Lingua   

Ballata pi Peppi Fava

Ignazio Buttitta
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Londra: il conto paro
(Mauro Geraci)
Mannaja all’ingegneri
(Otello Profazio)
Le mani sulla città
(Alessandro Sipolo)


[1984]
Versi di Ignazio Buttitta
Musica di Rosa Balistreri.
Testo trovato su Cultura Siciliana, sito curato da Nicolò La Perna.
Interpretata dalla stessa Rosa Balistreri.


Giuseppe Fava (Palazzolo Acreide, 15 settembre 1925 – Catania, 5 gennaio 1984), scrittore, giornalista, drammaturgo, saggista e sceneggiatore italiano, assassinato da Cosa Nostra.

Giuseppe Fava (Palazzolo Acreide, 15 settembre 1925 – Catania, 5 gennaio 1984), scrittore, giornalista, drammaturgo, saggista e sceneggiatore italiano, assassinato da Cosa Nostra.



Si veda anche Passa la banda di Giuseppe “Peppe” Giuffrida.
E per l’ultima ammazzata
e per l’ultima cunnanna che la mafia
o putiri a Sicilia ci manna.
Oh sintinza studiata
ca la vita unn’è scummissa
quannu ammazzannu un nemicu
a matina vannu a missa.
Si sapiva che Peppi Fava
era acerrimu nemicu
e fu giusta la sintinza
se a Catania facia spicu.
Prima d'iddru cintinaia
ci ni sunnu dintra i fossi,
arristaru ‘nda memoria
di cu campa e di cu morsi.
Vi facissi u nomi e tutti sunn’avissi
u chiantu a gula pi ta terra ca ogni
ghiornu perdi un figliu e resta sula.
Cuminciassi cu l’Alongi
cuntadinu prizzitanu
e cu Bernardinu Verru,
aviva u cori quantu un chianu,
cu La Torri e cu Chinnici abbracciati
cu la gloria, ca pi seculi e pi seculi
sunnu vivi e fannu storia.
Pi Turiddu Carnivali, Panepintu
e Terranova e li figli senza patri
ammazzati cu la droga.
Sta Sicilia che è un’isola
puviredda ‘nmezzu u mari
ma ‘nda un munnu p’accattarla
un c’è oru e un c’è dinari.
Peppi Fava ci cridiva e parlava
o popolinu, un c’è terra comu a nostra,
ci nasciu e ci caminu.
Na lupara ni dda notti
c’abbrusciau li pinni e l’ali
e nun sacciu se è miraculu
siddu perdi e un po’ vulari.
La Sicilia e la Mafia diffirenti
su sti cosi, differenti pi natura
comu diri spini e rosi.

inviata da Bernart Bartleby - 4/6/2014 - 10:01



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da Cultura Siciliana, sito curato da Nicolò La Perna.
BALLATA PER PEPPE FAVA

E per l'ultima ammazzata
e per l'ultima condanna che la mafia
al potere la Sicilia manda.
Oh sentenza studiata
perchè la vita non è una scommessa
quando ammazzano un nemico
la mattina vanno a messa.
Si sapeva che Peppe Fava era un
acerrimo nemico e fu giusta la sentenza
se a Catania si metteva in risalto.
Prima di lui centinaia ce ne sono dentro
le tombe e son rimasti nella memoria
di chi campa e di chi è morto.
Vi farei il nome di tutti se non avessi
il pianto in gola per questa terra che
ogni giorno perde un figlio e resta sola.
Comincerei con L'Alongi
contadino di Prizzi,
e con Bernardino Verro,
aveva il cuore grande quanto una pianura,
con La Torre e con Chinnici
abbracciati nella gloria
che per secoli e per secoli
sono vivi e fanno storia
Per Salvatore Carnevale, Panepinto
e Terranova ed i figli senza padri
ammazzati con la droga.
Questa Sicilia che è un'isola povera
in mezzo al mare
ma nel mondo per comprarla
non bastan oro né denari.
Peppe Fava ci credeva
e parlava con il popolino
non c'è terra come la nostra,
qui son nato e qui cammino.
Una lupara in quella notte
gli bruciò le penne e le ali
e non so se è miracolo
se perde e non può volare.
La Sicilia e la Mafia sono cose
differenti, per natura differenti
come dire spine e rose.

inviata da Bernart Bartleby - 4/6/2014 - 10:02



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org