Lingua   

Lu me sangu

Canterini di Ortigia
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Amore ribelle
(Pietro Gori)
Chiui sta porta
(Salvatore Tartamella)
Fermata Siracusa, molo 41 Bis
(Cantunovu)


Poesia di Mario Gori recitata in apertura del cd "Canterini di Ortigia: La terra e la memoria"
Mario Gori (Niscemi, 1926 - Catania, 1970), poeta e scrittore, si chiamava in realtà Mario Di Pasquale, ma scelse il suo cognome d’arte in omaggio all’anarchico toscano, ma nato in Sicilia, Pietro Gori.


Lu me sangu, signuri, è pupulanu
e lu me cori nun ci n'avi patruni
me nannu pi sapillu era viddanu
ma nun si scappiddò cu certarcuni,
la fami la cugghieva cu li manu
ma nun ci tuppuliò 'nta li purtuni,
di la me razza iu nun sugnu stranu
e cu nuddu mi mettu a ginucchiuni

inviata da Dead End - 15/8/2012 - 13:58


Jochi 'i piccirìđđi:

Dumani è dumìnica
tagghiamu 'a testa a Minica
ma Minica nun c'è
ci tagghiamu 'a testa ô Re
'u Re è ammalatu
ciâ tagghiamu ô surdatu
'u surdatu è a la guerra
e va a ddà' lu culu 'n terra !


[coro di bambini che precede e fa da sottofondo al recitato]

giorgio - 20/8/2012 - 16:02




Lingua: Italiano

Tentativo di traduzione italiana di Dead End
IL MIO SANGUE

Il mio sangue, signori, è del popolo
ed il mio cuore non ha padroni
Mio nonno era un contadino
ma non si tolse mai il cappello di fronte a certa gente
La fame la toccava con la mano
ma non andò mai a bussare al portone
Ed io sono di quella stessa razza
non mi metto in ginocchio di fronte a nessuno.

inviata da Dead End - 15/8/2012 - 13:59




Lingua: Italiano

English version

Lu me sangu, a poem by Mario Gori, is a spoken monologue that introduces the performance. The narrator is Salvo Bottaro. Children are heard playing in the background. Here's a loose translation:
MY BLOOD

My blood, good sirs, is common,
My heart knows no master,
My grandfather was a peasant
But didn't tip his hat to certain folks,
He gathered hunger with his hands
But knocked not at the palace door,
Not unaware of my heredity,
I genuflect for no one.

inviata da giorgio - 20/8/2012 - 16:05


Però… niente male davvero per un piemontese, soprattutto considerandolo un "tentativo" di traduzione.
Complimenti!.
Vorrei saper tradurre dal piemontese altrettanto bene. :)


(Dico piemontese perché mi sa che 'sto DeadEnd dev'essere un altro alter ego di Alessandro-Bartleby :)))

giorgio - 16/8/2012 - 09:30


Ebbene no, maledetto Carter, questa volta ti sei sbagliato! Non sono Stanislao MoulinskY ma Bartolomeo Pestalozzi da Pinerolo, l'allievo prediletto del grande Stanislao!

Dead End - 16/8/2012 - 13:45


In verità, caro Giorgio, confesso che fui aiutato grandemente (seppur telefonicamente, con relative difficoltà) da un'amica sicula che però non volle essere accreditata...

Dead End - 16/8/2012 - 14:01


Aahh ecco spiegato l’arcano!
E come ti permetti di attribuirtene impunemente la paternità? Scrivevi allora traduzione di anonima siciliana amica di Pestalozzo :))))))

giorgio - 19/8/2012 - 10:03


No Giorgio, non fu così. Io tradussi, lei corresse, mai io tradussi bastante bene, lei corresse giusto terza riga, lei mi disse bravo e un bacio mi mandò, io ricambiai e lei null'altro volle.
Così è fatta quella tua compaesana, generosa e appassionata.

Dead End - 20/8/2012 - 09:29



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org