisti,
artisti pupulani:
cu trasi si diverti,
nni duna un pezzu i pani.

Rapprisintammu a vita;
dicemu cosi veri:
imbrogghi chi cuminanu
i ministri ai ministeri.

I scannali e l'abusi
contru li puvireddi
ca ci paremu porci
e nni scorcianu a peddi.

A tassa supra a casa
u daziu nta farina
nuàutri pani picca
e iddi a panza china.

U Presidente joca a cummannari:
e parla l'italianu
cu taci un sbagghia mai
battemmuci li manu!

Viva l'Italia
e tutti l'Italiani!

inviata da Bernart Bartleby - 9/4/2015 - 11:46



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org