Lingua   

Lu dudici jnnaru 1848

anonimo
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

La leva
(anonimo)
Mafia! Mafia!
(Fortunato Sindoni)
Sta terra nun fa pi mia
(Rosina Gioiosa Trubia)


[1848-49]
Canzone popolare della Rivoluzione indipendentista siciliana pubblicata per la prima volta nel 1880 in “Leggende popolari in poesia raccolte e annotate”, di Salvatore Salomone Marino (1847-1916), autore di molti compendi sul folklore e le tradizioni dei contadini siciliani e la cui opera più nota è dedicata a La Barunissa di Carini.
Ho trascritto il testo dal libro di Antonino Uccello “Risorgimento e società nei canti popolari siciliani”, Parenti 1961.
Il canto, raccolto a Parco (oggi Altofonte, in provincia di Palermo), è composto di undici ottave di endecasillabi a rima alterna. Mancano cinque o sei stanze che il Salomone Marino non pubblicò perché “guaste”…





“La rivoluzione indipendentista siciliana del 1848 ebbe luogo in un anno colmo di rivoluzioni e di rivolte popolari che viene anche chiamato primavera dei popoli. La rivoluzione siciliana di quell'anno riveste un certo significato per le seguenti quattro ragioni:
1. Cominciò il 12 gennaio 1848, e quindi fu la prima in assoluta dei moti rivoluzionari che ebbero luogo in quell'anno;
2. Non meno di quattro moti rivoluzionari ebbero luogo sull'isola di Sicilia tra il 1800 ed il 1849 contro i Borbone, l'ultimo dei moti condusse alla creazione di uno stato indipendente che durò circa 16 mesi;
3. La costituzione che sopravvisse 16 mesi era molto progressista per quei tempi in termini liberal-democratici;
4. Fu in effetti il catalizzatore della fine del regno dei Borbone nelle Due Sicilie che ebbe luogo tra il 1860 ed il 1861 con l'unificazione italiana” (it.wikipedia)
A li dúdici jnnaru quarantottu
spinci' la testa ddu Palermu afflittu (1),
misi focu a la mina e fici bottu,
cu grolia ha vinnicatu lu sò grittu:
di vecchiu ch'era, accumparíu picciottu,
spinci la manu cu lu pugnu strittu,
lenta a Burbuni un putenti cazzottu:
— Tiniti, Majstà, vi l’avía dittu!

Vi l’avía dittu cu la lingua sciota (2),
vi la pigghiastu pri 'na smafarata (3);
li dúdici jnnaru lu dinota
ca era pronta la grannuliata.
Riali Majstà, vassà lu nota (4)
ca stu jornu arristau scurunata;
fu tantu fera la botta sta vota,
ca vassà già lu detti a la balata (5).

Ora la fazzu allegra la pisciata
misu a lu centru di la me’ funtana (6),
cu la bannera mia tricculurata
e 'n testa la curuna me’ suvrana.
Li me’ fìgghioli arrancaru la spata,
la Nazioni mia siciliana;
ma cu cu’ 1'hannu a fari sta tirata (7)?
fujíu la truppa tua napulitana.

Li fimmineddi cu li battimani (8),
dicennu: — Ad iddi! — fíciru tirruri
a sti valenti to’ napulitani,
sti guapparusi (9) mància-maccarruni.
Nun cci putennu cu li paisani,
di notti sì nni fujeru a l’ammucciuni;
hannu lassatu lu Casteddammari,
e lu Palazzu e li sò bastiuni.

Piddu Scurdatu cu lu sò trummuni.
La Masa risolutu e lu Miceli,
Tantè, Carini, Di Bella e lu Brunu (10)
omini arditi e patriotti veri,
cci hannu datu a la truppa un trantoluni
pri fina dintra di li sò quarteri;
cci hannu livatu scupetti e cannuni,
cci hannu fattu calari li banneri.

Mi scínninu li squatri a scheri a scheri
cu scupetti, pistoli e cutiddini.
Siciliani patriotti veri
pri dari a Bumma (11) la sò trista fini.
Lu populu d'abbàsciu e cavalieri
cu tutti oniti li me’ citatini:
— Viva Sicilia libira e Don Ruggeri (12)!
morti a Borbuni cu li sò ‘sassini! —

Puru a Piu Nonu onuri si cci divi,
dd’omu ‘nnimicu di la tirannia:
riali Majstà, vossà ‘un lu vidi
ca Diu s’ha misu di la parti mia?
Quantu vidi lu ‘mbrànculu, po’ cridi;
guarda burrasca chi cc’è pri la via!
Smaccatu, scurunatu e senza fidi,
scurdari si la po’ ‘sta Terra mia!

Sta Terra happi vittoria giulia
‘ntra quattru botti ssa truppa finíu;
chiddi cafuna (13), e la cavallaria,
e lu trenu (14) puranchi s’arrinníu:
valenti cc'èranu pri spugghiari a mia,
frustàrimi e sucari ‘u sangu miu;
ma, sintennu la prima frattaria,
lo curaggiu e la forza cci muríu.

Chissu è giustu giudiziu di Diu
pri vinnicari li me’ peni e chianti;
Vialli (15) primu fu chi s’attirríu
ca vulía fari di spirtizzi tanti!
di notti cu Di Maju (16) si nni fujíu
e tutta la truppa sò, ch'era bastanti;
lu populu a l’Olivuzza (17) li battíu,
li campani sunàvanu fistanti.

[…] (18)

Grolia nn'ha avutu cu tanta prudizza
lu dúdici jnnaru veramenti:
fu di stupiri la gran valintizza,
súrgiri oniti tanti cummattenti.
Tutt’ ‘i paisi cc’è gran cuntintizza,
lu strudemu a Burbuni 'n tempu un nenti;
e Firdinannu nn'havi l'amarizza,
cci sgagghiau la Sicilia di li denti.

Tutta la genti prigàmulu a Diu
stari tutti custanti, oniti e forti;
nn’ha binidittu ddu gran Papa Piu,
mancari nun pò cchiú la leta sorti.
Ddu malu Firdinannu già finíu,
Sicilia cci ha signatu la sò sorti;
vuci di populu, vuci di Diu:
— Viva la libertà ! — sin’a la morti.
Note di Antonino Uccello:

1) Allude alla statua di “Palermu lu vecchiu” alla Fieravecchia.

2) Si fa riferimento alla sfida lanciata dai fratelli Bagnasco che il 9 gennaio 1848 annunciarono la Rivoluzione affiggendo a Palermo il seguente manifesto:
“Siciliani! Il tempo delle preghiere inutilmente passò. Inutili le proteste, le suppliche, le pacifiche dimostrazioni. Ferdinando II tutto ha disprezzato; e noi, popolo libero, ridotto nelle catene e nella miseria, tarderemo ancora a riconquistare i nostri legittimi diritti? All'armi, figli di Sicilia, allarmi ! La forza di tutti è onnipossente: l'unione dei popoli è la caduta dei re. Il giorno 12 gennaio, all'alba, comincerà l'epoca gloriosa dell'universale rigenerazione. Palermo accoglierà con trasporto quanti Siciliani armati si presenteranno al sostegno della causa comune, a stabilire riforme e istituzioni analoghe al progresso del secolo, volute dall'Europa, dall'Italia e da Pio IX. Unione, ordine, subordinazione ai capi, rispetto a tutte le proprietà; il furto sia dichiarato tradimento della Patria e, come tale, punito. Chi mancherà di mezzi ne sarà provveduto. Con questi principi il Cielo asseconderà la giustissima impresa. Siciliani, allarmi !”

3) smafarata, ossia smargiassata. Quella che sembrò al Borbone: come potevano osare i siciliani di dare l’ultimatum al loro Re?!?

4) vassà, abbreviazione di vossignoria.

5) balata, dall’arabo, indica qualsiasi lastra di pietra. Dari a la balata sottintende il culo, con riferimento all’antica pena umiliativa cui erano sottoposto il debitore insolvente, quella di battere il culo nudo su di un pietrone davanti a tutti e alla presenza de creditore, che si considerava in tal modo soddisfatto nelle sue pretese.

6) E’ la fontana di piazza Fieravecchia, dove si svolsero i primi sanguinosi scontri tra i patrioti e i borbonici. La statua che stava in mezzo alla fontana, “Il Genio di Palermo”, fu fatta rimuovere dai Borbone quando ripresero il potere. Nel 1860 fu rimessa al suo posto.

7) tirata, il corpo a corpo proprio dei duelli rusticani.

8) Il battimani, l’approvazione popolare, dovette essere davvero fragoroso perché ritorna più volte nella poesia popolare che parla della Rivoluzione.

9) Guapparusi, smargiassi, millantatori.

10) Giuseppe Scordato, Giuseppe La Masa, Salvatore Miceli, Angelo Tantè, Giacinto Carini, Francesco Di Bella e Pasquale Bruno furono tra i primi e più valorosi rivoluzionari.

11) Bumma, Bomba, “Re Bomba”, il soprannome affibiato al Borbone dopo il bombardamento di Messina del settembre 1848 da parte della sua flotta da guerra.

12) Ruggiero Settimo, presidente del governo nazionale rivoluzionario.

13) cafuna, così il popolo chiamava la fanteria borbonica.

14) Trenu, l’insieme di uomini, cavalli e carri che formano l’equipaggio dell’artiglieria.

15) Pietro Vialli, maresciallo delle truppe borboniche a Palermo.

16) Luigi De Majo, comandante del Vialli e luogotenente del Re.

17) Le campagne dell’Olivuzza e dei Colli, dove si svolsero aspri combattimenti nella notte del 25 gennaio.

18) Qui mancano cinque o sei stanze non ricostruite dal Salomone Marino.

inviata da Bartleby - 12/8/2011 - 12:11



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Antonino Uccello.
IL DODICI GENNAIO 1848

Il dodici gennaio quarantotto
Alza la testa Palermo l’afflitta,
mise fuoco alla mina e fece botto
con gloria ha vendicato il suo diritto:
da vecchia ch’era, giovane divenne,
alza la mano con il pugno stretto,
affibbia al Borbone un potente cazzotto:
- Prendete, Maestà, ve l’avevo detto! -

Ve l’avevo detto chiaramente,
lo credevate una smargiassata;
il dodici gennaio ve lo dimostra
che era pronta la grandinata.
Reale Maestà, ora si accorge
che in questo giorno ha perduto la corona,
fu così duro il colpo stavolta
che vostra signoria andò in malora.

Ora la faccio allegra la pisciata
Messo al centro della mia fontana,
con la bandiera mia tricolore
e in testa la corona mia sovrana.
I miei figlioli afferrano la spada,
la Nazione mia Siciliana;
ma contro chi faranno questo duello?
Fuggì la truppa tua napoletana!

Le donne con i battimani
Dicendo – Dàlli! – fecero atterrire
questi valenti tuoi napoletani,
questi guappi mangia maccheroni.
Non prevalendo sui cittadini
se ne fuggono di notte, di nascosto:
hanno abbandonato Castellammare
e il Palazzo e i suoi bastioni.

Giuseppe Scordato con il suo trombone,
La Masa risoluto e il Miceli,
Tantè, Carini, Di Bella e il Bruno,
uomini arditi e patrioti veri,
hanno dato alla truppa uno scrollone
fin dentro il suo quartiere;
hanno tolto fucili e cannoni,
hanno fatto ammainare bandiere.

Scendono le squadre a schiere e schiere
con fucili, pistole e coltellacci,
Siciliani patrioti veri,
per dare a Bomba la sua triste fine.
L’umile popolo e i signori
e tutti uniti i miei concittadini:
- Viva Sicilia e Don Ruggero!
Morte a Borbone con i suoi assassini! –

Anche a Pio Nono onore si deve,
quell’uomo nemico della tirannia (*):
Reale Maestà, vossia non vede
che Dio s’è messo dalla parte mia?
Quando avrà visto il miracolo, crederà,
guardi che burrasca per la via!
Beffato, senza corona e senza fede,
dimenticare dovrà la terra mia!

Questa terra ebbe vittoria allegra,
in quattro colpi la truppa finì.
Quei fantocci, e la cavalleria,
e l’artiglieria anche si arrese;
erano abili a spogliare me,
a frustarmi e a succhiarmi il sangue;
a sentire il primo tramestìo
il coraggio e la forza gli sparirono.

Questo è giusto giudizio di Dio
Per vendicare le mie pene e i pianti;
Viall fu il primo ad atterrirsi
che pensava di fare tante prodezze!
Di notte con De Majo se ne fuggì
e tutta la sua truppa, che era efficiente;
il popolo dell’Olivuzza li battè,
le campane suonavano festanti.

[…]

Gloria ne ha avuto con tanta prodezza
il dodici gennaio veramente:
fu cosa da stupire il gran valore
e il sorgere uniti di tanti combattenti.
In ogni paese c’è grande allegria,
distruggeremo il Borbone in men che niente;
e Ferdinando ne ha tutta l’amarezza,
gli è sfuggita la Sicilia dai denti.

Tutti quanti preghiamolo Iddio
Perché restiamo costanti, uniti e forti;
ci ha benedetti quel gran Papa Pio,
non può venir meno la lieta sorte.
Quel tristo Ferdinando è già finito,
la Sicilia ha segnato la sua sorte;
voce di popolo, voce di Dio:
- Viva la libertà! – fino alla morte.
(*) Nota a proposito di papa Pio IX, qui dipinto come se fosse al fianco dei Rivoluzionari.
In realtà l’omaggio al papa è solo funzionale a non mostrare la Rivoluzione come giacobina e anticlericale, perché per il resto Pio IX nel 1848 tolse l’appoggio dello Stato Pontificio al movimento patriottico italiano e dopo l’assassinio del suo ministro Pellegrino Rossi, vista la mala parata, il 24 novembre se ne fuggì da Roma travestito da prete. E dove pensate che trovò rifugio? Ma a Gaeta, dall’amico Borbone! Favore che ricambiò nel 1861 ospitando a Roma l’intera famiglia reale che da Gaeta era fuggita dopo la sua caduta….

inviata da Bartleby - 12/8/2011 - 13:48


Giuseppe Scordato fu il nonno di mio nonno Gino.
mi farebbe piacere se mi mandaste una copia della poesia al mio indirizzo.
Cordiali saluti.Gino Gagliano.

gino gagliano - 16/2/2013 - 09:50


Caro Gino Gagliano, la canzone qui riprodotta la può trovare sul libro di Antonino Uccello “Risorgimento e società nei canti popolari siciliani”, Parenti 1961.
Si trova sul mercato dell'usato. Due o tre copie sono per esempio disponibili consultando il sito http://www.comprovendolibri.it

Saluti

Dead End - 16/2/2013 - 15:14



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org