Lingua   

Su testamentu

Peppino Mereu
Lingua: Sardo

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Fronteras
(Cordas et Cannas)
Lamentos d'unu nobile
(Peppino Mereu)
A Nanni Sulis II
(Peppino Mereu)


[Fine 1900 o inizio 1901?]
Testo trovato in “Peppino Mereu. Poesie complete”, a cura di Giancarlo Porcu, traduzione di Giovanni Dettori, Marcello Fois, Alberto Masala, Edizioni Il Maestrale, 2004.
Trovata su YouTube in un’interpretazione dei Tenores di Orgosolo risalente al 1961.


Una poesia forse davvero scritta in punto di morte, comunque non compresa nella raccolta originaria “Poesias” del 1899. In ogni caso quella di Mereu fu una vita intera trascorsa “in punto di morte”, che fu sempre di salute inferma e che morì a soli 29 anni, probabilmente per una grave forma di diabete. Ciò non gli impedì di cantare con forza, con coraggio e con ferocia la sua Sardegna afflitta dalla fame, dalla malaria e dal sopruso e dalla brutalità di “barones” e “feudatarios” e dei loro sgherri.



«Senza distinziones curiales devimus esser, fizzos de un'insigna, liberos, rispettados, uguales.»
«Senza distinzioni di casta dobbiamo essere tutti figli di un simbolo, liberi, rispettati, uguali.»

Peppino Mereu
Como chi so a lettu moribundu
morzo tranquillu, serenu e cuntentu,
però, prima chi lasse custu mundu,
cherz’iscrier su meu testamentu
e dimando chi siat rispettadu
su disizu ’e s’urtimu momentu.
Appena mi bidides ispiradu
inserrademi puru in battor taulas:
deo non cherzo baule forradu.
E nessunu pro me ispendat paraulas
in lodare, comente bi nd’ada,
chi finzas in sa fossa naran faulas.
Sa sepoltura la cherzo iscavada
foras de su comunu campusantu:
meritat gai s’anima dannada.
Non permitto s’ipocritu piantu
de benner a mi fagher cumpagnia,
cando so sutta ’e su funebre mantu.
Però si b’at persona cara e pia,
semplicemente, senza pompa vana,
rezzitet una santa avemaria.
Muda s’istet sa funebre campana,
non permitto su cantu, ne su teu,
de sa niedda ipocrita suttana.
Deo non so marranu creo in Deu
prite m’an imparadu a l’istimare
dae minore mama e babbu meu.
Però sos colvos los lasso bolare
bestidos de terrena finzione,
manc’a mortu nde cherzo fentomare.
E tantu in custa misera persone
b’at pagu pulpa ’e faghere biccada,
tenidebolla s’assoluzione.
S’anima mia tant’est già purgada;
pro su tantu patire at meritadu
su chelu, si est beru chi bi nd’ada.
Si pro casu unu paccu sigilladu
agattades, domando, pro favore,
non siat su sigillu profanadu.
Cuntenet un’istoria de dolore:
sunu litteras d’un’isfortunada,
dulche poema d’unu veru amore.
Duos ritrattos puru inie b’ada:
unu est de s’amorosa mama mia,
fattu sa die chi l’an sepultada;
S’atteru est de s’anzone chi tenia
in coro, cun amore tantu forte,
chi m’at leadu vida e pizzinnia.
De cuss’amore nde tenzo sa morte,
a s’ora de sa vida sa pius bella.
Ah! Decretu fatale e dura sorte.
Tue, in battor muros de una cella,
ses pianghende e preghende in segretu,
pover’isconsolada verginella!
E deo moribundu so in lettu:
[…]adu
morzo senza peccados in su pettu.
No appo mortu, no appo furadu,
morzo senza peccados birgonzosos,
perdono, non cherz’esser perdonadu.
Deo perdono cuddos ischiffosos
chi de su male meu an fattu isciala
cun sos libellos ignominiosos.
Perdono s’infamante limba mala,
cudda chi de velenu m’at bocchidu
tantu pro m’ider cun sa rughe a pala.
Perdono cuddos chi s’an divididu
unu bicculu ’e pane chi tenia
a s’ora chi m’an bidu pius famidu.
In mesu a tantos ramos de olia
deo cherz’esser su ’e sa cicuta,
pro imbolare un frastimu ebbia:
a chie m’at causadu custa rutta,
vivat chent’annos ma paralizzadu,
dae male caducu e dae gutta!
Custu frastimu est pesadu e pensadu
prite ca morrer non devia ancora,
comente molzo de coro airadu.
Serpentes viles, perfidas coloras
fatt’azis de prunizza avvelenada
una foresta in su regnu ’e Flora.
E cando m’azis bidu chenz’ispada
viles, azis tentu s’attrivida
dandemi sa funesta pugnalada.
E como a sos istremos de sa vida,
pro ricupensa de s’attu villanu
bos do sa tremenda dispedida.
Peppe Mereu bos toccat sa manu

inviata da Bernart Bartleby - 2/1/2014 - 10:57



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da “Peppino Mereu. Poesie complete”, a cura di Giancarlo Porcu, traduzione di Giovanni Dettori, Marcello Fois, Alberto Masala, Edizioni Il Maestrale, 2004.
IL TESTAMENTO

Ora che son nel letto moribondo
muoio tranquillo, sereno e contento,
però, prima che lasci questo mondo,
voglio scrivere il mio testamento
e pretendo che sia rispettato
il volere dell’ultimo momento.
Non appena vedrete che ho spirato
rinserratemi pure in quattro legni
non voglio un baule foderato.
E nessuno per me parli o dia segni
per lodare, ma sol con la facciata,
che persino alla fossa sono indegni.
La sepoltura voglio sia scavata
fuori dal comune camposanto:
così merita l’anima dannata.
Non permetto all’ipocrita pianto
che venga per farmi compagnia,
quando sarò sotto il funebre manto.
Ma se c’è una persona cara e pia,
semplicemente, senza pompa vana,
che reciti una santa avemaria.
E taccia la funebre campana,
non permetto né il canto, né il ronzio
della nera ipocrita sottana.
Io non sono marrano, credo in Dio
ché me l’hanno insegnato a venerare
da piccolo la madre e il padre mio.
Però i corvi li lascio volare
vestiti di terrena finzione,
manco morto li voglio nominare.
Come in me, nelle misere persone
c’è poca polpa, e da beccar non dà,
vi potete tener l’assoluzione.
L’anima mia da sé purgata è già;
per il tanto patire ha meritato
il cielo, s’è vero l’aldilà.
E se per caso un plico sigillato
troverete, domando, per favore,
che non ne sia il sigillo profanato.
Contïene una storia di dolore:
sono lettere d’una sfortunata,
dolce poema d’un sincero amore.
E due foto contiene: una è fatta
quel giorno che alla mia madre amorosa
han sepolto le spoglie; l’altra data
dall’agnella che, a me tanto preziosa,
nel cuore e nelle vene stringo forte.
Anche la gioventù con lei riposa.
Di quell’amore ne serbo la morte,
giunta nell’ora della vita più bella.
Ah! Decreto fatale e dura sorte.
E tu, tra quattro mura d’una cella
stai, piangendo e pregando in segreto,
povera sconsolata verginella!
Ed io moribondo sono a letto:
[…]ato
muoio senza peccati dentro il petto.
Io non ho ucciso, io non ho rubato,
muoio senza peccati vergognosi,
perdono, non vogli’esser perdonato.
Io perdono a quegli schifosi
Quelli che col mio male più feroce
han scialato con libri ignominiosi.
Perdono l’infamante infida voce,
quella che di veleno m’ha ammazzato
tanto per mettermi in spalla la croce.
Perdono quelli che m’hanno sottratto
il poco pane di cui mi nutrivo
nell’ora che m’han visto più affamato.
In mezzo a tanti rami dell’ulivo
voglio essere quello di cicuta,
della maledizione non vi privo:
a chi m’ha provocato la caduta,
viva cent’anni ma paralizzato,
dalle scosse epilettiche e la gotta!
Quest’anatema è lanciato e pensato
poiché morire non dovevo ancora,
e poiché muoio con l’anima irata.
Voi, perfidi serpenti, che tuttora
trasformate in sterpaglia avvelenata
ogni foresta nel regno di Flora.
Quando la mano avevo disarmata
vile tentaste la sortita
dandomi la funesta pugnalata.
Ed ora agli estremi della vita,
per ricompensa dell’atto villano
vi rendo la tremenda dipartita.
Peppe Mereu vi porge la mano.

inviata da Bernart Bartleby - 2/1/2014 - 10:59


Su Tenore Padresu a sas proas de "Su Testamentu" de Peppinu Mereu.


Bernart Bartleby - 2/1/2014 - 11:07


Gruppo Cordas et Cannas, dall'album "Abba a bula" del 1997 (Live & Studio recordings made in Sardinia, Uk, France 1995-1997)

Bernart Bartleby - 2/1/2014 - 11:12



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org