Lingua   

Lu Sissanta

anonimo
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Tira, nimicu miu
(Mimmo Strafaci detto Palma)
U spagnu di Borboni
(Mattanza)
La morale dei briganti
(Ratti della Sabina)


[Dopo la fantomatica “Unità d’Italia”]

Ho trovato il testo sul sito della Regione Sicilia, dove viene attribuito senza riscontri (e nemmeno ne ho trovati in rete) a tal Andrea Pappalardo di Catania, per cui ho preferito attribuirla ad anonimo.
Dovrebbe comunque essere stato tratto dal volume di Antonino Uccello intitolato “Risorgimento e società nei canti popolari siciliani”, edito per la prima volta nel 1961 in occasione del centenario dell’Unità d’Italia.

Della precoce disillusione e del consolidarsi del malcontento nella Sicilia post-unitaria, quella che aveva creduto che finalmente si realizzasse il mancato 48 e che invece si era ritrovata soltanto con nuovi padroni, “novi rrapaturi, novi cani grossi” tutti intenti - come i precedenti - a rapinarla.
Parru ppi lu Sissanta, o mei signuri:
su’ tutti virità, nun su’ palori
si isau la bannera a tri culuri
cu ccuntintizza alligria di cori;
ma non è longa è quatra a mmuccaturi
cu la cruci Savoia e autri decori
e la sustennu novi rrapaturi:
chistu è lu munnu: cui nasci e cui mori

Iu di tutti canùsciu la mancanza:
cu' ha vinti tarì vurissi 'n' unza,
ogni omu si nutrisci di spiranza
e assuppa, assuppa, mugghi di nà sponza.
O quarantotto fu la cuntradanza,
lu 'ncugna e scugna, lu conza e lu sconza;
Sigilia dissi: Arrìscu la panza;
quannu 'si sburdi 'na cosa si conza.
A lu sissanta Sigilia chi accanza?
Li cani grossi maniciunu la sponza.

inviata da Bartleby - 19/7/2011 - 15:44



Lingua: Italiano

Traduzione italaiana dalla stessa pagina della Regione Sicilia citata in premessa.
IL SESSANTA

Parlo per il sessanta, o miei signori:
son tutte verità, non sono parole!
Si alzò la bandiera tricolore
Con contentezza e allegria nel cuore;
ma non è lunga, è quadrata, a 'mmuccaturi,
con la croce Savoia e altre decorazioni,
e la sostengono nove rrapaturi;
è questo il mondo: chi nasce e chi muore.

Io di tutti conoscono i difetti:
chi ha venti tarì vorrebbe un'oncia,
ognuno si nutre di speranze
e assorbe, assorbe, meglio d'una spugna.
Nel quarantotto ci fu la contraddanza
la 'cugna e scugna, lu conza e lu sconza,;
Sicilia disse: Risico la pancia;
quando una cosa si guarda e si ripara.
Nel sessanta Sicilia cosa acquista?
I cani grossi spremono la spugna.

inviata da Bernart Bartleby - 25/8/2014 - 10:41



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org