Lingua   

Pensa un po'

Paolo Pietrangeli
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Presidente (io non voglio lavorare)
(Mercanti di Storie)
I Never Go to Work (Seven Days of the Week)
(anonimo)


[1969]
Album: “Mio caro padrone… / Contessa”

mage.ashx.

I sogni indotti (anche quelli!), più o meno 'spontaneamente', di benessere e ricchezza da un lato.. e la realtà quotidiana (amara) dall'altro..
Pensa un po',
pensa un po':
tu che sei portato in giro da un risciò,
e un cinese che ti tiri
«No, alla prossima lei giri»
pensa un po',
pensa un po'..

Perché no?
Perché no?
Sette schiave e una lettiga rococò,
Due palmizi sulla testa
e domani è sempre festa,
perché no?
Perché no?

Siam costretti a lavorare,
siam costretti a costruire
quel che invece vogliamo,
quel che invece dobbiamo
buttar giù..

Pensa un po'
che quei palmizi
che ti fan ombra dal sole
son due lampadine accese sul comò..
e ti svegli e non è festa
senti un vuoto nella testa
e una voglia, una gran voglia di fumar..

Ti ricordi è fine mese
e non ci arrivi con le spese
e hai buttato un paio d'ore per sognar..
E ti vesti in fretta in fretta,
corri in fabbrica e ti aspetta
una sirena -che non è quella del mar..

Pensa un po',
pensa un po':
avvitare due bulloni -e il terzo no..
Fare tutto presto e bene
perché ai soldi uno ci tiene
anche se poi vende la sua libertà..

inviata da giorgio - 3/3/2011 - 08:22



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org