Lingua   

Brigantiska

Sandro Sottile
Lingua: Siciliano (Calabrese)


Ti può interessare anche...

Lu cacciaturi
(anonimo)
Rriggiu
(Mattanza)
Ricchi e povari
(Mattanza)


[2009]
Album “C’è quel sud”.

Canzone dedicata al brigante silano Giosafatte Tallarico nato all’inizio dell’800 nel paesino di Panettieri (ancora oggi poco più di 300 anime) che combattè contro Borbone e baroni ben prima dell’arrivo delle orde piemontesi.





Il brigantaggio meridionale non si generò come d’incanto come reazione alle violenze e agli inganni dell’Unità (che non unì l’Italia, semmai ne annesse con la forza una parte al regno dei Savoia). La costituzione di bande di “combattenti irregolari” fu inizialmente fomentata dai Borbone stessi in chiave antigiacobina. Fece infatti loro assai comodo poter contare su “briganti” devoti al Re e al Papa per combattere i francesi, usurpatori senza Dio, ma dopo la Restaurazione, permanendo intatte le condizioni di miseria dei contadini, molte di queste bande rivolsero le scoppette contro i funzionari borbonici o semplicemente preferirono continuare a vivere di rapina e saccheggio – il più delle volte a danno di poveracci al pari loro – piuttosto che morire di fame. I Borbone solo formalmente recepirono le leggi sulla divisione dei demani e sull’eversione della feudalità promulgate sotto la dominazione francese ma poi non fecero nulla per applicarle cosicchè la privatizzazione delle terre demaniali si tradusse in una corsa all’accaparramento da parte dei più forti, e questi non erano di certo i contadini poveri. Sicchè tornati sul trono e per tutti i decenni che precedettero la famigerata “Unità” i Borbone dovettero fronteggiare continui moti contadini ed il proliferare delle bande di briganti.

Nella Calabria di Giosafatte Tallarico solo tra il 1831 ed il 1832 furono uccisi 12 briganti e ne furono arrestati dieci volte tanti. Allora gente come Vito Caligiuri, Carlo Cironte, Nicola Mazza, Vincenzo e Carmine Villella, Antonio Renzo, Pietro Genovese, Saverio Colacino, Ippolito Crocco, Giovanni Roma e Rosario Rotella detto “Terremoto” facevano tremare soltanto a pronunciarne i nomi, ma si trattava per lo più di gentaglia, tagliagole, disperati senza la minima coscienza sociale che si accanivano contro i loro simili… Non così Giosafatte Tallarico, che a Panettieri e nel cosentino e catanzarese è ancora oggi ricordato come un brigante solitario (non aveva una banda ma si accompagnava solo a due amici fedelissimi, Felice Cimicata di Taverna e Benedetto Sacco di Castagna), difensore dei deboli e vendicatore dei torti, maestro in travisamenti e imprendibile fantasma. Nessun soldato o poliziotto o traditore riuscì a stanarlo dai boschi silani e nel 1845 furono i Borbone che dovettero arrendersi e scendere a patti col bandito: a Giosafatte fu proposta amnistia, libertà, una casa e uno “stipendio” se si fosse arreso e avesse accettato di abbandonare la Calabria. Il brigante accettò e fu trasferito ad Ischia (mica un brutto posto!) dove per altri 40 anni visse in pace a spese dello Stato, pensione completa.

(Fonti: Salvatore Piccoli, “La leggenda di Giosafatte, brigante di Panettieri”, 2003;
Giovanni Sole, “Gli scorridori di campagna”, in “Viaggio nella Calabria Citeriore dell’800. Pagine di storia sociale”, 1985)
Spara schuppetta mia spara ch'è l'ura
cuntra de chine porta tirannia
spara e nud'avire mai paura
tu si cumpagna de la vita mia.

Tu c'hai zumpatu colle voschi e munti
tu chi t'ammucci sutt 'a chilli manti
tu chi sparannu gridi canti e cunti
chille mille passate de briganti.

Canta sta Brigantiska a tuttu u munnu
mannala ccu 'llu ventu ad ogne banna
vola finu allu sule russu e tunnu
edi lu core miu chi cci la manna.

Gridala forte e portala luntanu
falla sentire mo sta verità
junciale centu e centu e mille manu
ripigliuatilla sta tua libertà.

Tu c'hai sparatu ppe 'llu rre Burbune
nun si fermata mai davanti a nente
tu chi nud' hai volutu mai patrune
riportacella a tutta la tua gente.

Ripigliatilla 'e chi ti la cacciata
rigalala a chine te vo bene
cha lu sa puru chine l'ha criata
ca certamente a ttie puru appartene.

Cantu sta Brigantiska senza sdignu
la cantu ca stu core nun se spagna
tu si 'llu Vicerè de chistu Rignu
e Giosafatte 'u rre de la muntagna.

Cantu sta Brigantiska finu a quannu
la vuce mia luntana sinne và
spara schuppetta mia jetta lu bannu
ca li briganti vonnu 'a libertà.

Tantu campa nu rre tantu n'amanta
tantu chine alla vita nud'ha nente
tantu nu riccu, tantu nu pezzente
finu a cchi lu distinu cce accunsente.


La vonnu e ppo la circanu a 'lli stilli
alle muntagne de la Sila antica
chi 'lle ricoglia già de piccirilli
dintra le vraza de na granne amica.

La vonnu e po la circanu alla luna
chi l'accumpagna e 'lle signa 'lla via
e cantanu alla notte na canzuna
notte 'e briganti, notte de magia.

E dissa a chilli tempi Giosafatte
alli briganti: "Ppe l'eternità
ccu sangu nostru nue facimu pattu
pigliamunilla si sta libertà"
.

E dissa Giosafatte: "Ppe sta sorte
ppe chista terra e ppe sta libertà
spara schuppetta mia finu alla morte
ca de briganti nue murimu ccà
ca li briganti vonnu a libertà"

inviata da Bartleby - 11/8/2011 - 14:20



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org