Lingua   

Il bando della carne

Matteo Salvatore
Lingua: Italiano (Pugliese Foggiano)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Mezza vèrzúre de févë
(Matteo Salvatore)
Lu core tosto
(Matteo Salvatore)
U sol'o fatte russ'
(anonimo)


[1972]
Da “Primavera: lu gregge, lu pastore e la campagna”, primo disco della quadrilogia “Le quattro stagioni del Gargano”
Testo trovato e trascritto da ”Canto tradizionale e cantautori popolari. Un esempio pugliese”, di Maria Luisa Scippa, Archivio Storico Pugliese, Provincia di Brindisi, 1991.


le4stagionigargano p
Popolo dë lu pajésë sentite, sentite, sentite.
Alla macelleria alla beccheria de Pasquéle camicia lònga
sè vénnë la carne di tutte le qualità
filetto, polpa e vitellina pe cchi ténë tanta soldi.
Pë li impiegati de lu Comune la seconda qualità
che costa la metà e cioè lu manzo, lu castréto, lu caprone, lu pecorone.
Pè li poveretti, poveretti la carne di basso macello
che è nu poco mpuzzunuta però costa póche
e cioè ossa, chépa e ccòrnë tutte attacchéta.

inviata da Bartleby - 14/7/2011 - 15:29



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Maria Luisa Scippa.
IL BANDO DELLA CARNE

Popolo del paese sentite, sentite, sentite.
Alla macelleria alla beccheria di Pasquale camicia lunga
si vende la carne di tutte le qualità
filetto, polpa e vitellina per chi ha tanti soldi.
Per gli impiegati del Comune la seconda qualità
che costa la metà e cioè il manzo, il castrato, il caprone, il pecorone.
Per i poveretti, poveretti la came di basso macello
che è un poco puzzolente però costa poco
e cioè ossa, testa e corna tutte attaccate.

inviata da Bartleby - 14/7/2011 - 15:29



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org