Lingua   

Sacco e Vanzetti

Askra
Lingua: Sardo


Ti può interessare anche...

Sa Mundana commedia
(Salvatore Poddighe)
Sur le port de Dieppe
(Gérard-André Gaillard)
Sacco y Vanzetti
(Martín Castro)


[2009]
Album: "Colores...dolores"

Colores...dolores
Tue non potes abbaitare custu coro chi si nc'andat
ma lu deves chircare e lu deves toccare ca est issu chi lu cheret.
Bi son muros chi lu cunzan chentze zustissia, fachen umbra a s'urtimu travicu de vita
gai tue cheres imbolare cussos muros chi t'istringhen
non los cheres toccare ma son issos chi lu achen.
Custa est s'ora de s'urtima die ma ateros soles ja los apo a viere
ca mai sos ocros s'an prus a tancare, sas buccas an a sichire a gridare
bois arrumbates in sa nostra memoria e su dolore diventat vittoria!

Son lampos de catreas chi istutan sas caras
e alluman una lacrima chi sinnat sa carena ma no ifritan su coro.
Ateros focos an a caentare sas nostras dies
mai sos lampos an a istutare s'arveschita.
Semper s'iden sas luches, galu creschen sos frores
survan fortes novos ventos chi alimentan su calore de unu 'entu libertariu.
Mai catenas an a ligare sa mente mia, mai galeras an a tancare s'ideologia
ammentamus cussa notte chi est niedda de dolore, chi est trina 'e disisperu
e disizosa de libertade.
Custa est s'ora de s'urtima die ma ateros soles ja los apo a viere
ca mai sos ocros s'an prus a tancare, sas buccas an a sichire a gridare
bois arrumbates in sa nostra memoria e su dolore diventat vittoria!

inviata da adriana - 13/9/2012 - 08:07



Lingua: Italiano

Versione italiana da You Tube
SACCO E VANZETTI

Tu non puoi guardare questo cuore che se ne va
ma lo devi cercare e lo devi toccare perché è lui che lo vuole.
Ci son muri che lo rinchiudono senza giustizia e fanno ombra all'ultimo passo della vita.
Vuoi buttar giù questi muri che ti stringono, non li vuoi toccare ma son loro a farlo.
Questa è l'ora dell'ultimo giorno, ma vedrò nuovamente il sole
perché gli occhi non chiederanno più e le bocche continueranno a gridare
voi rimanete nella nostra memoria e il dolore diventa vittoria!

Sono i fulmini delle sedie che spengono le facce
e accendono una lacrima chi segna il corpo ma non raffreddano il cuore.
Altri fuochi scalderanno le nostre giornate
i fulmini non spegneranno mai l'alba.
Si vedono sempre le luci, i fiori crescono ancora
nuovi e forti venti soffiano ad alimentare il calore di un vento libertario.
Le catene non legheranno mai la mia mente, le galere non rinchiuderanno mai l'ideologia.
Ricordiamo questa notte che è nera di dolore, che è scura dalla disperazione
e desiderosa di libertà.
Questa è l'ora dell'ultimo giorno, ma vedrò nuovamente il sole
perché gli occhi non chiederanno più e le bocche continueranno a gridare
voi rimanete nella nostra memoria e il dolore diventa vittoria!

13/9/2012 - 08:09



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org