Lingua   

Ha én rózsa volnék

Zsuzsa Koncz
Lingua: Ungherese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Attila József: Tiszta szívvel
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
That's How Grateful We Are
(Chumbawamba)
Gyöngyhajú lány
(Omega)


Testo e musica di János Bródy ("Tini")
Szavak és zene: Bródy János ("Tini")

Koncz Zsuzsa.
Koncz Zsuzsa.


[...] Infatti conosco una canzone che per me (e penso che per tanti altri) é forse quella che esprime di più la voglia di pace e libertà. Ogni volta che la sento, mi vengono i brividi! [...] La cantante é Zsuzsa Koncz che conoscete giá per via di Régi dal, testo e musica é di János Bródy (suo "nickname" é "Tini" che significa adolescente). La canzone è dagli anni '60 e è stata proibita; anche il suo autore János Bródy la ha interpretata. [Laura]
Ha én rózsa volnék
nem csak egyszer nyílnék
Minden évben négyszer
virágba borulnék
Nyílnék a gyereknek
nyílnék én a lánynak
Az igaz szerelemnek
és az elmúlásnak

Ha én kapu volnék
mindig nyitva állnék
Akárhonnan jönne
bárkit beengednék
Nem kérdezném tőle
hát téged ki küldött
Akkor lennék boldog
ha mindenki eljött

Ha én ablak volnék
akkora nagy lennék
Hogy az egész világ
láthatóvá váljék
Megértő szemekkel
átnézénnek rajtam
Akkor lennék boldog
Ha mindent megmutattam

Ha én utca volnék
mindig tiszta lennék
Minden áldott este
fényben megfürödnék
És ha egyszer rajtam
lánckerék taposna
Alattam a föld is
sírva beomolna

Ha én zászló volnék
soha nem lobognék
Mindenféle szélnek
haragosa volnék
Akkor lennék boldog,
ha kifeszítenének
S nem lennék játéka
mindenféle szélnek

inviata da Laura - 13/7/2006 - 12:35




Lingua: Italiano

Versione italiana di Laura
Az olasz nyelvbe Laura fordította
(Ricevuta il 13 luglio 2006)

Köszönjük Laurát a nagyon szép fordításáért! [RV]
SE FOSSI UNA ROSA

Se io fossi una rosa
non fiorirei solo una volta
ma farei sbocciare i fiori
quattro volte all’anno
Fiorirei per i bambini
e fiorirei per le ragazze
per il vero amore
e per il il passaggio alla morte

Se io fossi una porta
sarei sempre aperta
Farei entrare tutti
non importa da dove vengono
Non chiederei a nessuno
chi l’aveva mandato
Sarei felice soltanto
Se venissero tutti quanti

Se io fossi una finestra
sarei così enorme
che si potrebbe vedere
tutto il mondo
La gente guarderebbe attraverso di me
con occhi comprensivi
Sarei felice soltanto
dopo aver fatto vedere tutto

Se io fossi una strada
sarei sempre pulita
Ogni benedetta sera
mi bagnerei in luce
E se una volta
i cingoli mi calpestassero
La terra sotto di me
crollerebbe piangendo

Se io fossi una bandiera
non sventolerei mai
Sarei arrabbiata
con tutti i venti
Sarei felice soltanto
se fossi fissata
E se nessun vento
potesse giocare con me.

inviata da Laura [tramite RV] - 13/7/2006 - 12:48




Lingua: Italiano

Versione italiana di Alessandro

Alessandro aveva inviato questa canzone non accorgendosi che c'era già, ma registrata a nome della sua interprete Zsuzsa Koncz. Manteniamo ovviamente la traduzione italiana che aveva inviata, spostandola su questa pagina. Con questo invitiamo ancora una volta chiunque intenda proporre una canzone, a verificare prima (anche col titolo) se questa non sia già presente. [CCG/AWS Staff]
SE IO FOSSI UNA ROSA

Se io fossi una rosa, non fiorirei una sola volta
ma ogni anno quattro volte, schiuderei i miei petali
mi aprirei per i bambini, e per le ragazze
di fronte a un amore sincero, e per un addio.

Se io fossi un portone, rimarrei sempre aperto
farei passare chiunque, da ovunque egli provenga
non gli chiederei mai, chi è che ti ha mandato
solo allora sarei felice, se tutti giungessero a me

Se io fossi una finestra, sarei così grande
che tutto quanto il mondo, si potrebbe contemplare
e con occhio benevolo, guarderebbero attraverso me
solo allora sarei felice, quando avrò dischiuso ogni cosa.

Se io fossi una strada, sarei sempre pulita
ogni santa notte, mi immergerei nella luce
e se qualcuno un giorno, mi calpestasse con ruote da guerra
anche la terra sotto di me, piangendo franerebbe.

Se io fossi una bandiera, non sventolerei mai
sarei nemica del venti, che soffiano ogni dove
solo allora sarei felice, se essi si levassero
ma io non fossi il diletto, della tempesta che passa.

inviata da CCG/AWS Staff - 15/11/2008 - 19:17



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org