Lingua   

Lu bene re la mamma sì tu, figghja

Francesca Prestia
Lingua: Italiano (Calabrese)


Ti può interessare anche...

A terra vola
(C.P.F. (Cià Putiemu Fari))
Luglio
(La Rocha)
Una giornata diversa
(Il Parto delle Nuvole Pesanti)


E poi ci sono altre guerre, o meglio guerre nelle guerre, in cui il nemico è chi ti ha dato la vita o chi ne ha fatto parte da sempre. È una guerra in cui la morte è una spada di Damocle sempre pronta a trafiggere una vita già spogliata delle gioie fondamentali che le dovrebbero appartenere, quale l'abbraccio di un figlio per la buonanotte. Sono le guerre nelle famiglie di 'ndrangheta, guerre scatenate da madri coraggiose che si ribellano a un destino di malavita segnato dalla nascita per sé e, soprattutto, per i propri figli.

Giusy Pesce


Una di queste combattenti è Giusy Pesce, che si ribella al suo cognome e a quel che rappresenta, pagando la sua collaborazione con la giustizia con una vita in località protetta lontana dai suoi beni più preziosi, i suoi bambini. I suoi sentimenti li ha raccolti in una lettera, consegnata alla procuratrice che seguiva la sua collaborazione. Dal testo di quella lettera, Francesca Prestia, cantastorie calabrese, ha scritto e musicato una ninna nanna che è meravigliosa antitesi di quei canti di 'ndrangheta in cui le madri nutrono d'odio - e non d'amore - i loro piccoli. Ho avuto il piacere di ascoltare dal vivo questa ninna nanna a chiusura della presentazione al Salone del libro di Torino del volume "Ognuno faccia la sua parte", che raccoglie gli atti del ciclo di conferenze di Storia delle mafie italiane, organizzato da Collegio Universitario S. Caterina da Siena, di cui sono vicedirettrice.

Giusy Pesce ha fatto e sta facendo la sua parte; Francesca Prestia ce lo racconta, con la struggente passione della sua voce, nel testo e nella musica de "Lu bene re la mamma sì tu, figghja" .
A ninna ninna ninna ninnna e sonnu.
‘Sta picciuliddha mia la curcu e dormu.
Lu bene re la mamma sì tu, figghja
'nta notte scura sì comu na stiddha.
Jòrnu ppe jòrnu 'nta sti quattru mura
eu pensu a ttia e non 'nd'aju cchiù paura.

A ninna ninna ninna ninna e sonnu.
‘Sta picciuliddha mia la curcu e dormu.
La mamma ti vò bene ccu ru cori
cà chiddhu re li genti su paroli.
A mamma ti vò bene veramenti
cà chiddhu re li genti nun è nenti!

A ninna ninna ninna e sonnu.
Sta picciuliddha mia la curcu e dormu.
Lu bene re la mamma è chiaru e nettu
ccussì è la vita tua senza difettu.
Senza difettu, odiu nè violenza.
Na vita cu ra paci e na coscienza.

A ninna ninna ninna ninna e sonnu
sta picciuliddha mia la curcu e dormu.
Va fa lu sonnu ca domana a mari
si vo ra Madonna, t'haie purtari.
Purtari subra a luna, in capu a u mundu.
Assema, assema a ttia nun mi cumpundu.

Lu bene re la mamma si tu, figghja.
‘Nta notte scura sì comu na stiddha.
Jòrnu ppe jòrnu ‘nta sti quattru mura
eu pensa a ttìa e non 'nd' aju cchiù paura.

(sussurrando a sfumare)
A ninna ninna ninna ninna sia
sta ninna ninna ninna … cantamilla a mia!

inviata da Giovanna Torre - 17/10/2014 - 21:58



Lingua: Italiano

Versione italiana di Andrea
A ninna ninna ninna ninna e sonnu.
Questa piccolina mia corico e faccio addormentare.
Il bene della mamma sei tu, figlia
Nella notte buia sei come una stella
Giorno dopo giorno tra queste quattro mura
Io penso a te e non ho più paura.

A ninna ninna ninna ninna e sonnu.
Questa piccolina mia corico e faccio addormentare.
La mamma ti vuole bene con il cuore
Ché quelle della gente sono parole
La mamma ti vuole bene veramente
Ché quello della gente non è niente!

A ninna ninna ninna ninna e sonnu.
Questa piccolina mia corico e faccio addormentare.
Il bene della mamma è chiaro e pulito
Così è la vita tua senza difetto
Senza difetto, odio né violenza
Una vita con la pace e una coscienza.

A ninna ninna ninna ninna e sonnu.
Questa piccolina mia corico e faccio addormentare.
Va a dormire che domani a mare
Se vuole la Madonna, ti devo portare.
Portare sopra la luna, in capo al mondo.
Assieme, assieme a te non mi confondo.

Il bene della mamma sei tu, figlia.
Nella dotte buia sei come una stella.
Giorno dopo giorno tra queste quattro mura
Io penso a te e non ho più paura.

(sussurrando a sfumare)
A ninna ninna ninna ninna sia
Questa ninna ninna ninna … cantamela a me!

inviata da Andrea - 19/10/2014 - 20:53



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org