Lingua   

La cuda, qualchi vota, si fa testa

Francesco "Ciccio" Giuffrida
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Compagno Franceschi
(Movimento Studentesco Milanese)
Calamandrei
(Francesco de Francisco e Francesco Giuffrida)
Avola, 2 dicembre
(Canzoniere di Rimini)


[2010]
Parole di Ciccio Giuffrida
Musica di Giovanni Famoso
Dallo spettacolo musicale “La cuda, qualchi vota, si fa testa - Luglio '60: il Sud tra rivolta, coscienza e unità nazionale.”. Con Simona Di Gregorio, Gianni Famoso e Ciccio Giuffrida.
Testo trovato su Il Deposito




Canzone che si riferisce ai fatti di Catania dell’8 luglio 1960 quando, durante le proteste contro il governo fascista ed assassino di Tambroni (vedi Per i morti di Reggio Emilia), la polizia sparò per l’ennesima volta uccidendo Salvatore Novembre, un muratore ventenne originario di Polizzi, e ferendo molti altri manifestanti. Salvatore, colpito deliberatamente a sangue freddo da un poliziotto mai identificato, venne trascinato via dai “tutori dell’ordine” e abbandonato per un’ora senza soccorso su di un marciapiede. Nelle stesse ore a Palermo i morti sarebbero stati quattro, mentre il 5 luglio la polizia aveva già sparato ed ucciso a Licata, in provincia di Agrigento.



Vistu ca 'nta la casa do' mischinu
cu arriva arriva cumanna e fa festa
ccu angherii e supprusi di cuntinu…
la cuda qualchi vota si fa testa

Vistu c'avemu st'amaru distinu
di faticari e po' nenti n'arresta
sempri aspittannu l'aiutu divinu…
la cuda qualchi vota si fa testa

Vistu c'amu arristari all'abbuccuni
sutta lu suli e sutta la timpesta
e c'è cu mancia e vivi all'ammucciuni…
la cuda qualchi vota si fa testa

Vistu ca 'a terra fussi 'i cu la zappa
scrivi 'u nutaru ccu la manu lesta
cussì si nni 'mpussessa cu havi cappa…
la cuda qualchi vota si fa testa

Vistu ca forti 'ncarca lu baruni
e 'a nostra vita ni l'attassa e 'mpesta
e la putenza caca a la ragiuni…
la cuda qualchi vota si fa testa

Vistu ca ni mannati sbirri e vai
ppi supirchiari cu è persona onesta
e abbentu non putemu aviri mai…
la cuda qualchi vota si fa testa

inviata da Bartleby - 24/5/2011 - 11:29



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da Il Deposito.
LA CODA, QUALCHE VOLTA, SI FA TESTA

Visto che nella casa del poveretto
chiunque arrivi comanda e fa ciò che vuole
con angherie e continui soprusi
la coda qualche volta si fa testa.

Visto che abbiamo questo amaro destino
di faticare e poi non ci resta niente
sempre aspettando l’aiuto divino
la coda qualche volta si fa testa

Visto che dobbiamo restare chini
sotto il sole e sotto la tempesta
e c’è chi mangia e beve di nascosto
la coda qualche volta si fa testa.

Visto che la terra sarebbe di chi la zappa
scrive il notaio con la mano lesta
così se ne impossessa chi ha la cappa
la coda qualche volta si fa testa.

Visto che il barone ci sfrutta
e avvelena la nostra vita
e il potente mette a tacere la ragione
la coda qualche volta si fa testa.

Visto che ci mandate sbirri e guai
per sopraffare chi è persona onesta
e non possiamo mai avere pace
la coda qualche volta si fa testa.

inviata da Bartleby - 18/8/2011 - 14:38



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org