Lingua   

Rive del Don

Portugnol connection
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Migrante
(Portugnol connection)
Black Star Line
(Portugnol connection)
Nada es como parece
(Portugnol connection)


(Christian Carobene/Portugnol Connection)

Un omaggio in chiave SKA al grande uomo e scrittore Mario Rigoni Stern e a tutti i compagni con cui ha condiviso una delle più grandi tragedie dell'umanita' a cui il regime fascista ha dato vita per stupide mania di grandezza. Tratto dai racconti de "Il sergente nella neve" e "Ritorno sul Don" di Mario Rigoni Stern.


RICCARDO BERGOTTINI"IL PRESIDENTE": chitarra ritmica e voce
CHRISTIAN CAROBENE"CABRITO": batteria,percussioni e voce
CLAUDIO D'EMILIO"IL MINISTRO": basso e cori
LUCA TELO' "EUSKAL": tastiere e cori
ALBERTO PISPERO"BEBETO": tromba e flicorno
JACK : regia audio
PIERO VERONESE"PEDRO": percussioni *(Guest Star)*
Arriverà
la baita dalle rive del Don
la baita per le rive del Don
Arriverà
la baita dalle rive del Don
la baita per le rive del Don

Quanti ragazzi persi nella fredda storia
dimenticati per la vanità di gloria
dentro l'inferno di quel gelido cammino
lasciati soli nella steppa al lor destino

Sangue di vetro e poi i coltelli sulla pelle
accomapgnarono il ritorno sulla neve tra le stelle
a contar passi per quell'isba e il suo calore
fuoco e speranza sulla porta della bianca dacia

Arriverà
la baita dalle rive del Don
la baita per le rive del Don
Arriverà
la baita dalle rive del Don
la baita per le rive del Don

Nikolajewka quante anime cadute
blocca il respiro, spara adesso tutto tace
lo senti il peso di quei corpi sopra il manto porpora
risolti al secolo nella memoria dell'umanità

Prova a cercare dentro a un sogno e un altro ancora
così i compagni sotto pelle lì da allora
fiume dal flusso senza tempo la tua terra pagherà
omaggio al fiore che di vita tua ora il rito salverà

Arriverà
la baita dalle rive del Don
la baita per le rive del Don
Arriverà
la baita dalle rive del Don
la baita per le rive del Don

150 hanno vinto la speranza con la dignità
c'era la fame scalda dignità dentro quell'isba umanità
così che passo dopo passo, giorno dopo giorno fino a baita
sale il cuore accecacto dall'orrore di quell'incubo che un uomo ha generato
e che la dama ha congelato

Prova a cercare dentro a un sogno e un altro ancora
così i compagni sotto pelle lì da allora
fiume dal flusso senza tempo la tua terra pagherà
omaggio al fiore che di vita tua ora il rito salverà

Arriverà
la baita dalle rive del Don
la baita per le rive del Don
Arriverà
la baita dalle rive del Don
la baita per le rive del Don

inviata da DonQuijote82 - 30/7/2012 - 10:48



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org