Lingua   

Τα νέγρικα

Manos Loïzos / Μάνος Λοΐζος


Ti può interessare anche...

Μη με ρωτάς
(Manos Loïzos / Μάνος Λοΐζος)
The Meeting
(Elaine Brown)
Freedom
(Marisa Ronstadt)


Ta négrika
Στίχοι: Γιάννης Νεγρεπόντης
Μουσική: Μάνος Λοΐζος
Πρώτη εκτέλεση : Μαρία Φαραντούρη και Γιώργος Ζωγράφος, 1967
Δίσκος: Τα νέγρικα (Μαρία Φαραντούρη και Μανώλης Ρασούλης), 1975

Testi di Giannis Negrepondis
Musica di Manos Loïzos
Prima interpretazione: Maria Farandouri con Giorgos Zografos, Atene 1967
Disco: Τα νέγρικα / Ta négrika (Maria Farandouri con Manolis Rasoulis), 1975

taneg

Non serve qui riandare minuziosamente alle tappe della questione degli afroamericani negli USA. Certo è che negli anni Sessanta essa raggiunse una particolare acutezza, anche perché, dopo la marcia su Washington del 28 agosto 1963, riuscì nel 1964 ad investire il livello istituzionale con quel Civil Rights Act che aveva caldeggiato John F. Kennedy poco prima di venire, forse anche per questa ragione, assassinato. Quella svolta non solo aprì una frattura radicale tra i wasp americani, ma anche suddivise il movimento per l'integrazione/liberazione in più linee divergenti, tra chi confidava nella capacità delle istituzioni americane ad adeguarsi progressivamente ai loro stessi conclamati principi universali e chi invece valutava come strutturalmente e irrimediabilmente razzistico il sistema americano.

Nei rimanenti anni Sessanta la reazione dei bianchi non solo si adopera negli ambiti istituzionali federali e statali per rallentare l'attuazione della legge, ma si esprime quotidianamente con provocazioni e violenze. Rincrudisce l'attività del vecchio Ku Klux Klan; mentre si moltiplicano i White Citizens Councils, rete di circoli razzistici "di base". Anche le polizie, soprattutto locali, non stanno con le mani in mano. Nel 1965 viene assassinato Malcolm X. Il 4 aprile 1968 è la volta di Martin Luther King. Il 6 giugno 1968 tocca a Robert Kennedy, candidato alla presidenza. Praticamente, nessuna delle ipotesi di approccio al problema sfugge a una reazione fascista e violenta. L'opinione pubblica mondiale segue sempre più attentamente questo conflitto americano, che - nel quadro della cosiddetta decolonizzazione e della guerra nel Vietnam, ampiamente combattuta da soldati di colore- assume significati di peso globale. Anche la provincia greca, avviluppata nei suoi acuti problemi politici e sociali interni, che in gran parte però dipendono dall'ingerenza americana, non perde di vista cosa sta accadendo nel cuore dell'impero.

Fu appunto agli inizi del 1967 che Manos Loïzos e Giannis Negrepondis proposero la questione afroamericana agli studenti di Ingegneria del Politecnico di Atene con un concerto di musica impegnata, affidata alle voci di Maria Farandouri e di Giorgos Zografos. Che i musicisti e i loro parolieri, spesso autentici poeti, fornissero la "colonna sonora" alla contesa politica e sociale, era cosa ormai annosa, da taluni criticata, ma assolutamente incontenibile, fino a diventare, allora come in parte ancora adesso, una "marca" caratteristica delle arti elleniche. Gli undici pezzi che i futuri ingegneri poterono applaudire non riuscirono subito a circolare su disco. Due mesi dopo il concerto, i Colonnelli appena giunti al potere ritennero inammissibile e sovversivo che nel loro paese si parlasse dei diritti umani e politici dei negri americani, e impedirono la traduzione discografica. Ma non c'è da sorprendersi: a loro non andava bene neppure l'Antigone di Sofocle, troppo diseducativa per il popolo. Solo quando la dittatura finì, "Τα νέγρικα" poterono essere incise su disco. Era il 1975; il problema razziale era negli USA forse meno acuto, ma non per questo diventato inattuale. Maria Farandouri fu ancora pronta a prestare la sua voce eccezionale. Νοn so per quali ragioni non fu invece disponibile il bravissimo Giorgos Zografos. Prese il suo posto Manolis Rasoulis, artista poliedrico e bizzarro, che nella sua vita ebbe pure lui non poche grane con le polizie statunitensi oltre che greche, e che ci ha lasciati nel 2011 in circostanze non ben chiarite.

Due delle canzoni, inviate e tradotte da Giuseppina Dilillo, sono già presenti in CCG fin dai primissimi tempi. Veda RV se convenga fare la riunificazione. (gpt)


1. Κι αν συ λευκός, νέγρος εγώ
Μανώλης Ρασούλης


Όσο η σιωπή είναι χρυσός
τόσο του νέγρου ο ιδρώς
για το λευκό είν’ θησαυρός
στράφι του νέγρου ο θυμός.

2. Ο νέγρος ο ζωγράφος


Νέγρο Χριστό, ζωγράφισε ο Τζακ
ο Νέγρος ο ζωγράφος με τη χρυσή καρδιά
ο Τζακ που είναι γνωστός σε όλο το Καρτιέ Λατέν.

Τι ξέρουν οι λευκοί απ’ το Χριστό
τι ξέρουν απ’ τα πάθη του, τι ξέρουν;

Νέγρο Χριστό, ζωγράφισε ο Τζακ
και τον παρακαλούσε απ’ όλους του κρυφά
το νέγρο το Χριστό, `κει πέρα στο Καρτιέ Λατέν.

Τι ξέρουν οι λευκοί απ’ το Χριστό
τι ξέρουν απ’ τα πάθη του, τι ξέρουν;

Νέγρο Χριστό και δίπλα του τον Τζακ
τον βρήκαν κρεμασμένο, παιδιού χρυσή καρδιά
κι όλοι είπαν ο κουτός σε όλο το Καρτιέ Λατέν.

3. Ω γέρο νέγρο Τζιμ


4. Τι έχουν να χωρίσουνε


Μάτι κίτρινο θολό
νέγρα μάνα ξαγρυπνάει
την Αγία Γραφή διαβάζει.
Μάτι κίτρινο θολό
του λευκού δεν ξαστοχάει
το μαχαίρι που κρατάει.

Τι έχουν να χωρίσουνε
λευκοί και νέγροι εργάτες;

Μάτι κίτρινο θολό
ξετρυπώνει το φεγγάρι
φονικό μες στο φαράγγι.
Μάτι κίτρινο θολό
οι εργάτες στο λιμάνι
συντροφέψαν άσπροι μαύρο.

Τι έχουν να χωρίσουνε
λευκοί και νέγροι εργάτες;

Μάτι κίτρινο θολό
οι εργάτες ξεκινάνε
μαύροι κι άσπροι ακολουθάνε.
Μάτι κίτρινο θολό
τα καλά του ο Γιάνκης βάνει
την Αγία Γραφή κρατάει.

Τι έχουν να χωρίσουνε
λευκοί και νέγροι εργάτες;

5. Προσευχή


Χριστέ μου εσύ
που τους φτωχούς συντρέχεις
απόψε πήγαινε κοντά
στ’ αδέλφια μου τους νέγρους.

Είναι τυφλός του Λιντς ο νόμος
είναι κουφός του Λιντς ο νόμος
κι αν τίποτ’ άλλο δεν μπορείς Χριστέ μου
τα τρυφερά μικρά παιδιά
προστάτεψέ μου.

6. Στον πόλεμο ο Τζο


7. Κρίμα σε σένα νέγρο Μπιγκ


Ο νέγρο Μπιγκ κάνει όπως βρει
τρώει ό,τι βρει πέφτει όπου βρει
δυάρα δε δίνει τσακιστή
ο κόσμος γύρω του αν καεί.

Κρίμα σε σένα νέγρο Μπιγκ
κρίμα σε σένα
πάει η ζωή
πάει η ζωή σου στα χαμένα.

Σε κάποιο πάρκο ο νέγρο Μπιγκ
με μια λευκή κάνει όπως βρει
μ’ απ’ τους λευκούς αυτή σαν πληρωθεί
το νέγρο Μπιγκ τον βγάζει βιαστή.

Κι όταν αυτοί, θέλουν καρφί
βρίσκουν τον Μπιγκ κι ας αρνηθεί
πάει ψευδομάρτυρας ο Μπιγκ
ο ίδιος παίρνει αναστολή.

8. Για δυο δολάρια


Μέσα στα δέντρα
μέσα στο σκοτάδι
φοράν κουκούλες άσπρες οι λευκοί
του νέγρου η καρδιά
πουλί που σπαρταράει
και όλα τελειώνουν την αυγή.

Θεέ μου, κάνε μη του πάρουν
τα δυο δολάρια που κρατεί
γι’ αυτούς δυο μπύρες παραπάνω
για τα παιδιά του όμως ψωμί.

Μέσα στις λάσπες
μες σ’ ένα χαντάκι
του νέγρου ξαφνιασμένη η μορφή
στο χέρι του σφιχτά
δολάρια δύο κρατάει
μα τι να καταλάβουν οι λευκοί;

9. Η πόρνη η Τζέιν


Από τραπέζι σε τραπέζι
τ’ αηδόνι η Τζέην η νέγρα
ελπίζει κάποτε να γίνει
στο Μπροντγουέι
η Τζέιν η χρυσή φωνή.

Τους ύμνους της φυλής της λέει
μα πιότερο σ’ αυτούς αρέσει
που η μαύρη Τζέιν στο κρεβάτι κλαίει.

Από κρεβάτι σε κρεβάτι
η πόρνη η Τζέιν η νέγρα
ελπίζει τύχη νά `χει απόψε
όποιος και νά `ναι
η Τζέιν είναι η πιο φτηνή.

10. Ο δικαστής ο Μπερντ


Μη και γάλα δεν τού ‘δωσα
από τα μαύρα μου τα στήθεια;
Μη και δεν τον μεγάλωσα
με τα δικά μας τα τραγούδια;
Μάρτυράς μου η νέγρα η Παναγιά.

Όχι, δεν είναι γιος μου
δεν είναι νέγρος
ο δικαστής ο Μπερντ.
Όταν νέγρους σκοτώνουν
ο δικαστής ο Μπερντ
τρώει με τους φονιάδες.
Δεν είναι γιος μου
νέγρος δεν είναι ο Μπερντ.

Νέγρα είμαι μα δεν πρόδωσα
στιγμή την μαύρη μου την πέτσα
νέγρος που νέγρο πρόδωσε
ξεγράφτηκε για ‘με τη νέγρα
μάρτυράς μου η νέγρα η Παναγιά.

1. Κι αν συ λευκός, νέγρος εγώ
Μανώλης Ρασούλης και Μαρία Φαραντούρη


Όσο η σιωπή είναι χρυσός
τόσο του νέγρου ο ιδρώς
για το λευκό είν’ θησαυρός
στράφι του νέγρου ο θυμός.

Καιρός το παραμύθι να τελειώνει
τη δύναμή μας ο λευκός να νιώσει
ν’ ακούσει της οργής μας την κραυγή.

Λευκέ θέλω κι εγώ να ζήσω
κι αν συ λευκός, νέγρος εγώ
άνθρωπος ίσος με ίσο.

inviata da Gian Piero Testa - 31/12/2012 - 12:04



Lingua: Italiano

Gian Piero Testa.
Gian Piero Testa.

Versione italiana di Gian Piero Testa

Negli anni Sessanta, né noi né i Greci ci ponevamo il problema di come chiamare "correttamente" gli afroamericani. Il termine "negro" ci era del tutto abituale e non gli annettevamo alcuna connotazione spregiativa. Poi si dovette passare al "nero", al "di colore", e ad altre sinonimie. In greco si usava senza alcuna mala intenzione νέγρος (negros), per quanto il lessico offrisse l'aggettivo sostantivabile μαύρος (nero, moro) accanto al classicheggiante e disusato μελανóς (melanòs). Ho quindi rispettato in linea di massima la scrittura di Negrepondis, ma talora ho tentato una variante: di lasciare "negro", quando mi sembra che il contesto ricalchi il punto di vista dei bianchi, e "nero" quando invece esprime quello dei neri. Non so se quello che ho fatto sia legittimo, e soprattutto non so se mi sia ben riuscito. (gpt)
LE CANZONI DEI NEGRI


1. E se tu sei un bianco, io sono un negro (Introduzione)
Manolis Rasoulis


Quanto il silenzio è d'oro
tanto il sudore dei negri
per i bianchi è un tesoro
la rabbia del negro è vana.

2. Il pittore negro
Maria Farandouri



Un Cristo negro dipinse Jack
il negro pittore dal cuore d'oro
Jack che lo conoscono in tutto il Quartiere Latino.

Che sanno i bianchi di Cristo
che sanno delle sofferenze, che sanno?

Un Cristo negro dipinse Jack
e lo pregava di nascosto a tutti
quel Cristo negro laggiù oltre il Quartiere Latino.

Che sanno i bianchi di Cristo
che sanno delle sofferenze, che sanno?

Il Cristo negro con vicino Jack
lo trovarono appeso, cuor d'oro di bambino
e tutti dissero che stupido in tutto il Quartiere latino.

3. Il vecchio negro Jim


3. Cos'hanno da star divisi


Occhio giallo fosco
veglia una mamma negra
legge la Sacra Scrittura.
Occhio giallo fosco
del bianco non sbaglia
il coltello che impugna.

Cos'hanno da star divisi
lavoratori bianchi e negri?

Occhio giallo fosco
la luna stana un assassino
dentro la forra.
Occhio giallo fosco
i lavoratori giù al porto
i bianchi fraternizzati ai neri

Cos'hanno da star divisi
lavoratori bianchi e negri?

Occhio giallo fosco
i lavoratori marciano
neri e bianchi in fila.
Occhio giallo fosco
lo Yankee ripone la sua merce
la Sacra Scrittura in mano.

5. Preghiera


Cristo mio tu
che soccorri i poveretti
stasera accostati
ai miei fratelli negri.

E' cieca la legge di Lynch ?
E' sorda le legge di Lynch ?
E se non puoi di più Cristo mio
proteggimi
i teneri bambini.

6. Joe in guerra


7. Peccato per te, negro Big


Il negro Big fa quello che capita
mangia quello che trova dove lo trova
due centesimi logori non glieli dà
la gente intorno a lui nemmeno se va a fuoco

Peccato per te negro Big
Peccato per te
la vita se ne va
la tua vita è già fottuta

In un parco il negro Big
se la fa con una bianca come la trova
ma quella quando i bianchi gliela fanno pagare
fa passare il negro Big per uno stupratore

E quando questi vogliono un provocatore
cercano Big e ha così da rifiutarsi
e ci guadagna la sospensione della pena

8. Per due dollari


Tra le piante
nelle tenebre
portano candidi cappucci i bianchi
il cuore del negro
uccellino palpitante
e tutto finirà all'alba.

Dio mio, fa' che non gli portino via
i due dollari che ha in mano
per loro due birre a dir tanto
ma pane per i suoi bambini.

In mezzo al fango
dentro un fosso
la sagoma atterrita del negro
stringe forte
due dollari nella mano
ma i bianchi cosa possono capire?

9. Jane la prostituta


Da un tavolino all'altro
la negra Jane spera
di diventare un giorno un usignolo
a Broadway
Jane dalla voce d'oro.

Canta gli inni della sua gente
ma a loro più di tutto piace
che la nera Jane pianga a letto.

Di letto in letto
la prostituta negra Jane
spera di aver fortuna stasera
chiunque sia
Jane è quella più a buon mercato.

10. Il giudice Bird


Forse che non gli ho dato il latte
dai miei seni neri ?
Forse che non l'ho fatto crescere
con le mie canzoni ?
Mi è testimone la Madonna negra.

No, non è mio figlio
non è un nero
il giudice Bird.
Quando uccidono un negro
il giudice Bird
brinda con gli assassini.

Non è figlio mio
non è un nero Bird.

Io sono nera ma non ho mai tradito
neppure un istante la mia pelle
Un negro che ha tradito un nero
per me che son nera è cancellato
mi è testimone la Madonna negra.

11. Se tu sei un bianco, io sono un nero
Manolis Rasoulis e Maria Farandouri


Quanto è d'oro il silenzio
tanto il sudore del negro
per il bianco è un tesoro
la rabbia del negro è vana.

E' tempo che la favola finisca
che il bianco senta la nostra forza
che ascolti il grido della nostra collera.

Bianco, anch'io voglio vivere
e se tu sei un bianco, io sono un nero
uomo pari tra pari.

inviata da Gian Piero Testa - 31/12/2012 - 14:34



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org