Lingua   

Israelites

Desmond Dekker & The Aces
Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

Struggling Man
(Jimmy Cliff)
Sufferin' In The Land
(Jimmy Cliff)
You Can Get It If You Really Want
(Jimmy Cliff)


‎[1968]‎
Scritta da Desmond Dekker e Leslie Kong, è stato il brano più famoso per “Desmond Dekker & The ‎Aces”, il gruppo del grande musicista giamaicano scomparso nel 2006.‎
Inclusa nella riedizione 2003 della colonna sonora nel film “The Harder They Come” del 1972, ‎quello interpretato da Jimmy Cliff.‎
Nel 1989 il regista Gus Van Sant la volle come tema musicale principale nel suo bellissimo ‎‎“Drugstore Cowboy”, con Matt Dillon, Kelly Linch ed il grande vecchio William Borroughs.‎

Desmond Dekker


‎“Sono costretto a buttarmi giù dal letto tutte le mattine per lavorare come uno schiavo, signore, che ‎ho tante bocche da sfamare, ma è stato tutto inutile, signore, mia moglie ha preso i miei figli e mi ha ‎lasciato, povero israelita che sono! La mia camicia ed i miei pantaloni ormai sono a brandelli ma ‎non voglio darmi al crimine e finire malamente, crivellato di colpi come Bonnie e Clyde. Eppure tu, ‎signore, hai dato l’allarme perché mi hai sorpreso nella tua fattoria a rubare qualcosa da mettere ‎sotto i denti, povero israelita che sono! Dovrà pur esserci un po’ di pace anche per me, povero ‎israelita! Non so nemmeno per chi e per cosa lavoro, signore, mi sento davvero male, povero ‎israelita che sono!”‎

Una personale e libera traduzione solo per spiegare che questa mitica canzone del grande “King of ‎Ska” giamaicano è secondo me da ascriversi a buon diritto al percorso sulla ‎‎guerra dei 100.000 anni che i ricchi ‎fanno ai poveri

Titolo e ritornello hanno a che vedere col ‎‎“rastafarianesimo”, movimento culturale e ‎spirituale dalla storia piuttosto complessa (per cui rimando a wikipedia) che ha a che fare con la ‎tradizione religiosa ortodossa etiope di origine ebraico-cristiana, con l’esilio del re d’Etiopia ‎Selassié dopo l’invasione fascista e con la predicazione radicale del sindacalista e scrittore ‎giamaicano Marcus Garvey. Sostanzialmente – e semplificando – ogni rastafariano giamaicano si ‎ritiene un esule perché la sua patria è l’Africa, l’Etiopia, perché il suo Cristo, identificato nel re ‎Selassié, fu esule a sua volta e questa ricorrente tematica è assimilata all’esilio ebraico in Babilonia ‎‎(così come in un’altra celeberrima canzone reggae, “Rivers of Babylon”)‎
Get up in the morning, slaving for bread, sir
so that every mouth can be fed
Poor, poor me, the Israelite, aah-ah

Get up in the morning, slaving for bread, sir
So that every mouth can be fed
Poor, poor me, the Israelite, aah-ah

My wife an’ my kids, they pack up an’ a leave me
Darling, she said, I was yours to be seen
Yeah, I said poor me, the Israelite, yeah yeah

‎(I gotta tell you) My shirt dem a-tear up, trousers are gone
I don't want to end up like Bonnie and Clyde
Oh-oh poor me, the Israelite, yeah yeah

‎(I gotta tell you) After a storm there must be a calm
Catch me in the farm, you sound your alarm
Poor, poor me, the Israelite, yee

Yeah, yeah!‎

‎(They said) Get up in the morning, slaving for bread, sir
So that every mouth can be fed
Poor, poor me, the Israelite, aah-ah

My wife an’ my kids, they pack up an’ a leave me
Darling, she said, I was yours to be seen
Yeah, I said poor me, the Israelite, yeah yeah

My shirt dem a-tear up, trousers are gone
I don't want to end up like Bonnie and Clyde
Oh-oh poor me, the Israelite, yeah yeah

After a storm there must be a calm
Catch me in the farm, you sound your alarm
Poor, poor me, the Israelite, yee‎

Poor me, the Israelite.
I wonder who I'm working for.
Poor me, Israelite,
I look a-down and out, sir.‎

inviata da Dead End - 20/7/2012 - 11:35



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org