Lingua   

E cume vogghie fè?

Savino Totaro
Lingua: Italiano (Pugliese Foggiano Cerignolano)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Patrone te la lasse la cunzegn'
(anonimo)
Chi vuo' venì a fategà
(anonimo)


Questo canto – il cui testo ho reperito sul sito dell’Archivio Sonoro di Puglia – è stato raccolto dai ricercatori Giovanni Rinaldi e Paola Sobrero nel 1978 a Cerignola, Foggia, dalla voce di Savino Totaro, classe 1906, geniale macchiettista e cantastorie e autore di molte canzoni come questa. Rinaldi e Sobrero inclusero E cume vogghie fè? nel loro “La memoria che resta. Vita quotidiana mito e storia dei braccianti nel Tavoliere di Puglia”, pubblicato a Foggia nel 1981. La registrazione è inclusa nel disco “Il sole si è fatto rosso. Giuseppe Di Vittorio, a cura di a cura di M. L. Betri e F. Coggiola, pubblicato nel 1978 da I Dischi del Sole.





Canto di mietitura in cui una voce maschile ed una femminile, in poche strofe, parlano davvero di tutto: del lavoro, dello sfruttamento, del carcere, della guerra, dell’amore, della vita, dei sogni, della triste e dura realtà, il tutto intercalato dal grido del “soprastante”, il guardiano del padrone, che potrebbe tradursi con “Fannulloni! Scansafatiche! Fate finta di lavorare ma non mietete! Più in fretta, più in fretta!”


E cume vogghie fè
e ghej la nott' non dorme
me coreche u sunn' perse
e ghei ch'i scarpe rott' ue menenna mej

Po' pigghj'e faceve quidd': “Calaim'e non meteime!”
E cume vogghie fèj
e la fertuna mej
me l'anne carcerate a llu mio bell'
ue menenna mej

E ue madonn' dureite e ue madonn' durej
se nonn'agghj'a quidde vagnoune
e ghej non me mareite
ghej non me mareite

“Calaim'e non meteime!”

E ue madonn'e cCriste e ue madonn'e cCriste
non vogghie lu cafoune
j vogghie l'artist'
j vogghie l'artiste

“Calaim'e non meteim'uagnò!”

E cume vogghie fej e cume vogghie fej
e preime 'n galeire
e moue a sserv'o rre
moue a sserv'o rre

E ue madonna de l'Addulureite
a preime gheve bunn'
e moue so scargerreite
moue so scargerreite

“Calaim'e non meteim'uagnou!”

E ue madonn' e de l'Addulurej(te)
e scansamille toue
da li suldaite
uè da li suldaite

E ue madonn' madonn' de la Salett'
la feine de la guerr'
e ghej t'aspett'
e ghej t'aspett'

“Calaim'e non meteime!”

inviata da Bernart Bartleby - 3/12/2013 - 13:28



Lingua: Italiano

Traduzione italiana dall’Archivio Sonoro di Puglia
E COME POSSO FARE?

E come posso fare?
Io la notte non dormo
mi metto a letto senza sonno
e con le scarpe rotte, ragazza mia

Poi piglia e faceva quello [il soprastante]: “Ci pieghiamo e non mietiamo!”

E come posso fare?
È la mia sorte
me l'hanno carcerato
il mio bello, ragazza mia

Oh Madonna dorata, oh Madonna dorata
se non posso avere quel ragazzo
io non mi sposo
io non mi sposo

“Ci pieghiamo e non mietiamo!”

Oh Madonna e Cristo, oh Madonna e Cristo
non voglio il cafone
io voglio l'artigiano
io voglio l'artigiano

“Ci pieghiamo e non mietiamo, ragazzi!”

E come posso fare, e come posso fare?
Prima in galera
e ora a servire il re [in guerra]
ora a servire il re

Oh Madonna dell'Addolorata
era meglio prima
di ora che sono scarcerato
di ora che sono scarcerato

“Ci pieghiamo e non mietiamo, ragazzi!”

Oh Madonna dell'Addolorata
evitami tu
di andar soldato
di andar soldato

Oh Madonna, Madonna della Saletta
alla fine della guerra
io ti aspetto
io ti aspetto

“Ci pieghiamo e non mietiamo!”

inviata da Bernart Bartleby - 3/12/2013 - 13:29



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org