Lingua   

Φουέντε Οβεχούνα

Thanos Mikroutsikos / Θάνος Μικρούτσικος

Lista delle versioni e commenti

Guarda il video

1 e 12) Η μπαλάντα της απόφασης



Altri video...


Ti può interessare anche...

Στο καφενείον Η ΕΛΛΑΣ ή Περάστε κόσμε [1950]
(Maria Dimitriadi / Μαρία Δημητριάδη)
Τα χρόνια που μου έπιαναν τον κώλο
(Thanos Mikroutsikos / Θάνος Μικρούτσικος)
Βελζεβούλ
(Thanos Mikroutsikos / Θάνος Μικρούτσικος)


Fouénte Ovehoúna
Στίχοι: Γιώργος Μιχαηλίδης
Μουσική: Θάνος Μικρούτσικος
Πρώτη εκτέλεση: Μαρία Δημητριάδη & Γιώργος Μεραντζάς & Σoφία Σπυράτου & Γιώργος Μιχαηλίδης & Θάνος Μικρούτσικος
« Φουέντε Οβεχούνα », 1977, 1994

Testo di Yorgos Mihailidis
Musica di Thanos Mikroutsikos
Prima interpretazione di Maria Dimitriadi, Yorgos Merantzas, Sofia Spiratou, Yorgos Mihailidis e Thanos Mikroutsikos
«Fuente Ovejuna», 1977, 1994

Caveant curatores.
Cum nonnulla cantica corrupto Graecorum sermone confecta dilectissimo amico nostro Richardo a me iam diu privatim missa ab ipso quamquam invito, innumerabilibus negotiis curisque avocantibus, negligi animadvertissem, constitui ut vobis, dilectis viris horum negotiorum curatoribus, rem mandarem, nec non admonerem opus omne, Φουέντε Οβεχούνα inscriptum, ex canticis decem constare, quorum tria, videlicet Επινίκεια, Η μπαλάντα της απόφασης, Η μπαλάντα του ξεσηκωμού, in sua quidque pagina adiri iam possunt, quamobrem cum primum effici poterit officio peracto eadem iuxta legem nostram puto plane esse delenda. Commoda scholia diligenter parata inconsideratus delevi quae tamen quam celerrime mittam. (Ioh. Petrus Testa)


fuenteoveena.


Thanos Mikroutsikos.
Thanos Mikroutsikos.

Lo scrittore e regista drammatico Yorgos Mihailidis (Atene, 1938 - ) durante la dittatura dei Colonnelli si era sforzato di dare continuità alla scena greca, per quanto due volte i teatri che si ostinò a fondare, quello di Nea Ionìa, suo quartiere natale, e il primo Teatro Aperto di Kypseli gli venissero chiusi, rispettivamente nel 1967 e nel 1975. Avrebbe rifondato il suo Teatro Aperto nel 1984. Quanto ho potuto raccogliere su di lui ritrae un personaggio notevole, alla cui intensa attività la cultura e il pubblico greci devono non poco. Nei nove anni in cui non ebbe un suo teatro, collaborò con quelli statali, il Nazionale e quello della Grecia Settentrionale. Per quest'ultimo mise in scena il dramma secentesco di Lope de Vega, "Fuente Ovejuna" la cui storia, che vede il popolo del borgo andaluso assumersi la responsabilità collettiva di avere ucciso il tiranno locale, ben si adattava al clima della ritrovata libertà dopo il settennio dei Colonnelli. Nell'allestimento Mihailidis trasformò in canzoni alcuni passi del dramma, ma li utilizzò come una sorta di controcanto all'assunto ideologico-politico dello scrittore del Siglo de Oro.
Per Lope de Vega, infatti, la sola società ordinata era quella gerarchizzata sotto un re assoluto. Il dramma contemplava due violazioni dell'ordine: la ribellione del popolo di Fuente Ovejuna al suo superiore feudale, e la ribellione dei Cavalieri di Calatrava alla nuova regina Isabella, sposa nel 1468 dell'erede d'Aragona Ferdinando, nell'ambito della guerra di successione di Castiglia (1475 - 1479). L'intervento della coppia regale ristabiliva l'ordine, con la sconfitta dei Cavalieri ribelli e dei loro sostenitori portoghesi, e con il perdono del popolo di Fuente Ovejuna, a giusta ragione ribellatosi contro i soprusi del Commendatore Fernando Gómez, a sua volta violatore dell'ordine, in quanto spregiatore dei propri doveri sia verso il sovrano, nella veste di cavaliere di Calatrava, sia verso il popolo, delle cui donne aveva abusato.
Le canzoni di Mihailidis ovviamente non accettano alcun ruolo regale. Ammirano la ribellione del popolo di Fuente Ovejuna, ma, voce del XX secolo, si inseriscono ad ammonirlo, perché nessun ordine è accettabile, se in cima alla gerarchia si collocano re al posto di feudatari, e non invece il popolo operoso, sul quale tutto si regge: se, insomma, la ribellione non diventa rivoluzione.
A mettere in musica le canzoni provvide l'eccellente compositore Thanos Mikroutsikos, che soprattutto all'ottima e indimenticabile Maria Dimitriadi, con la quale aveva perfetta intesa artistica e buona sintonia politica, affidò la loro interpretazione. (gpt)
Φουέντε Οβεχούνα
Fuente Ovejuna


Lope Félix de Vega Carpio. Ο Λόπε Φέλιξ ντε Βέγα Κάρπιο (1562-1635).
Lope Félix de Vega Carpio. Ο Λόπε Φέλιξ ντε Βέγα Κάρπιο (1562-1635).


1. Η μπαλάντα της απόφασης
Μαρία Δημητριάδη

Χωριάτη της Χουέντα Οβεχούνα
Αυτοί είναι οι βασιλιάδες της Καστίλιας
Ξένοι – εχθροί για σένα
Σήκωσε το κεφάλι από τη γη σου

Στα χωματένια χέρια σου
Καρπίζει η Ισπανία
Στα χωματένια χέρια σου
Φυτρώνει το σιτάρι
Εσύ είσαι η Ισπανία ολάκερη
Από το Γουαδαλκιβίρ ως τη Γρανάδα
Η μοίρα σου εσύ – εσύ μονάχος είσαι
Στα χέρια κανενός μη την αφήνεις

2. Η μπαλάντα της Φουέντε Οβεχούνα
Μαρία Δημητριάδη

Στο 1470 τη χρονιά
Στης Φουέντε Οβεχούνα την κοιλάδα
Χώμα δεν το όργωσε τ’αλέτρι
Νερό δεν πότισε τη γη
Μήτε είχε θεριστεί και το στάρι
Στο 1470 τη χρονιά
Στης φουέντε Οβεχούνα η φτωχολογιά
Στο θερισμό επήγε κι ήταν βράδυ
Μαύρα δρεπάνια της θέρισαν, των τυράννων
Τα κεφάλια
Στο 1470 τη χρονιά
Φερναγκομέεθ αβάσταχτη σκλαβιά
Σαν του Γουαδαλκιβίρ το ρέμα
Φούσκωσ’ η οργή
Κι ολάκερη η αγροτιά
Γυναίκες άνδρες και παιδιά
Στου Φερνάν Γκομέθ το κάστρο μπήκαν
Ήταν του 1470 η χρονιά
Κακή χρονιά

Άκου
Στης Φουέντε Οβεχούνα την κοιλάδα
Καβαλάρηδες περνούν αρματωμένοι
Στου φεγγαριού το γάντζο
Κρεμασμένη πανοπλία
Στου αγέρα το πλευρό ακουμπισμένο φλάμπουρο
Άκου
Στης Φουέντε Οβεχούνα την κοιλάδα
Άκου

Χίλια κομμάτια η Ισπανία
Κι είναι του Αλόνσο οι στρατιώτες
Του Αλόνσο της Αραγονίας
Που ενάντια χιμάνε στην Γρανάδα
Κι είναι ο Αλβαρέζ εκεί να την φυλάει
Απ’ τη Σεβίλια αλόφουσα τον πηγαίνει
Κι απ’ την Καστίλια σιδερόφραχτο ένα κύμα
Κι είναι ο Αλβαρέζ εκεί να την φυλάει
Χίλια κομμάτια η Ισπανία
Ιππότες αρχηγοί κι αρχόντοι
Με πέταλα οργώνουν τα χωράφια
Αίμα χύνουν στ’αυλάκια των περιβολιών
Στου 1470 τη χρονιά
Γονατισμένη η Ισπανία
Στου 1470 τη χρονιά
Γονατισμένη η φτωχολογιά

3. Η μπαλάντα του Τελέθ Ζιρόν
Μαρία Δημητριάδη

Σκάβουνε τ’άλογα τη γης αγριεμένα
Ο Δον Ροντρίγκο Τελέθ Ζιρόν
Από τ’Αλμαγκρογιά της Ιουδαδρεάλ
Με δυο χιλιάδες πάει
Ατσάλι σκέπασε το λαμπερό μετάξι
Η λόγχη καρφωμένη
Καρφωμένη στο φεγγάρι

Στην κοιλάδα της Φουέντε Οβεχούνα
Αίμα της Ισπανίας καίει τα χόρτα
Για ποιον οργώνεις σπέρνεις και θερίζεις
Χωριάτη της Φουέντε Οβεχούνα
Ο νικητής τον τόπο σου θ’αρπάξει
Κι ο νικημένος πάλι από εσέ θα πάρει
Χωριάτη της Φουέντε Οβεχούνα

4. Το τραγούδι του διοικητή
Γιώργος Μεραντζάς

Α της Σιουδαδρεάλ ο καβαλάρης
Της Σιουδαδρεάλ ο νικητής
Στη μάχη πάντα είναι μπροστάρης
Της Φουέντε Οβεχούνα

Και την ειρήνη στο χωριό ξανάδωσε
Γλυκιά βροχή που πέφτει απά στο χώμα
Σαν τον ανθό του σιταριού που μέστωσε
Μέλι που στάζει απ’ του ουρανού το στόμα

5. Μικρό ερωτικό
Θάνος Μικρούτσικος

Κάτω απ’ τη δαμασκηνιά
Θα ξαπλώσω την αρίδα
Θα’ρθει και μια κορασίδα
Ίδια στάλα από δροσιά

Σπάει η νύχτα σαν το τζάμι
Ήλιος πηδάει απ’ το βουνό
Το κορμί σου απά στο χάνι
Σάλεψέ μου το μυαλό

6. Η μπαλάντα των βασιλιάδων
Μαρία Δημητριάδη

Άκου τι λέει ο αγέρας
Στα χωράφια της Φουέντε Οβεχούνα
Είναι οι βασιλιάδες της Καστίλιας
Τι ψιθυρίζουνε οι έρημοι δρόμοι του χωριού
Ο Φερδινάνδος και η Ισαβέλλα
Και εκείνη η ανατριχίλα
Στα φύλλα της πορτοκαλιάς
Άκου τι λέει
Είναι βασιλιάδες

Χωριάτη της Φουέντε Οβεχούνα
Εκεί στη Καστίλια
Που η ελπίδα σου πέθανε
Εκεί στην Καστίλια
Με νέα δεσμά
Τη φτώχια σου αλυσοδένουνε

Χωριάτη της Φουέντε Οβεχούνα
Χωριάτη της Φουέντε Οβεχούνα
Σκυφτός πάνω στη γη σου θε να μείνεις
Γιατί και τούτοι βασιλιάδες είναι
Οι νέοι βασιλιάδες της Καστίλιας

7. Το τραγούδι του γάμου
Σοφία Σπυράτου, Γιώργος Μεραντζάς

Στης Φουέντε Οβεχούνα την κοιλάδα
Κόρη με ξέπλεκα μαλλιά διαβαίνει
Και μες σε χρυσαφί λιακάδα
Ιππότης πάνω στ’ άλογο προβαίνει

Κρύβετ’ η κόρη μες σε φυλλωσιά
Κι είν’ η καρδιά της σαν φτερούγα λαβωμένη
Φεγγάρι του ιππότη η αρματωσιά
'Hλιος η μορφή του η λαγγεμένη

Κόρη που κρύβεσαι μες στα κλαδιά
Tην αγάπη ποιος τη σταματάει
Ποια θάλασσα, ποια λαγκαδιά
Tην αγάπη ποιος τη σταματάει

Άλογο δίχως καβαλάρη φεύγει πέρα
Kι ένα σπαθί σα δέντρο ορθό στο χώμα
Kόρη που έσπερνες τη μέρα
Γυναίκα που θερίστηκες το γιόμα

8. Η μπαλάντα του ξεσηκωμού
Μαρία Δημητριάδη

Μεγάλο ποτάμι φουσκωμένο,
Η οργή του λαού,
Κυλάει πάνω απ' τα χωράφια,
Ποιος τη σταματάει, ποιος τη σταματάει,
Ποιος, ποιος τη σταματάει.

Κοιλάδα της Φουέντε Οβεχούνα,
Το χέρι που σ' έσπερνε,
Τον κεραυνό τώρα κρατάει,
Ποιος το σταματάει, ποιος το σταματάει,
Ποιος, ποιος το σταματάει.

Αιώνες γονατισμένη από την πίκρα,
Η ψυχή του λαού,
Φτερούγες τώρα βγάζει κι ανεβαίνει,
Ποιος τη σταματάει, ποιος τη σταματάει,
Ποιος, ποιος τη σταματάει.

Αιώνες γονατισμένη από την πίκρα,
Η ψυχή του λαού,
Φτερούγες τώρα βγάζει κι ανεβαίνει,
Ποιος τη σταματάει, ποιος τη σταματάει,
Ποιος, ποιος τη σταματάει.

Μεγάλο ποτάμι φουσκωμένο,
Η οργή του λαού,
Κυλάει πάνω απ' τα χωράφια,
Ποιος τη σταματάει,ποιος τη σταματάει,
Ποιος, ποιος τη σταματάει.

9. Επινίκεια
Σοφία Σπυράτου, Γιώργος Μεραντζάς, Γιώργος Μιχαηλίδης

Μια φορά κι έναν καιρό
Είχαμε διοικητή κακό
Τον λαό μας τυραννούσε
Και το κέφι μας χαλούσε

Είχε πλάι του τσιράκια
Τον Ορτούνιο και τον Χλόρες
Όταν κλείναμε τις πόρτες
Βρίσκανε παραθυράκια

Τώρα αυτοί πάνε καλλιά τους
Στο κεφάλι στα πλευρά τους
Φάγανε τόσες σπαθιές
Που από μια είναι πιο πολλές

Μα θα’ρθει άλλος διοικητής
Και στη Φουέντε Οβεχούνα
Θα φανεί άλλη μουτσούνα
Ένας νέος διοικητής

Τούτος θα΄ναι πιο καλός
Ο λαός πάντα φτωχός
Τις γυναίκες δεν θα παίρνει
Τη σοδειά μας θα την παίρνει

Ήταν Κυριακή πρωί
Και πριν πω τα πάτερημά μου
Μαύρισαν τα πισινά μου
Τα σκυλιά του διοικητή

Μα δεν το’ξεραν αλί τους
Πως σε λίγο στην αυλή τους
Θα’μπαινε το μαύρο κάρο
Μ’αγωγιάτη του τον χάρο

Τώρα είν’ τα πισινά μου
Είναι πάνω απ’ τα κανιά μου
Και τελειώνω μ΄ένα ακόμα
Εκείνοι είναι μες στο χώμα

10. Χορός
Ορχηστρικό

11. Η μπαλάντα της νύχτας
Μαρία Δημητριάδη

Ατέλειωτη νύχτα της Φουέντε Οβεχούνα
Στου 1470 τη χρονιά
Πως να χωρέσεις στην καρδιά μας
Τόσα πολλά που έφερες μαζί σου
Ακόμα δεν ξημέρωσε

Και το φεγγάρι μήνυμα στέλνει
Καβαλάρηδες πως μπαίνουν στην κοιλάδα
Και το φεγγάρι μήνυμα στέλνει
Στρατός του Φερδινάνδου και της Ισαβέλλας

Ατέλειωτη νύχτα της Φουέντε Οβεχούνα
Στου 1470 τη χρονιά
Τραγούδι θα γενείς μες στην κοιλάδα
Τραγούδι στην Ισπανία ολάκερη

12. Η μπαλάντα της απόφασης
Επανάληψις του 1.

Η Μαρία Δημητριάδη.
Η Μαρία Δημητριάδη.

inviata da Gian Piero Testa - 10/1/2012 - 20:42



Lingua: Italiano

Gian Piero Testa.
Gian Piero Testa.

Versione italiana integrale di Gian Piero Testa [2012]
Complete Italian version by Gian Piero Testa [2012]
Ολόκληρη ιταλική μετάφραση του Tζαν Πιέρο Τέστα
[2012]

Fuente Obejuna (Córdova). Una ceramica con un ritratto di Lope de Vega e il brano della commedia contenente il celeberrimo Fuente Ovejuna, señor!
Fuente Obejuna (Córdova). Una ceramica con un ritratto di Lope de Vega e il brano della commedia contenente il celeberrimo Fuente Ovejuna, señor!

Fuente Ovejuna è una commedia in versi in tre atti in lingua spagnola di Lope de Vega. Fu pubblicata per la prima volta a Madrid nel 1619 nella Docena parte de las comedias de Lope de Vega, ma venne scritta tra il 1612 e il 1614.

La vicenda è nel XV secolo nella cittadina di Fuente Ovejuna (Fuente Obejuna), commenda dell'ordine di Calatrava nella provincia di Córdova, di cui è titolare Fernán Gómez. Questi appoggia Giovanna la Beltraneja contro i re cattolici Isabella e Ferdinando. Il commendatore pretende lo ius primae noctis dagli abitanti del paese, e di fronte al loro rifiuto fa rapire i giovani Laurencia e Frondoso, il giorno delle loro nozze, per poter approfittare di lei e punire lui dell'affronto. Questa tuttavia scappa dalla rocca dove era rinchiusa e con un appassionato discorso induce alla rivolta il popolo, che, tutto assieme, espugna il palazzo di Férnan Gómez e lo uccide, infilzando la sua testa su una picca. L'ordine di Calatrava si è nel frattempo sottomesso a Isabella e Ferdinando e reclama giustizia: arriva un giudice che cerca in tutti i modi di trovare il colpevole, ma tutti gli abitanti dichiarano che l'uccisore è "Fuente Ovejuna" e i re, non potendo individuare il colpevole e messi al corrente degli abusi di Férnan Gómez, assolve tutto il popolo.

fuenteovejunasenor


A Fuente Obejuna avvenne effettivamente una rivolta nel 1476 nella quale fu ucciso Fernán Gómez de Guzmán, uno dei comandanti dell'ordine di Calatrava che sotto la guida del giovane gran maestro Rodrigo Téllez Girón, avevano attaccato Ciudad Real in appoggio a Giovanna la Beltraneja. - it:wikipedia
Fuente Ovejuna


Lope Félix de Vega Carpio (1562-1635).
Lope Félix de Vega Carpio (1562-1635).


1. La ballata della decisione
Maria Dimitriadi

Villano di Fuente Ovejuna
Questi sono i re di Castiglia
Stranieri - nemici per te
Solleva il capo dalla tua terra

Nelle tue mani terrose
Fruttifica la Spagna
Nelle tue mani terrose
Germoglia il grano
Tu sei la Spagna intera
Dal Guadalquivir fino a Granada
Il tuo destino sei tu - solamente tu
Non lasciarlo nelle mani di nessuno

2. La ballata di Fuente Ovejuna
Maria Dimitriadi

Nel 1470 in quell'annata
Nella valle di Fuente Ovejuna
Non una zolla smosse l'aratro
Acqua non innaffiò la terra
Neppure il grano venne mietuto
Nel 1470 in quell'annata
Tutti i poveretti di Fuente Ovejuna
Andarono alla mietitura ed era sera
Le loro nere falci mieterono le teste
Dei tiranni
Nel 1470 in quell'annata
Di Fernàn Gomez intollerabile la schiavitù
Come la corrente del Guadalquivir
Si gonfiò la collera
E i villani tutti quanti
Donne uomini e bambini
Entrarono nel castello di Fernàn Gomez
Era l'anno 1470
Mala annata

Ascolta
Nella valle di Fuente Ovejuna
Passano cavalieri armati
Appesa al gancio della luna
Una panoplia
Un labaro appoggiato in fianco al vento
Ascolta
Nella valle di Fuente Ovejuna
Ascolta

La Spagna in mille pezzi
E sono i fanti di Alonso
Di Alonso d'Aragona
Che si gettano su Granada
Ed è Alvarez lì che la protegge
Lo trae dalla piana di Siviglia
E da Castiglia un'onda catafratta
Ed Alvarez e lì che la protegge
La Spagna in mille pezzi
Cavalieri capitani e conti
Con gli zoccoli arano i campi
Versano sangue nei ruscelli dei giardini
Nel 1470 in quell'annata
La Spagna era in ginocchio
Nel 1470 in quell'annata
Tutti i poveri stavano in ginocchio

3. La ballata di Téllez Girón
Maria Dimitriadi

La terra scavano furiosi i cavalli
Don Rodrigo Téllez Girón
Muove da Almagro di Ciudad Real
con duemila cavalieri
D'acciaio ha coperto le lucenti sete
La lancia conficcata
Conficcata nella luna

Nella valle di Fuente Ovejuna
Sangue spagnolo brucia le verzure
Per le quali ari semini e mieti
Villano di Fuente Ovejuna
Il vincitore deprederà il tuo paese
E il vinto ancora prenderà da te
Villano di Fuente Ovejuna

4. La canzone del balivo
Yorgos Merantzás

Ah il cavaliere di Ciudad Real
Il vincitore di Ciudad Real
E' sempre il primo nella pugna
Di Fuente Ovejuna

E restituì la pace nel villaggio
Dolce pioggia che cade sulle zolle
Come il fiore del grano ormai maturo
Miele che stilla dalle labbra del cielo

5. Canzonetta d'amore
Thanos Mikroutsikos

Sotto l'albero del pruno
Mi stenderò a gambe larghe
Anche verrà una ragazzina
Pari a una goccia di rugiada

S'incrina la notte come il vetro
Balza il sole dalla montagna
Col tuo corpo sul giaciglio
Fa' impazzire il mio cervello

6. La ballata dei re
Maria Dimitriadi

Ascolta cosa dice il vento
Nei campi di Fuente Ovejuna
Sono i re della Castiglia
Cosa sussurrano le strade vuote del villaggio
Ferdinando e Isabella
E quel brivido improvviso
Nel fogliame dell'arancio
Ascolta cosa dice
Sono dei re

Villano di Fuente Ovejuna
Là nella Castiglia
Dove morì la tua speranza
Là nella Castiglia
Con vincoli nuovi
Metteranno catene alla tua miseria

Villano di Fuente Ovejuna
Villano di Fuente Ovejuna
Resterai piegato sulla tua terra
Poiché questi re sono
I nuovi re di Castiglia

7. La canzone delle nozze
Sofia Spiratou, Yorgos Merantzás

Nella valle di Fuente Ovejuna
Passa una fanciulla coi capelli sciolti
E nell'oro dei raggi del sole
Avanza un cavaliere sul suo destriero

Si cela la fanciulla tra le fronde
E il suo cuore è un'aluccia ferita
Come una luna l'armatura del cavaliere
Come un sole il suo languoroso aspetto

Fanciulla che ti celi tra le fronde
Chi può fermare l'amore
Qual mare, quale burrone
Può fermare l'amore

Un cavallo senza cavaliere va più in là
E una spada come un albero dritto nella terra
Fanciulla che seminavi alla mattina
Donna che mietesti a mezzogiono

8. La ballata dell'insurrezione
Maria Dimitriadi

Grande, rigonfio fiume,
La collera del popolo,
scorre sopra le campagne,
chi la ferma, chi la ferma,
chi, chi la ferma.

Valle di Fuente Ovejuna,
la mano che ti seminava,
ora impugna il fulmine,
chi la ferma, chi la ferma,
chi, chi la ferma.

Per secoli amaramente in ginocchio,
l'anima del popolo,
ora mette le ali e ascende,
chi la ferma, chi la ferma,
chi, chi la ferma.

Grande, rigonfio fiume,
l'ira del popolo,
scorre sopra le campagne,
chi la ferma, chi la ferma,
chi, chi la ferma.

9. Epinici
Sofia Spiratou, Yorgos Merantzás, Yorgos Mihailidis

Ci fu una volta un tempo
Che ci toccò un balivo malo
Tormento del nostro popolo
Ci rovinava l'appetito

Al fianco aveva i suoi bravi
Ortuño e Flores
Quando chiudevamo le porte
Trovavano le finestrelle

Ora là vanno dove ben gli sta
Sul capo e in fianco
Tanti fendenti presero
D'uno assai di più

Ma un altro balivo arriverà
E a Fuente Ovejuna
Si vedrà un altro muso
Un giovane balivo

Questo sarà più buono
(Il popolo sempre povero)
Non ci rapirà le donne
(Ma prenderà il raccolto)

Era un mattino di domenica
E prima di dire il paternostro
Gli scagnozzi del balivo
Mi annerirono il sedere

Ma non sapevano poveretti
Che presto nella loro corte
Sarebbe entrato il carro nero
Con in serpa la Morte

Ora il mio sedere
Se ne sta sulle sue gambe
E ne dico ancora una
Quelli già sono sotto terra

10. Ballo
Solo orchestra

11. La ballata della notte
Maria Dimitriadi

Interminabile notte di Fuente Ovejuna
Nell'anno 1470
Come troverai posto nel nostro cuore
Per le tante cose che portasti con te
Ancora non ha fatto giorno

E la luna manda un messaggio
Che cavalieri stanno entrando nella valle
E la luna manda un messaggio
Un esercito di Ferdinando e d'Isabella

Interminabile notte di Fuente Ovejuna
Nell'anno 1470
Sarai un canzone dentro la valle
Una canzone in tutta la Spagna

12. Ballata della decisione
Replica di 1.


Maria Dimitriadi.
Maria Dimitriadi.

inviata da Gian Piero Testa - 11/1/2012 - 10:35


Prima di dedicarmi come si deve sia a questa "paginona" sia a quella di Τραγοὐδια της Λευτεριάς, Gian Piero, ti ringrazio per il "latinorum" (che scrivi, devo dire, eccelsamente!). Le canzoni le ho finalmente cancellate: un po' avevo atteso che tu inserissi gli album completi, e un po' avevo avuto problemi con la cancellazione. In pratica, Thanos Mikroutsikos non mi risultava manco presente nel sito. E ti spiego perché.

In questo sito, quando si deve cancellare una pagina, si ricorre a un comando nella "stanza dei bottoni" in base al quale si deve cercare il cognome dell'autore scritto in caratteri latini. Per questo motivo, a suo tempo ti dissi di scrivere sempre prima il nome traslitterato: i caratteri greci non sono riconosciuti dal comando.

Inoltre, il nome degli autori in alfabeti diversi da quello latino devono essere inseriti secondo uno schema fisso, che è il seguente. Ti faccio un esempio con Thanos Mikroutsikos:

- casella nome: Thanos
- casella cognome: Mikroutsikos / Θάνος Μικρούτσικος

Se tu inserisci il nome intero in caratteri latini nella casella "nome" (Thanos Mikroutsikos) e poi il nome intero in caratteri greci nella casella "cognome", il comando non riconosce più nulla. Va in tilt. Questo sito ordina tutto per cognome, e facendo come hai fatto te, appare come se fosse un tizio che di cognome intero fa Θάνος Μικρούτσικος. Scritto in caratteri greci e, quindi, irriconoscibili dal comando di ricerca. Per questo motivo, al primo posto nella casella "cognome" va il cognome "latino" seguito dal nome intero greco (russo, circasso, giapponese) separato da una barra. In questo modo si rende riconoscibile il cognome dal comando di ricerca.

Spero che la cosa ti sia chiara. Comunque ti pago il biglietto del treno, ma urge che tu venga tre o quattro giorni da me. Ti metto al PC e ti faccio un corso intensivo di uso dei comandi delle CCG :-)

Tibi permagnas gratias ago!

Riccardo Venturi - 11/1/2012 - 18:14


Anche senza andare nella stanza dei bottoni si può disapprovare la canzone (abilitata = No) e a quel punto appare nella lista delle canzoni in approvazione e da lì si può eliminare.

Il Webmaster - 11/1/2012 - 19:37


Io ti ringrazio, Riccardo,e mi scuso di non avere a suo tempo capito le tue istruzioni. Ora mi sembrano chiarissime; però me le stampo e, infilate in una busta di plastica, ne quid detrimenti capiant, me le tengo davanti al computer da leggersi ogniqualvolta abbia da inserire un autore nuovo.
Il tuo giudizio sul mio latino mi lascia estasiato. Da decenni non "componevo" e neppure ci pensavo più: ma, quando tu hai tradotto la "Guerra di Piero", mi è venuta una voglietta (κέφι) di vedere quanta ruggine si fosse depositata sugli ingranaggi miei. Ho fatto un po' di fatica, lo confesso, perché le parole che cercavo nella mente mi arrivavano tutte in greco. Pensa che sono andato a controllare il numero "tria", perché lo sospettavo di...non essere latino.
Verrei ben volentieri a Firenze, per imparare quanto occorre e per cavarmi un po' fuori dalle tristezze. Ma sono proprio le tristezze che mi trattengono qui: l'amico sempre più imprigionato nel suo corpo; la gatta Luna che resiste, ma non più come prima. Ho fatto la notte con lei, traducendo le Canzoni della Libertà, e domani cercherò di portare l'amico a sottoporsi a una visita, per nuovi difficili sviluppi. Per fortuna riesco ancora a "succhiare" il buono che mi sta intorno: le belle giornate, le foto della mia pronipotina, le canzoni di CCG.
A proposito, che bel lavoro sui Catari e ora sugli Occitani. Ma anche le mie due ultime "botte" non sono niente male. Sono certo che ci lavorerai magistralmente. Vale.

Gian Piero Testa - 11/1/2012 - 19:45


Ecco, la pagina è terminata. Ho fatto un po' di esperimenti con la disposizione grafica dei testi; spero che questo nuovo layout sia piacevole. Sul tuo latino, Gian Piero, torno a dire che non soltanto è eccellente ma ha una caratteristica per me ancora più importante: è scritto in modo naturale, da lingua viva. Non è forzatamente ieratico; te lo dice uno che, fin da ragazzo, ha sempre cercato di considerarlo una lingua come tutte le altre. Κουράγιο, λοιπόν, Gian Piero; si va avanti prendendo tutto ciò che c'è di bello. E, a proposito, ti saluto con una foto del villaggio di Fuente Obejuna, che mi sembra un gran bel posto:

fuenteobejuna


Sembra che, nell'antichità, il nome della località fosse Fons Mellaria; da qui la primitiva denominazione di Fuente Abejuna ("fonte delle api"), divenuta poi "Obejuna" (= delle pecore). Ma gli abitanti vengono ancora detti mellarienses. Il nome del villaggio ha quattro varianti che si possono ancora usare liberamente: Fuente Obejuna, Fuenteobejuna, Fuente Ovejuna, Fuenteovejuna.

Riccardo Venturi - 11/1/2012 - 23:43


E' bello vedere un lavoro in "traje de luz", come quello di cui hai rivestito "Fuente Ovejuna" in questa pagina. Mi sembra riuscita assai bene; la veste nuova comunica che l'opera (anzi, le opere) da cui si è partiti non è banale, e che chi la voglia conoscere deve metterci a sua volta lo stesso tempo, la stessa pazienza e - ce lo concediamo? - lo stesso piacere che ci abbiamo messo noi. Pensa a quanti "omaggi" al mondo abbiamo fatto insieme: agli Spagnoli, ai Greci, al passato, al presente e, sempre che l'abitudine a sopportare ormai di tutto non vieti ogni speranza, al futuro. E' alimentandoci ogni tanto di qualche boccone buono come questo che si riesce a tirare avanti nelle nostre pene e nelle nostre miserie, riuscendo addirittura a sorridere in latino. Grazie.

Gian Piero Testa - 12/1/2012 - 04:47



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org