Lingua   

Mezza vèrzúre de févë

Matteo Salvatore
Lingua: Italiano (Pugliese Foggiano)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Italia minore
(Eugenio Bennato)
È partita la Celere
(Canzoniere delle Lame)


[1970]
Da “Le Puglie di Matteo Salvatore”
Testo trovato e trascritto da ”Canto tradizionale e cantautori popolari. Un esempio pugliese”, di Maria Luisa Scippa, Archivio Storico Pugliese, Provincia di Brindisi, 1991.

lepugliedimsalvatore

Che buono il padrone che ci lascia raccogliere le fave!
Le fave, la carne dei poveri…
Le fave, anticamente legate al culto dei morti….
Le fave, il cibo dei morti di fame.
Scjuppémë mezza vèrzúre de févë
lu patróne ce l’a ddéte a lü stagghje.
lì févë l’amma scjuppétë
chjéne de sanghe tenime li mmëne
chjéne de sanghe tenime li mmëne

Lu sóle ancóre non c’ènne ammuccjétë,
nna vesaccja de févë nu ce purtémë
lì cucimë, li facime arriccjétë,
accuscí ce sazzjémë
accuscí ce sazzjémë

inviata da Bartleby - 14/7/2011 - 14:33



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Maria Luisa Scippa.
MEZZO CAMPO DI FAVE

Cogliamo mezzo campo di fave
[che] il padrone ce le ha date a cottimo.
Le fave le abbiamo colte
piene di sangue abbiamo le mani.
Il sole ancora non si è nascosto,
una bisaccia di fave noi ci portiamo
le cuciniamo e le facciamo bollite,
così ci saziamo.

inviata da Bartleby - 14/7/2011 - 14:34



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org