Lingua   

So Crocc

Ferdy Sapio
Lingua: Italiano (Lucano)


Ti può interessare anche...

Te Deum (o Te Deum de’ Calabresi)
(Gian Lorenzo Cardone)
La morale dei briganti
(Ratti della Sabina)
Brigantessa si mora
(Marenia)


Carmine Crocco
Carmine Crocco


ispirata alla figura di Carmine Crocco
(DQ82)

Dal Cd L'Arco di San Lorenzo del 2004
Ih so Crocc, nu srpend n’zen a mamm
cu sang al ucchih p sta libertà
so na nuovl indu u cil d la Baslcat
ih port na tembest o na grananet
o nu vind d prmaver.

Da quand so nat,
aggih semb fathat
Ih e r bestih,
ih sol e u travaglih
E disonorat m’hann sti disgraziat
e non na vota sola,

Mo p mamm e mo p na sor
E st’ucchih avvlnat,
quand disonor e rabbih
Arret hann uardat p sti signeur d paes.

E ih, e ih ca so guapp non m pozz stà
M fazz giustiezih c st man qua
E ih, ih ca non facei mal mang
a na mosc Lu cap brgand addvndaih.

So Crocc, so Crocc…

Ih so Crocc e la Lucanih non s tocc
Da u Melfes ama caccià sti piemontes .
Ama sol lggietmà sta guerra ‘nfam
Svgliatv tutt quand, ih so u genral
Ecctch qua: so Crocc, so Crocc.

So nu luoip affamat,
senza tan ind la mundagnh
So na volp fuorb e scaltr,
na farfall ca s n’avol.

E ih s’ndret na vota putess turnà.
M facess sndié da chi m’ha rcattat.
E ih, ih pens ca Criest m’adda prdunà
S proprih a Rioner vuless triunfà.

So Crocc, so Crocc

inviata da DonQuijote82 - 14/5/2012 - 14:57



Lingua: Italiano

Versione italiana
IO SONO CROCCO

Io sono Crocco, un serpente in seno a mia madre,
con il sangue agli occhi per questa libertà,
sono una nuvola nel cielo della Basilicata
io porto una tempesta o una bufera
o un vento di primavera.

Da quando sono nato
ho sempre lavoratoIo
e le bestie, io solo ed il lavoro
E mi hanno disonorato o questi disgraziati
Ora per mia madre, e ora per una sorella.

Mi hanno rovinato più di una volta.
E questi occhi avvelenati,
quanto disonore e rabbia
ancora hanno guardato per questi signori di paese

io, io che sono furbo
non posso stare inerme
Mi faccio giustizia con queste mani
E io ce non facevo male neanche ad una mosca
Il capo brigante diventai.

Sono Crocco

Io sono Crocco e la Lucania non si tocca
Dal Melfese dobbiamo cacciare questi piemontesi
Dobbiamo solo legittimare questa guerra infame,
svegliatevi tutti, sono il generale
eccoti qua: sono Crocco.

Sono un lupo affamato,
senza tana nella montagna
Sono una volpe furba e scaltra,
una farfalla che sta spiccando il volo.

Ed io se indietro una volta potessi tornare
Mi farei sentire da chi mi ha ricattato
Ed io penso che Cristo mi perdonerà
Se proprio a Rionero vorrei trionfare.

Sono Crocco, Sono Crocco.

inviata da DonQuijote82 - 14/5/2012 - 14:59



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org