Lingua   

Sentii cume la vusa la sirena

Dario Fo
Lingua: Italiano (Lombardo Milanese)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

La zolfara
(Ornella Vanoni)
Sèmm in vun sèmm in du
(anonimo)
Popolo che da sempre
(Dario Fo)


[1958]
Parole di Dario Fo
Musica di Fiorenzo Carpi (1918-1997), pianista e compositore.
Prima interpretazione di Ornella Vanoni nel 1958 nell’EP “Le canzoni della malavita”

Le canzoni della malavita


Una canzone bellissima che, come Hanno ammazzato il Mario, racconta di malavita, di perdenti, di ribellione, d’inconformità e di repressione.
Secondo me, ci sta. Poi, fate voi, o perfidi Admins. Ma non fosse altro per la sua bellezza, merita almeno un Extra (anche se ormai la categoria mi pare un po’ abusata, pure dal sottoscritto)
Sentii cume la vusa la sirena
vardì cum'è che curen i pulé
van tucc in curs Sempiun dopu l'Arena
perché in curs Sempiun gh'è el me belé.

El me belé se ciama Nin Barbisa
l'è el pu se drito che gh'è sui bastiun
l'è lu che l'ha fa föra el cap di ghisa
l'è lu che svöja i merci a la stasiun.

Stanot l'è andà a durmì de la sua nona
in via Tassio Primo al vintidu
l'avevi truvà in cà cu n'a barbona
e mi’ou sbatu föra tute e du.

G'han fa una spiada in stamatina
el sur l’è stai qual giuda rucheté
l'è stai cume dagh fogh a la benzina
la piasa l'era piena de pulé.

Quand sun rivada mi l'era per tera
me l'avevan butà là cumpagn d'un sac
i öcc guardavan fis in la scighera
me l'even cupà el me malnat.

Ghe sunt andada renta al me barbisa
gu dervì föra tuta la camisa
gu netà el sang cun l'acqua e cunt un strasc
gu sarà i öcc e metù in crusa i brasc.

Sentii cume la vusa la sirena
perché in curs Sempiun gh'è el me belé.

inviata da Bernart Bartleby - 11/5/2014 - 15:07


Pienissima di errori..

17/5/2017 - 00:54


Beh, se sai dai una mano a correggere...

Magari è meglio questa trascrizione da YouTube?

Sentì come la vusa la sirena
vardì cum'è che curen i pulé
van tucc in curs Sempiun
pres de l'Arena
perché in curs Sempiun
gh'è el me belé.
El me belé se ciama Nin Barbisa
l'è el pu se drito che gh'è sui bastion
l'è lu che l'ha fa fora el cap di ghisa
l'è lu che svuota i treni a la stasiun
l'è lu che svuota i merci a la Bovisa.
Stanot l'è anda a durmì da la sua mama
in via Tassio Primo al ventidu
l'avevi truvà in cà cu n'a putana
i avevi sbatu föra tute e do.
G'han fai una spiada stamatina
el sarà stai qual giuda rucheté
l'è stai cume dagh fogh a la benzina
la piasa l'era piena de pulé.
Quand sun rivada mi l'era per tera
me l'even butà là cumpagn d'un sac
i occ ieren fis ne la scighera
me l'even cupat el me malnat.
Ghe sunt andà visin al me barbisa
gu dervì föra la camisa
gu netà el sang cun l'acqua
e cunt un strasc
gu serà i öcc e metù in crusa i brasc.
Sentì cume la vusa la sirena...

B.B. - 17/5/2017 - 09:45


Caro BB, se tu aspetti che i famosi (e sovente anonimi) "segnalatori di errori" mettano personalmente mano ad una correzione, potrai dire che se ne occupino ai tuoi nipoti, e che diano una controllatina verso il 2054. E' una prassi consolidata in questo sito: chi vuole davvero correggere un testo non esatto, lo fa subito. Poi ci sono quelli/e tipo: "E' piena di errori", "Questa traduzione fa schifo", "E' tutto sbagliato" ecc.; io ci ho tutti ancora da rivederli. Ci penserà la seconda generazione del sito, e forse anche la terza. Salud!

Riccardo Venturi - 17/5/2017 - 10:30


In base al link YouTube di BB vi propongo una versione "più" corretta. Buona lettura e buon divertimento, Se qualcune fosse in possesso degli accordi (anche semplificati per chitarra ... sarebbe fantastico). Segue la mia versione

Sentì come la vusa la sirena
guardì cum'è che curen i pulé
van tücc in curs Sempiun
dopu de l'Arena
perché in curs Sempiun
gh'è el me belé.
El me belé se ciama Nin Barbisa
l'è el püsse dritu che gh'è sui bastiun
l'è lü che l'ha fa föra el cap di ghisa
l'è lü che ‘l svöia i merci a la staziun.

Stanot l'è ‘nda a durmì de la so nona
in via Tassio Primo al vintidü
l'avevi truvà in cà cun 'na barbona
e mi iù sbatü föra tütt e dü.
G'han fai una spiada in stamatina
el sù l’è stai un quai giüda rucheté
l'è sta cume dagh föc a la benzina
la piaza l'era piena de pulé.

Quand sun rivada mi l'era per tera
me l'even bütà là cumpagn d'un strasc
i öcc guardaven drizz in la scighera
me l'even cupa el me malnat.
Ghe sunt andà adré al me barbisa
gu dervì föra tüta la camisa
gu netà el sang cun l'acqua
e cunt un strasc
gu serà i öcc e metù in crus i brasc.

Sentì cume la vusa la sirena
perchè in curs Sempiun
gh’è ul mè belé

R. Gatti - 2/4/2018 - 13:35



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org