Lingua   

La ballata di Lea

Francesca Prestia
Lingua: Italiano (Calabrese)


Ti può interessare anche...

Nua simu emigranti
(anonimo)
Questa è la mia città
(I Mostri)
Maria coraggio
(Litfiba)



Lea Garofalo


Lea Garofalo, di Petilia Policastro, provincia di Crotone, era una collaboratrice di giustizia. Testimoniò con grande coraggio sulla faida tra la sua famiglia e quella del suo ex compagno, per affrancarsi dalla cultura 'ndranghetista e, soprattutto, per dare un futuro migliore a sua figlia Denise. Lea pagò con la vita questa sua ribellione alla 'ndrangheta. Nel 2009 venne infatti uccisa e sciolta nell'acido. Per l'orribile fine di Lea i suoi sei aguzzini sono stati condannati all'ergastolo. Lea, dunque, rimane un simbolo e un'icona della lotta a tutte le mafie.

"La ballata è nata dalla lettura di un articolo sul Quotidiano di Calabria che si intitolava “Sognava l’Australia’, leggendo quell’articolo la storia mi colpì perché quando una donna la si priva della libertà di scelta del come vivere la propria vita, questa è una cosa sconvolgente, perché so di tante donne che vivono nella sofferenza silenziosa per la mancanza di libertà, e poi perché in tutti questi anni ho sempre cantato le storie del passato io sentivo l’esigenza di cambiare qualcosa della tradizione calabrese e quindi di dedicarmi alle storie del presente. La storia di Lea mi ha emozionato moltissimo e quindi ho iniziato a raccontare il presente partendo dalla sua storia."
(intervista a Francesca Prestia)
Ciangiti assema a mia
ciangiti forti!
Ciangiti ‘e chista donna
A dura sorti!
Sognava ‘a libertà,
sognau l’Australia.
A vita po’ cangiara
A cangerò!
Sognava ‘a libertà,
sognau l’Australia.
A vita po’ cangiara
A cangerò!

Sugnu donna calabrisi.
Sugnu madre sfortunata
dalla mafia circondata
la mia vita nun c’è cchiù!
Io vi pregu d’aiutarmi.
Sulu vui potìti fara
ca sa storia dolurusa
giustizia po’ trovara.

U giudice capì
ca Lea era sincera.
Lontanu, a lu sicuru
cca a figghja a fa portàra.
Lea cuntò li fatti.
li fatti cchi sapìa
rumpendu i catini
d’o sangu, e accussì sia!.

Ciangiti assema a mia
ciangiti forti!
Ciangiti ‘e chista donna
a dura sorti!
Sognava ‘a libertà,
sognau l’Australia.
A vita po’ cangiara
A cangerò!
Sognava ‘a libertà,
sognau l’Australia.
A vita po’ cangiara
A cangerò!
‘A mafia non perduna.
Odiu e vendetta cova.
Su tuttu vo cumandàra
‘a vita de’ genti vo soffucàra.
Comu ‘na belva ‘ngorda
Insegue la sua preda,
Lea ccu gran coraggiu
fuju ppà ‘a libertà.


Almenu ppe mia figghja
ncuna cosa ha da cangiàra.
A iddha nci dugnu a vita
cchi a mia non po’ tornàra.
Nu jornu fu rapita
‘e Lea neppuru l’umbra.
Nta l’acidu, si dicia,
sciogghjutu u corpu fu…

Ciangiti assema a mia
ciangiti forti!
Ciangiti ‘e chista donna
A dura sorti!
Sognava ‘a libertà,
sognau l’Australia.
“A vita po’ cangiara.
A cangerò!”
Sognava ‘a libertà,
sognau l’Australia.
“A vita po’ cangiara.
A cangerò!”

A figghja ‘on po’ ciangira
nemmeno su ‘na cruci,
nto ventu po’ sentira
u gridu da so vuci.
Nu gridu cchi non mora,
cchi spacca li muntagni
cchi trasa ‘nta li cora
e non ‘nda nescia cchiù!

inviata da Silva - 28/6/2013 - 13:46



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org