Lingua   

La ballata del now

Sergio Liberovici
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

One More Time
(The Clash)
Attica Blues
(Archie Shepp)


[1966]
Testo e musica di Sergio Liberovici

Nel 1966 Sergio Liberovici, da solo, compose e fece eseguire a vari artisti l'album "Ogni giorno tutti i giorni" (Dischi del Sole DS 134/36). Ne riprendiamo questa "Ballata del now" scritta su un episodio realmente accaduto: un ragazzo negro di sedici anni ucciso a San Francisco da un poliziotto bianco perché, impaurito, non si era fermato all'alt. Così, senza che avesse fatto niente di male. Un episodio "d'ogni giorno tutti i giorni", proprio da questa canzone Liberovici trasse il titolo dell'album.




Dopo l’assassinio del sedicenne Matthew Johnson, ucciso con un colpo sparatogli alla schiena da un agente, la comunità nera dell’Hunters Point di San Francisco si ribellò contro la brutalità della polizia. I disordini durarono tre giorni ed il sindaco e il governatore non trovarono di meglio da fare che mettere i tiratori scelti appostati agli incroci e mobilitare la guardia nazionale che invase le strade del quartiere con carrarmati e mitragliatrici pesanti.

(The Lone Ranger)

Il ventotto di settembre sessantasei
a San Francisco California United States
Alvin Johnson piedipiatti occhio di lince
avrebbe visto pochi passi dinanzi a sé

un giovanotto di sedici anni la pelle scura
al volante di una vettura di marca Ford
e non è cosa d'ogni giorno tutti i giorni.

Ritenendo stravagante un po' anormale
che un sedicenne di colore fosse su un'auto
nella testa dell'agente della stradale
si fece strada pertinente supposizione

che la vettura non fosse sua fosse rubata
e quel negro non fosse proprio incensurato
e questa è cosa d'ogni giorno tutti i giorni.

Il tutore della legge così si dice
senz'altro indugio gridò forte «Tu... fermo...alt».
Ma il ragazzo impaurito non ubbidisce
fermata l'auto scese in fretta s'allontanò.

A questo punto il poliziotto inorgoglito
fu sicuro di aver di fronte un malvivente
che poi è cosa d'ogni giorno tutti i giorni.

Confortato dalla netta coincidenza
fra ciò che aveva poco prima immaginato
e la piega ormai presa dalla vicenda
il nostro Johnson tirò fuori la sua Colt

prese la mira un colpo solo gli è bastato
il bandito urlando forte è stramazzato
cosa, anche questa d'ogni giorno tutti i giorni.

Una storia che è durata pochi secondi
assai meno di una strofa della canzone
una storia che dimostra il grande fiuto
dei poliziotti California United States

anche se tutti san molto bene che tutto questo
non si sarebbe naturalmente verificato
se il guidatore uomo bianco fosse stato.

Tutti quanti gli abitanti di quel quartiere
il cosiddetto ghetto nero di Hunters Point
stesso giorno di settembre dopo lo sparo
scesero in piazza per finirla con la viltà

e un grido solo da quella folla si è levato
per le strade di San Francisco è risuonato
e non è cosa d'ogni giorno tutti i giorni.

Se per voi che padroni di tutto siete
il dubbio vale quanto vale la verità
se la legge che difende i vostri beni
non contempla altra pena che la Colt

e se per voi supposizione è giustizia
non ci resta alcuna scelta che la seguente
e così oggi ogni giorno tutti i giorni.

Non ci resta altra scelta che rubare
per diventare benestanti come voi
sui fucili che ci fate puntare addosso
benzina e sassi da scagliare senza pietà

e poi ancora terrore e incendio perché la vita
anche a noi riserbi un poco del suo valore
«Now...ora...oggi!» ogni giorno tutti i giorni.

inviata da Riccardo Venturi - 1/5/2006 - 09:27



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org