Lingua   

Venessia patria mia dileta

Alberto D'Amico
Lingua: Italiano (Veneto Veneziano)


Ti può interessare anche...

Ariva i barbari
(Alberto D'Amico)
A le case minime
(Gualtiero Bertelli)
Mi voria saver
(Gualtiero Bertelli)


Testo e musica di Alberto D'Amico
Da "La musica dell'altra Italia"

Ariva i barbari. Alberto D’Amico, 1973.
Ariva i barbari. Alberto D’Amico, 1973.
Venessia patria mia dileta
ti va de sgobo e po' de grata
sotto il vessillo di San Marco
par 'sta repubblica da sbarco
i m'à mandà parfin in Cina
a romperghe i cojoni a Gengis Kan

Se parte dal mondo co 'na carovana
varda Luisa che bela è la Cina
rassi colorati bachi da seda
la povere pirica la pansa de Buda
carica tuto fa su la tenda
el nostro paron cussì ne comanda
'sta carovana no la gh'ò capìa
semo cristiani e femo rassìa
Luisa che ladro che xe Marco Polo
cori che i mongoli ne core drio

In Adriatico che lote
le navi torna a casa rote
spense rabiosi i infedeli
che vol robarne i monopoli
de là in Atlantico la Spagna
el novo mondo la gh'à trovà

Cristoforo Colombo gh'aveva ragion
el mondo xe tondo come un balon
co la Nina la Pinta e la Santa Maria
el porta a casa l'oro e l'argenteria
America America tera pressiosa
ma i indiani xe gente che xe permalosa
ariva i velieri i canoni spagnoli
Atsechi e Inca xe ma sacrài
par cossa parché dovemo copar
me par una falce 'sta cristianità

Varda Luisa che malani
sciopa la guera dei trent'ani
me fasso fià e sigo basta
me 'riva in boca 'na tempesta
i fiumi porta le carogne
e l'aria ormai se gh'à impestà

Scampemo scampemo che 'riva la peste
rancura le robe dentro le seste
coversi el fio con un pano de lana
canta Luisa che fassa la nana
canta che i angeli buta 'na corda
che se tiremo su da 'sta merda
dormi bambin che 'ndemo su le stele
domani la Madona te da le caramele.

inviata da Riccardo Venturi - 30/4/2006 - 22:04



Lingua: Italiano

Il testo in italiano:
VENEZIA PATRIA MIA DILETTA

Venezia patria mia diletta
vai rubando e depredando
sotto il vessillo di San Marco
per 'sta repubblica da sbarco
mi hanno mandato persino in Cina
a rompere i coglioni a Gengis Kan

Si parte dal mondo con una carovana
guarda Luisa che bella la Cina
razzi colorati i bachi da seta
la polvere pirica la pancia di Budda
carica tutto fa su la tenda
il nostro padrone così ci comanda
'sta carovana non l'ho capita
siamo cristiani e facciamo razzìa
Luisa che ladro è Marco Polo
corri che i mongoli ci corrono dietro

In Adriatico che lotte
le navi tornano a casa rotte
premono rabbiosi gli infedeli
che vogliono rubarci i monopoli
di là in Atlantico la Spagna
il Nuovo Mondo ha trovato

Cristoforo Colombo aveva ragione
il mondo è tondo come un pallone
con la Nina la Pinta la Santa Maria
porta a casa l'oro e l'argenteria
America America terra preziosa
ma gli indiani sono gente permalosa
arrivano i velieri i cannoni spagnoli
Aztechi e Incas sono massacrati
per cosa perché bisogna ammazzare
mi sembra una falce questa cristianità

Guarda Luisa che disgrazie
scoppia la guerra dei trent'anni
mi faccio fiato e grido basta
mi viene in bocca una tempesta
i fiumi portano le carogne
e l'aria ormai s'è appestata

Scappiamo scappiamo arriva la peste
raccogli le robe dentro le ceste
copri il bambino con un panno di lana
canta Luisa che faccia la nanna
canta che gli angeli calino una corda
e ci tiriamo su da 'sta merda
dormi bambino che andiamo sulle stelle
domani la Madonna ti dà le caramelle.

inviata da Riccardo Venturi - 30/4/2006 - 22:05



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org