Lingua   

Iu partu e su custrittu di partiri

Rosa Balistreri
Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Chi m’insunnai (Viaggiu o ‘nfernu)
(Rosa Balistreri)
Ninna nanna di la guerra
(Rosa Balistreri)
Proletari senza culo
(Margot)


Da Ci ragiono e canto vol. 1

Canto d’addio dell’emigrante. Testo relativamente recente, adattato ad antico motivo.
Scrive Giuseppe Ganduscio: “Ogni paese aveva il suo motivo «la so tunnata» e su quello,
opportunamente variato, i paesani, secondo l’estro, innestavano canti di lavoro, di amore,
di carcere”.


Anche questo testo -del repertorio di Rosa- va attribuito a "Peppi Ganduscio".
Iu partu e su custrittu di partiri
Sciatu ti lassu stu cori custanti
Oi nella toi noi no
Oi nella toi noi no.
A tia lu lassu e nun me l’ha a tradiri
Non fari ca lu figliu a n’autr’amanti
Oi nella toi noi no
Oi nella toi noi no.
Di nottetempu ti vegnu a vidiri
Ti staiu comu n’ummira davanti
Oi nella toi noi no
Oi nella toi noi no.
Si senti ventu su li mé suspiri
L’acqua ca vivirai su li mé chianti
Oi nella toi noi no
Oi nella toi noi no.

inviata da DonQuijote82 - 20/1/2013 - 19:21



Lingua: Italiano

Versione italiana dalla copertina dell'LP
Io parto, sono costretto a partire
fiato mio ti lascio questo cuore costante.
A te lo lascio e non me lo tradire
non far fare un figlio a un altro amante.
Di notte ti vengo a vedere
ti sto come un’ombra davanti.
Se senti il vento sono i miei sospiri
l’acqua che berrai sono i miei pianti.

inviata da donQuijote82 - 20/1/2013 - 19:21



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org