Lingua   

La madre del partigiano

Gianni Rodari
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Il violino di Vik
(Banda POPolare dell'Emilia Rossa)
Il partigiano
(RedSka)
Il pane
(Gianni Rodari)


Poesia di Gianni Rodari messa in musica da Stefano Panzarasa

 “Orecchioverde – Omaggio a Gianni Rodari. Poesie e filastrocche eco-pacifiste”, a cura di Stefano Panzarasa (2009).
l orecchio verde di Gianni Rodari
Sulla neve bianca bianca
c'è una macchia color vermiglio;
è il sangue, il sangue di mio figlio,
morto per la libertà.

Quando il sole la neve scioglie
un fiore rosso vedi spuntare:
o tu che passi, non lo strappare,
è il fiore della libertà.

Quando scesero i partigiani
a liberare le nostre case,
sui monti azzurri mio figlio rimase
a far la guardia alla libertà.

inviata da DonQuijote82 - 17/1/2013 - 12:30


Interpretata per il 70° della Liberazione dalla Banda POPolare dell'Emilia Rossa

Paolo Brini - 7/6/2015 - 18:25


L'autore Gianni Rodari ci racconta di un partigiano che era andato in guerra.Questo ragazzo morì per la libertà quando scesero i partigiani per liberare le cose, sul monte rimase il corpo di questo ragazzo come guardiano della libertà

Alexia caracciolo - 24/4/2018 - 21:46



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org