Lingua   

Hotel Radjack

Casa del Vento
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Fildžan viška
(Zabranjeno Pušenje)
Stari Most
(Stefano Saletti & Piccola Banda Ikona)
Zvijezda na Balkanu
(Zabranjeno Pušenje)


2003
Non in mio nome
Non in mio nome
Al mercato nero di Zagreb venderò l'ultimo sacco di riso
ancora prima di ripartire c'è mio figlio da curare
al campo al campo della croce internazionale
là qualcuno ci darà tabacco e gomma da masticare

Il mio carro sta viaggiando verso nuova destinazione
sporco bagnato e rallentato da fango della federazione
vivevamo nello stesso quartiere musulmani rom e cristiani
avevamo famiglie mischiate e il lavoro non mancava

Poi si alzò folle il muro dell'odio
vennero le bombe a mandarci via di là
Hanno detto, hanno promesso che c'è posto giù nel Sud
la regione kosovara ha miniere ancora piene

troverete nuova terra, nuove case da abitare
nuova aria senza guerra lavorare guadagnare
nessuno disse che il muro dell'odio
ci avrebbe portato all'hotel Radjack
Radjack

Poi l'orgoglio nazionalista cominciò a portarci via
la religione la differenza la supponenza dell'etnia
fu una guerra tra fratelli di dissidi e di divisioni
con la mano indifferente dei governi e dei padroni
mentre si alzava il muro dell'odio
ci avrebbe portato all'hotel Radjack
Radjack

inviata da DoNQuijote82 - 4/3/2013 - 14:31



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org