Lingua   

Lu soprastante

Matteo Salvatore
Lingua: Italiano (Pugliese Foggiano)

Lista delle versioni e commenti

Guarda il video

Con Adriana Doriani al Cantagiro del 1969


Altri video...


Ti può interessare anche...

File
(Silvano Spadaccino)
Chi vuo' venì a fategà
(anonimo)


[1971]
Dall’album “Le mie Puglie”, con Adriana Doriani.
Testo trovato e trascritto da ”Canto tradizionale e cantautori popolari. Un esempio pugliese”, di Maria Luisa Scippa, Archivio Storico Pugliese, Provincia di Brindisi, 1991.
lemiepuglie

Adriana Doriani fu la sua compagna e nel 1973 Matteo Salvatore fu accusato di averla uccisa. Innocente, fu comunque condannato e si fece alcuni anni di carcere prima che, grazie all’interessamento di Renzo Arbore, Mariangela Melato ed altri artisti che gli pagarono un avvocato capace, il processo venisse riaperto e revisionato.
Gente, io ci sono stato nei campi di grano a mietere sotto lo sguardo vigile del sorvegliante, sotto il sole cocente, curvo dall’alba al tramonto e lì a due passi la fiasca dell’acqua fresca sotto i covoni e non potermi dissetare. No, qui non si può bere, non si può parlare, si deve solo lavorare, lavorare, lavorare, chi non lo farà verrà licenziato, credetemi io ci sono stato.

Quanne mettèmme lu rénö a lä campagnä
tenèmme nna sétë ca nü cë murèmme
dicèmme a lu soprastantë,
“Vulìmme vévë, mann’a pigghjá lu cúcume sotte li mennòcchje”

“Vuje n’avita vévë,
n’avita vévë,
avita fatijá.
Vuje n’avita vévë,
n’avita vévë,
avita fatijá”

Uno de li fatijatórë c’alluntanéve
a jjá ngappä lu cúcume cë në jéve.
L’allucchève lu soprastantë:
“Túrnete addréte
se nun të turne addrétö si licenzjéte”

Qua nun cë pò vévë,
nce pò parlá,
cj adda sòle fatijá
Qua nun cë pò vévë,
nce pò parlá,
cj adda sòle fatijá
Qua nun cë pò vévë,
nce pò parlá,
cj adda sòle fatijá
Qua nun cë pò vévë,
nce pò parlá,
cj adda sòle fatijá

Nu nnà avima vévë,
nnà avima vévë,
avima fatijá.

Nu jòrne addá arrevá
lo pòrce accise l’amma magná.

Nu nnà avima vévë,
nnà avima vévë,
avima fatijá.

Nu jòrne addá arrevá
accise e arròstute l’avirna fä.

inviata da Bartleby - 14/7/2011 - 13:39



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Maria Luisa Scippa.
IL SORVEGLIANTE

Quando abbiamo mietuto il grano alla campagna
avevamo una sete da morire
dicevamo al sorvegliante
“Vogliamo bere, manda a prendere l’anfora sotto i covoni”
“Voi non dovete bere,
non dovete bere,
dovete lavorare”
Uno dei lavoratori si allontanava
e vicino all’anfora se ne andava.
Lo guardava il sorvegliante
“Torna indietro
se non torni indietro
sei licenziato.
Qui non si può bere,
non si può parlare,
si deve solo lavorare.”
Non dobbiamo bere,
non dobbiamo bere,
dobbiamo lavorare.
Un giomo deve arrivare, il porco ucciso dobbiamo mangiarlo.
Non dobbiamo bere,
non dobbiamo bere,
dobbiamo lavorare.
Un giorno deve arrivare, ucciso e arrostito dobbiamo farlo.

inviata da Bartleby - 14/7/2011 - 13:40



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org