Language   

Povero Pisacane!

Pina Cipriani
Language: Italian (Cilentano)

List of versions


Related Songs

Zi' prevete nnucente e sfortunato
(Pina Cipriani)
Evviva Garibaldi!
(Pina Cipriani)
Vao giranno
(Anonymous)


Pina Cipriani.
Pina Cipriani.


La presente canzone è ricavata da una poesia di G. Liuccio, poeta dialettale Cilentano (zona che comprende la parte più meridionale della provincia di Salerno), pubblicata nella raccolta "Chesta è la terra mia!" del 1981 (Galzerano editore) dalla quale copio peddisequamente il testo mantenendo inveriata la grafia usata dell'autore.
Musicata da Franco Nico, è cantata da Pina Cipriani e presente nel cd "Chesta è la terra mia!", Compagnia del Sancarluccio, Napoli.
Currìti tutti quanti a la Certosa,
nge só treciento muorti pe la via!
Lo sango scorre a sciumo, sciorta mia!
E li surdati tornano a sparà.
Só li surdati re lo rre Burbone
armati co fucili e co cannuni.
Só assuti li bbreanti e li baruni
pecché chesta rivolta adda furnì.

Povero Pisacane!
Venuto ra luntano
ne vulìa rà na mano;
ne vulìa libberà.
Nsiem'a ttanta cumpagni
âno allucato forte:
"A li patruni morte!
Viva la libbertà!".
E mó só muorti accisi
scannati tutti quanti
e nui ra oi a nnanti
avimo ra penà.

Lo prevete re Sanza stammattina
s'è mmiso a sunà tutte le campane
e prerecanno co no Cristo mmano
ha ditto: "Sù, fedeli, combattiamo!".
Só cursi tutti attuorno pe li voschi,
so' cursi co le zappe e co l'accette,
se só purtate pure le scuppette
e tutte le cartucce pe sparà.

Povero Pisacane!
Venuto ra luntano
ne vulìa rà na mano;
ne vulìa libberà.
Nsiem'a ttanta cumpagni
âno allucato forte:
"A li patruni morte!
Viva la libbertà!".
E mó só muorti accisi
scannati tutti quanti
e nui ra oi a nnanti
avimo ra penà.

Contributed by MarcoChe - 2006/9/8 - 11:41




Language: Italian (Veneto Rovigotto)

La versione in veneto rovigotto (o rodigino che dir si voglia) di Marco "Che" Randolo:
PORO PISACAN

Corì tuti ala certosa
ghe tresento morti par le strade!
De sangue ghe nè a secià, pòri nialtri,
e i soldà del re Borbon
armà coi fusili e coi canon.
I'è vigniù fòra i briganti e i baroni
parchè sta rivolta la gà da finire.

Pòro Pisacan!
Vigniù da distante
chél voleva iutarse,
ch'el ne voleva libarar.
Insieme ai so' compagni
el gà bacaià forte:
"Ai paróni, morte!
Viva la libertà!"

Ma desso i'è morti copà,
scanà tuti quanti,
e nialtri da desso inanzi
gavemo da tirbolar.
El prete de Sanza, stamatina
el gà sonà tute le campane
e fin che'l predicava co' Cristo in man
el gà dito: "Su, fedeli, combattiamo!"
I'è cursi tuti int'i boschi
i'è cursi co' le zape e co'e' manare,
i sè portà i s'ciopi
e tute le munizion par sparare.

Pòro Pisacan!
Vigniù da distante
chél voleva iutarse,
ch'el ne voleva libarar.
Insieme ai so' compagni
el gà bacaià forte:
"Ai paróni, morte!
Viva la libertà!"

Contributed by MarcoChe - 2006/9/8 - 12:12




Language: Italian

Versione italiana di Marco "Che"
POVERO PISACANE

Correte tutti quanti alla Certosa,
ci sono trecento morti in mezzo alla strada!
Il sangue scorre a fiumi, ahimè!
E i soldati tornano a sparare.
Sono i soldati del re Borbone
armati con fucili e con cannoni.
Sono usciti i briganti ed i baroni
perchè questa rivolta deve finire.

Povero Pisacane!
Venuto da lontano,
ci volevi dare una mano,
ci volevi liberare.
Insieme a tanti compagni
hai gridato forte:
"Ai padroni, morte!
Viva la libertà!"
E ora sono stati uccisi,
scannati tutti quanti,
e noi, d'ora in avanti,
dobbiamo soffrire.

Il prete di Sanza, stamattina
ha suonato tutte le campane
e predicando con un crocifisso in mano
ha detto: "Sù, fedeli, combattiamo!".
Sono corsi tutti quanti nei boschi,
sono corso con le zappe e con le accette,
si sono portati anche i fucili
e tutte le cartucce per sparare.

Povero Pisacane!
Venuto da lontano,
ci volevi dare una mano,
ci volevi liberare.
Insieme a tanti compagni
hai gridato forte:
"Ai padroni, morte!
Viva la libertà!"
E ora sono stati uccisi,
scannati tutti quanti,
e noi, d'ora in avanti,
dobbiamo soffrire.

Contributed by MarcoChe - 2006/9/8 - 17:14




Language: Italian

Versione italiana di Carmen:
POVERO PISACANE

Correte tutti quanti alla Certosa
Ci sono trecento morti per la strada!
Il sangue scorre a fiume, ahimè!
E i soldati continuano a sparare.

Sono i soldati del re Borbone
Armati di fucili e di cannoni
Sono usciti i briganti e i baroni
Perché questa rivolta deve finire.

Povero Pisacane! Venuto da lontano
Ci voleva dare una mano, ci voleva liberare.
Insieme a tanti compagni, hanno gridato forte:
“Ai padroni morte! Viva la libertà!”
Ed ora sono stati ammazzati, scannati tutti quanti
E noi d’ora in avanti abbiamo da soffrire.

Il prete di Sanza stamattina
Si è messo a suonare tutte le campane
E predicando con un crocefisso in mano
Ha detto: “Su fedeli, combattiam!”

Sono corsi tutti intorno ai boschi
Sono corsi con le zappe e con le accette
Si sono portati pure i fucili
E tutte le cartucce per sparare.

Povero Pisacane! Venuto da lontato
Ci voleva dare una mano, ci voleva liberare
Insieme a tanti compagni, hanno gridato forte:
“Ai padroni morte! Viva la libertà!”
E ora sono stati ammazzati, scannati tutti quanti
E noi d’ora in avanti abbiamo da soffrire.

Contributed by Carmen - 2006/9/8 - 19:05



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org