Lingua   

Facce nere

Coro Pane e Guerra
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Senti cara Ninetta
(Coro Pane e Guerra)
Addio Venezia addio [El diciaòto novembre]
(Coro Pane e Guerra)


uomo nero

Canzone scritta da Alfonso Di Sirio, membro del gruppo musicale Pane e Guerra.
Facce nere
ma non son spazzacamini
facce nere
occhi persi come dei bambini
cosa fanno dentro il nostro magico paese?
Che vorranno?
Forse un po' di soldi a fine mese
Sono appena arrivati
ma han già colpa di tutto
c’è chi vuole menarli
ma menarli di brutto
C’è chi non è d’accordo
che l’Italia è civile
basta solo mandarli
da un’altra parte a morire
Se il governo va male
se ci manca il lavoro
manco a dirlo si scopre
che la colpa è loro.

Facce nere
Ma non son spazzacamini
Facce nere
Occhi persi come dei bambini
Gli hanno fatto un regalo
per dormire la sera
gli hanno dato per casa
una bella galera
che la strada di notte
non è certo sicura
e le mamme nei parchi
vanno con la paura
se c’è l’aria inquinata e
se c'è l’odio davvero
di chi sarà la colpa
se non dell’uomo nero?
Di chi sarà la colpa
se non dell’uomo nero?

inviata da Bartleby - 22/6/2011 - 15:43



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org