Lingua   

Gavte la nata, Gioan

Polveriera Nobel
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

21 settembre 1864
(Beppe Novajra)
Bagna caoda argentina
(Polveriera Nobel)
Sangue di Venaus
(Polveriera Nobel)


Testo e traduzione trascritte dal N°2 aprile 2006 di "SARA' DURA!" voci del popolo NO TAV. http://www.saradura.com
A ‘t diso ch’it l’has de porté ën poc ëd passiensa,
ma pensa ti che bel,quand it saras ëd partenza
a pijé ‘l treno për andé ‘n pizzeria
la duminica a Lion con la neuva ferovia
Mach an poc ëd pòer e ‘n poc ëd rebél:
a campo giù ël to paìs,ch’a t ë smija tant bel:
ma pensa che conquista,pensa ti che roba,
tacà p ër la pel del tò cul a l’Europa!

Lor ël so guadagn,ti maca i dann,
gaote la nata,gaote la nata,
lor i miliard,ti na vita da can,
gaote la nata Gioan
gaote la nata!

E ti ‘t n’arcordi, quand a l’han pijate to pra
p ër faje pasé cola cazzo ‘d autostrà
E i tir a ‘t marcio istess ansima i pé,
a l’han pa date ‘n sold,a l’han pa dite ‘l përché.
A l’e na val ëd mort ch’it veuli lassé ai to masnà?
A ‘t pias l’amianto ch’a ‘t ven fin-a ‘n ca?
Adess aj e n’aota firma,e via alla distruzione
Ti spera che peui a ‘t fan fé ‘l capostazione.

Lor ël so guadagn,ti maca i dann,
gaote la nata,gaote la nata,
lor i miliard,ti na vita da can,
gaote la nata Gioan
gaote la nata!

Lor ël so guadagn,ti maca i dann,
gaote la nata,gaote la nata,
lor i miliard,ti na vita da can,
gaote la nata Gioan
e i treni ëd neuit ch’a fan balé ‘l can can,
gaote la nata, gaote la nata,
l’alta velocità, ma ti ‘t vade pa lontan!
Gaote la nata Gioan !

inviata da adriana - 20/5/2006 - 09:03



Lingua: Italiano

Versione italiana
STAPPATI(*), GIOVANNI!

Ti dicono che devi avere un po’ di pazienza,
ma pensa che bello,qundo sarai in partenza
per prendere il treno per andare in pizzeria
a Lione,la domenica, con la nuova ferrovia!
Solo un po’ di polvere, solo un po’ di rumore:
radono al suolo il tuo paese,che tanto ti sembra bello.
Ma pensa che conquista, pensa che roba:
attaccati per la pelle del culo all’Europa!

A loro il guadagno a te solo i danni,
svegliati, svegliati,
a loro i miliardi,a te una vita da cani,
svegliati Giovanni,
svegliati!

E ti ricordi quando hanno preso il tuo prato
per farci passare quel cazzo di autostrada
E ora i tir ti camminano lo stesso sui piedi,
non ti hanno dato un soldo, non ti hanno detto perché
E’ una valle di morte che vuoi lasciare ai tuoi figli?
Ti piace l’amianto che ti arriva fino in casa?
Ora c’è un'altra firma ,e via alla distruzione
tu spera che poi ti facciano fare il capostazione

A loro il guadagno a te solo i danni,
svegliati, svegliati,
a loro i miliardi,a te una vita da cani,
svegliati Giovanni,
svegliati!

A loro il guadagno a te solo i danni,
svegliati, svegliati,
a loro i miliardi,a te una vita da cani,
svegliati Giovanni
e i treni che di notte ti fanno ballare il can can,
svegliati, svegliati,
l’alta velocità, ma tu non vai lontano,
svegliati Giovanni!

(*) Svegliati!

inviata da adriana - 20/5/2006 - 09:08


A proposito dell'espressione torinese "Gavte la nata" non possiamo esimerci dal riportare l'esilarante parafrasi data da Umberto Eco ne "Il pendolo di Foucalt":

Quella volta Belbo aveva perso il controllo. Almeno, come poteva perdere il controllo lui. Aveva atteso che Agliè fosse uscito e aveva detto tra i denti: «Ma gavte la nata.»
Lorenza, che stava ancora facendo gesti complici di allegrezza, gli aveva chiesto che cosa volesse dire.
«È torinese. Significa levati il tappo, ovvero, se preferisci, voglia ella levarsi il tappo. In presenza di persona altezzosa e impettita, la si suppone enfiata dalla propria immodestia, e parimenti si suppone che tale smodata autoconsiderazione tenga in vita il corpo dilatato solo in virtù di un tappo che, infilato nello sfintere, impedisca che tutta quella aerostatica dignità si dissolva, talché, invitando il soggetto a togliersi esso turacciolo, lo si condanna a perseguire il proprio irreversibile afflosciamento, non di rado accompagnato da sibilo acutissimo e riduzione del superstite involucro esterno a povera cosa, scarna immagine ed esangue fantasma della prisca maestà.»

Lorenzo Masetti - 2/3/2008 - 21:22



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org