Lingua   

Fuck Or Kill

Peaches
Lingua: Inglese



da "Impeach My Bush" (2006)

Terzo lavoro per l’eccentrica artista statunitense Peaches. Fin dal titolo del suo nuovo album (“Impeach my bush”) si possono comprendere i toni molto accesi e caldi dei testi di Merril Nisker (vero nome della cantante), mentre dal punto di vista musicale il disco ricalca le sonorità electro-punk dei precedenti lavori.
Alla realizzazione dell’album hanno contribuito numerosi (e prestigiosi) ospiti tra i quali Josh Homme dei Queens Of The Stone Age (“Give’er”), Joan Jett (“You love it”) e Feist (“Give’er”).
(rockol)

La fiera del già sentito si apre con l’immancabile ritmo sincopato e il manifesto programmatico di Merrill che si dice disponibile a “fottere chi ha voglia”, baloccandosi poi con la parolina "bush" che, oltre a rimandare al Presidente degli Stati Uniti, significa appunto cespuglio. In quest’ambito erudito, vi lascio ben immaginare a quale cespuglio ella può alludere.

Onda Rock
I'd rather fuck who I want than kill who I'm told to
I'd rather fuck who I want than kill who I'm told to
I'd rather fuck who I want than kill who I'm told to
I'd rather fuck who I want than kill who I'm told to

Let's face it: we all want toosh
If I'm wrong impeach my bush
Let's face it: we all want toosh
If I'm wrong impeach my bush
impeach my bush
impeach my bush
impeach my bush
impeach bush
impeach bush

22/9/2006 - 14:51



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org