Lingua   

Fiche cu le mendule

Mino De Santis
Lingua: Italiano (Pugliese Salentino)


Ti può interessare anche...

Radical Chic
(Mino De Santis)
N'aura crociata
(Sud Sound System)
Sempre in viaggio (Lombardia)
(Mino De Santis)


[2013]

Album : Muddhriche

5f119695cb9f574c73511552a4a8780db83772cb

mamma, sai che ti dico? io vado volontario
vai a rischio della vita sì, ma lì mangiano a orario
...
i soldati stanno partendo, salgono sul treno
sono tutti giovani cantano vinceremo
i signori si affacciano dal balcone
al sicuro canticchiano quella stessa canzone
...
i soldati stanno tornando, scendono dal treno
ma di quelli che son partiti sono molti di meno
quelli che sono tornati sono già alla stazione
quelli più sfortunati hanno sbagliato vagone
e comunque sia andato quest'ultimo conflitto
il soldato è normale che ritorna sconfitto
vai a dirglielo tu ora che la patria deve difendere
per una manciata di fiche e un pugno di mandorle
Suntu l'anni 40 e nc'è picca te fare
nu nc'è nensi se mangia, tutti s'ane rranciare
intra l'unica stanza nc'ete mpise to pundule
e le capase carcate te fiche culle mendule
ci se mangia stasera, ci me porta dra menzu
sta se more te fame ma nu mboiu ci pensu
e me inchiu le posce topu tanta fatica
ogni tantu me fermu e me mangiu na fica
senti rretu la porta sarà ca nc'è la guerra
senti bbucca ddha porta, ci la spingi se nserra
ca la fame ca ccite a quatintra nu trase
nc'ete ncora le fiche, ndave to capase
ma li tenti sta partene e la guerra ghe longa
mo le fiche se spiacciane, s'ha tirare la cinghia
e ci tiri ci tiri ci nu nc'è cchiu carotti
fiji statibbe citti li zanguni su cotti
mamma sai ci te dicu, ca ieu vau volontario
a ddhai vai a rischiu te cittane sì, ma mangiane a orario
fiju meu statte qquai ca se campa lu stessu,
cu le fiche, le mendule e lu zangone lessu
Li surdati sta partene, chianane sullu trenu
suntu tutti vagnuni cantane vinceremo
li signuri se nfacciane te su llu balcone
al sicuro canticchiane quiddha stessa canzone
Per le strade soltanto, donne vecchi e bambini
alla radio la voce fiera di mussolini
e la patria e la gloria e la fede e l'onore
ma te fame e guerre aqquai la gente sta more
Li surdati sta tornate scindene te lu trenu
ma te quandu partira suntu muti te menu
quiddhi ca su turnati stane già alla stazione
quiddhi cchiu sfortunati ane sbagliatu vagone
e comu è sciutu sciutu st'urtimu conflittu
lu surdatu è normale ca ritorna sconfittu
mo va dindela tie ca la patria ha difendere
pe na poscia te fiche e na francata te mendule

inviata da Antonio P - 13/10/2013 - 17:19



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org