Lingua   

Lu meu patruni

Mimmo Cavallaro
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Passa lu mari
(Mimmo Cavallaro)
Prova tu
(Roberto Malfatti)
Cantata NO MUOS
(Matilde Politi)


[2001?]
Parole e musica di Mimmo Cavallaro
Già nel repertorio dei Tarankhan, formazione di Mimmo Cavallaro con Francesco Loccisano e altri.
Poi nel disco dei TaranProject (Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea) intitolato “Sonu” (2013)

Sonu
Chjovi, chjovi, chjovi, chjovi,
la gatta faci figghjoli,
e lu surici si marita
cu' la coppula di sita...
Gajineja zoppa zoppa,
quanti pinni teni 'ncoppa?
Eu tegnu vintiquattru:
unu, dui, tri e quattru


E lu patruni meu esti tirannu,
mi fici mu lu perdu a mia lu sonnu,
mu zappu nott'e jornu a lu pantanu
mu si li linchi bboni li giarruni.

Mi partu la matina quann'è l'arba,
la sera mi ricogghju a notti scura,
a casa mi 'ndi tornu trappa trappa:
- apri mugghjeri mia, su' fattu stuppa!

Lu jornu di la festa canto e abballu,
ma lu me cori no nun è cuntentu,
penzu li picciridi senza pani,
li scarpi rutti e lu culu di fora.

Cu ha mugghjeri bella sempi canta,
cu 'ndavi sordi pocu sempi cunta,
pe' nnui non c'è speranza e nè fortuna,
ma c'è alla casa di vussignuria.

Cucci cucci cagnoledu,
mi rubasti lu curtedu,
e mi dici che nun è vero,
e mi dici che nun è vero.


E lu patruni meu esti tirannu,
mi fici mu lu perdu a mia lu sonnu,
mu zappu nott'e jornu a lu pantanu
mu si li linchi bboni li giarruni.

Lu jornu di la festa canto e abballu,
ma lu me cori no nun è cuntentu,
penzu li picciridi senza pani,
li scarpi rutti e lu culu di fora.

Chjovi, chjovi, chjovi, chjovi,
la gatta faci figghjoli,
e lu surici si marita
cu' la coppula di sita...
Gajineja zoppa zoppa,
quanti pinni teni 'ncoppa?
Eu tegnu vintiquattru:
unu, dui, tri...

inviata da Bernart Bartleby - 20/7/2014 - 09:36



Lingua: Italiano

Traduzione italiana dal Mimmo Cavallaro Fan Club

“Chjovi, chjovi” e “Cucci cucci cagnoledu” fanno parte di alcune filastrocche popolari...
IL MIO PADRONE

Piove, piove, piove, piove...
la gatta fa i figlioli
e il topo va a sposarsi
con la coppola di seta.
Gallinella zoppa zoppa,
quante penne porti in groppa?
Ne porto ventiquattro,
una, due, tre e quattro.

Il mio padrone è tiranno,
mi fa perdere il sonno,
lavoro notte e giorno nel pantano
perché lui si riempia bene le giare.

Parto la mattina quando è l'alba,
la sera rientro a notte scura,
me ne torno a casa mogio mogio:
- apri moglie mia, son fatto stoppa!

Il giorno della festa canto e ballo,
ma il mio cuore non è contento,
penso ai piccolini senza pane,
con le scarpe rotte e il culo di fuori.

Chi ha la moglie bella sempre canta,
chi ha pochi soldi sempre conta,
per noi non c'è speranza nè fortuna,
ma c'è alla casa di Vossignoria.

Stai a cuccia cagnolino,
mi hai rubato il coltello,
e mi dici che non è vero,
e mi dici che non è vero...

Il mio padrone è tiranno,
mi fa perdere il sonno,
lavoro notte e giorno nel pantano
perché lui si riempia bene le giare.

Il giorno della festa canto e ballo,
ma il mio cuore non è contento,
penso ai piccolini senza pane,
con le scarpe rotte e il culo di fuori.

Piove, piove, piove, piove...
la gatta fa i figlioli
e il topo va a sposarsi
con la coppola di seta.
Gallinella zoppa zoppa,
quante penne porti in groppa?
Ne porto ventiquattro,
una, due, tre...

inviata da Bernart Bartleby - 20/7/2014 - 09:37


bella assai

Krzysiek Wrona - 21/7/2014 - 03:37



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org