Lingua   

Il reduce

Davide Van De Sfroos
Lingua: Italiano (Lombardo "Laghèe")

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Davide Van De Sfroos: La balàda del Genesio
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Infermiera
(Davide Van De Sfroos)


[2011]

Album: Yanez
DavideVanDeSfroos Yanez
Qui siamo dalle parti della "Guerra di Piero", un reduce della seconda guerra mondiale che ricorda come ha perso la mano in guerra e come i soldati, anche lui che non aveva mai sparato nemmeno a un fagiano, imparavano le geografia dai nomi dei posti che bruciavano, quando "a Nikolaevka brindavano col ghiaccio e col fuoco". Un preghiera laica scritta "col sangue non speso e una penna nera". Arrangiamento con tromba e corno francese che fanno atmosfera. Triste.

La frase: "O forsi l'è sta l to regal / strapamm via quela man sciagurada / che pregava per mia fass cupà / e sparava, sparava, sparava / a oltra gent che sparava"

www.bielle.org
(DonQuijote82)
Spècia un attim a cascià via 'l suu
e a lassamm da par me cun l'umbriia
in soel muur la tua cruus par che dunda
quand che pizzi 'l camèn
La pultruna cugnuss el me pees
ma a sfundàla l'è questa memoria
che ò'è scià cul so fiaa de zampogna
per mea famm durmì
e se vardi sto guantu de pell
cun suta un pugn faa de legn
se dumandi se la ma che ho perduu
l'è dree amò a sparà
O forsi l'è sta'l to regaal
strepamm via quela man sciagurada
che pregava per mea fass cupà
e sparava sparava sparava
a oltra geent che sparava
e sparava sparava sparava
a oltra geent che pregava

Eri mai cupaa gnaa un fasàn
e ho trataa sempru bee anca i furmiigh
serum in tanti cargà in soe quel trenu
come foej destacàa
e imparaum la geografia
nel cunta ogni siit che brusava
E la scendra de tuta l'Europa
Per el viaggio de nozz cun la mort
hemm cataa foe Nikolajewka
e brindavum col giazz e cul foec
e'l muson ne la palta
E la spusa vestida de negru
Quanta geent l'ha purta insoel so altaar
e intaant che ghe davi la man
la girava la facia luntan
verso quei che basava
e però la lassav 'l so anell
a sto omm che turnava

La tua cruss la g'ha sempru trii cioo
e la mia uviameent voen in menu
ma son qui con la stessa preghiera
come ogni sera
Te la scrivo col sangue non speso
e una penna nera

inviata da DonQuijote82 - 15/3/2011 - 19:37




Lingua: Italiano

Versione italiana da cauboi.it
IL REDUCE

Aspetta un attimo a cacciar via il sole
E a lasciarmi solo con l’ombra
Sul muro la tua croce sembra che dondoli
Quando accendo il camino
La poltrona conosce il mio peso
Ma a sfondarla è questa memoria
Che arriva col suo fiato di zampogna
Per non farmi dormire
E se guardo questo guanto di pelle
Con sotto un pugno fatto di legno
Mi chiedo se la mano che ho perso
Sta ancora sparando
O forse è stato il tuo regalo
Strapparmi quella mano sciagurata
Che pregava per non farsi uccidere
E sparava sparava sparava
Ad altra gente che sparava
E sparava sparava sparava
Ad altra gente che pregava

Non avevo mai ucciso nemmeno un fagiano
E ho sempre trattato bene anche le formiche
Eravamo in tanti caricati su quel treno
Come foglie staccate
E imparavamo la geografia
Contando ogni posto che bruciava
E la cenere di tutta l’Europa
L’ho ancora in bocca
Per il viaggio di nozze con la morte
Abbiamo scelto Nikolajewka
E brindavamo col ghiaccio e col fuoco
E la faccia nel fango
E la sposa vestita di nero
Quanta gente ha portato sul suo altare
E intanto che le davo la mano
Ha girato la faccia lontano
Verso quelli che stava baciando
E però lasciava il suo anello
A quest’uomo che tornava

La tua croce ha sempre tre chiodi
E la mia ovviamente uno in meno
Ma sono qui con la stessa preghiera
Come ogni sera
Te la scrivo col sangue non speso
e una penna nera.

31/3/2011 - 00:16




Lingua: Italiano

English version - The Veteran – piemar 2015
From the original version in Laghéé dialect, spoken around the Como Lake in Northern Italy:
Il Reduce – Davide Van de Sfroos 2011
Wait a moment to chase away the sun
And to leave me alone with the shadow
On the wall your cross seems to swing
When I light the fireplace
The armchair knows my weight
But sinking in it is this memory
That comes with its bagpipe breath to keep me from sleep.
When I watch this leather glove
With a wooden fist underneath
I wonder if the hand I lost is still shooting
Or maybe it was your present
to tear that wicked hand off of me
That prayed not to be killed
and shooted, shooted, shooted at other shooting people
and shooted, shooted, shooted at other praying people

I had never even killed a pheasant
And I have always treated kindly even the ants
We were many, loaded on that train, like detached leaves (*)
And we learned the geography
By counting every place that was burning
And the ash of all Europe
I've still got it in (my) mouth
For the honeymoon with the death
We have picked out Nikolaevka
And we toasted with ice and fire and the snout in the mud...
And the bride dressed in black
How many people did she bring on her altar
And while I gave her my hand
She was turning her face away,
Towards them that she kissed,
But she left her ring to this man who was coming back

Your cross still has three nails
And mine, of course, one less
But I'm here with the same prayer, like every evening
I'm writing it with the unspent blood and a black pen
In my opinion, the most tragic, poetic and beautiful song by De Sfroos. It is about an Italian veteran, who fought at the battle of Nikolaevka (World War II), lost his shooting hand in some battle, and now tells Jesus about his memories.
The line "like detached leaves" is a reference to a famous poem by G. Ungaretti (Soldati), which compares soldiers to autumn leaves, ready to fall from their tree.

inviata da piemart - 22/12/2015 - 12:58



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org