Lingua   

E i' venticinque luglio

anonimo
Lingua: Italiano (Toscano fiorentino)


Ti può interessare anche...

La banda di Valle Gesso
(anonimo)
Trentacinque
(Lello Vitello)
I' vìrusse, ovvero L' Alluvione adattata alle esigenze di' momento
(L'Anonimo Toscano del XXI Secolo e la Piccola Orchestrina del Costo Sociale)


[1943]

Si tratta di una strofa popolare intonata nel quartiere d'Oltrarno, a Firenze, all'indomani della caduta di Benito Mussolini col "Gran Consiglio del Fascismo" del 25 luglio 1943. Quartiere popolare di tradizioni fortemente antifasciste, l'Oltrarno fiorentino (San Frediano e Santo Spirito) lottò duramente già nel 1921, subendo una durissima repressione; repressione che si ripeté, ancor più terribile, con l'occupazione nazifascista a partire dal settembre del 1943 (si ricordino le numerose stragi, a partire da quella di piazza Tasso del 17 luglio 1944, i diciassette fucilati delle Cascine e l'attività dei cecchini che sparavano sui passanti e sulle donne in coda per l'acqua e per il pane nei giorni precedenti la liberazione di Firenze). Fu in Oltrarno dove fu più violenta la lotta partigiana, e dove entrò la Brigata Partigiana "Vittorio Sinigaglia". La breve strofa popolare esemplifica alla perfezione i sentimenti che allora aveva la popolazione d'Oltrarno, e che ha ancora.
E i' venticinque luglio
la fu vinta la vittoria
e o fascisti
è giunta l'ora:
la dovete riscontà!

inviata da Riccardo Venturi - 7/9/2014 - 23:23



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org