Lingua   

Fronteras

Cordas et Cannas
Lingua: Sardo

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Suldatu paltendi sogu
(anonimo)
Tancas serradas a muru
(Melchiorre Murenu)
Chentu Colores
(Nur)


(Gesuino Deiana)

Dall'omonimo disco del 1999
fronteras

Note di copertina:

Cordas et Cannas pubblicat custu volume in su 1999 posca ki hat seperatu, finas due su 1979, una caminera artistica in kirca de cussa traditzione manna de poesias, musicas et sonos ki s'accattant in Sardigna, kin totos sos modos et maneras comente a sos: Cantos a tenores, Sonadas kin laeneddas, Cantos a boke sola, Cantos a kiterra, Ballos a organittu et a sonette a bucca”, et galu ateros. A bider bene su seperu, dae su 1979 at oje, de sas cantones de sos poetas et cantos in limba sarda, hat surcadu un'andera meda distinta in s'istoria de custu gruppu, zenerandhe duncas unu 'essu derettu finzas a isviluppare cantones noas kin paraulas et significos semper prus accurzu a sa vida sotziale de su mundu de oje, mira sas istorias de: sa pake, sa gherra, sas tribulias de sos pitzinneddos, sa cooperatzione sotziale pro una vida prus amuntiosa, et galu ateras.
Narami ite fatto mama,
sende ki deus no iscurtat,
custu dolore k'istruncat,
sos pizzinneddos a crama.

Minas dae sutta terra,
insambenant sos frores,
sunt fertas et dolores,
in donzi logu 'e gherra.

Et froridos sunt sos campos, de ingannos et colores,
jokiteddhos pro minores,
brincant alluttos ke lampos.

Pibereddhos de mortes,
bolant artos a zoccu,
a betu 'e ballu, a betu 'e 'ocu, in sas baddhes et in sas cortes.

Et gai ke jumpant a cuddh'ala, kun su risu et kin su prantu,
pizzinneddhos sena mantu,
in ora 'ona et in ora mala.

Dae minores a mannos,
in terras et in kelos de inie,
et a denotte et a dedie,
sunt istratzios et affannos.

Bombas a bandh'e foras,
dae montes et carreras,
fusiles et fronteras,
isparghent sas maloras.

inviata da DonQuijote82 - 9/2/2011 - 09:11




Lingua: Italiano

Versione italiana

Cordas et Cannas pubblica questo volume nel 1999 dopo aver percorso una strada di ricerca orientata, con particolare attenzione, verso la grande tradizione poetico-musicale della Sardegna, con tutti i suoi modi e stili come: “Cantos a tenores, Sonadas kin launeddas, Cantos a boke sola, Cantos a kiterra, Ballos a organittu et a sonette a bucca' ed altri ancora. Naturalmente la scelta dei testi, sin dal 1979, “de sos poetas in limba” ha tracciato un cammino ben determinato nella storia del gruppo, generando di conseguenza una proiezione diretta a sviluppare nuovi testi “in limba” con significati e contenuti aderenti sempre più alla realtà sociale del mondo contemporaneo, come ad esempio: la pace, la guerra, la condizione “de sos pitzinneddos" la cooperazione sociale per una vita più serena, e non solo.
FRONTIERE

Dimmi cosa faccio madre
dato che dio non ascolta
questo dolore che stronca
i bambini a lamenti.

Mine da sotto terra
insanguinano i fiori
sono ferite e dolori,
in ogni luogo di guerra.

E fioriti sono i campi
d'inganni e colori,
giocherelli per bambini
saltano accesi come lampi.

Farfalle della morte
volano alte a botti,
a tempo di ballo,
a tempo di fuoco
nelle valli e nei cortili.

E così saltano nell'aldilà,
con il riso e con il pianto,
bambini senza vestiti,
nella buonora e in quella cattiva.

Da piccoli a grandi
nelle terre e nei cieli
di là, sia di notte che di giorno, sono strazi ed affanni.

Fuori le bombe,
dai monti e dalle strade,
fucili e frontiere,
diffondono la malora.

inviata da DonQuijote82 - 9/2/2011 - 09:12




Lingua: Inglese

Versione inglese / English Version

Cordas et Cannas pubblishes this volume in 1999 after a piece of research started in 1979 with a particular attention to the great musical-poetic tradition of Sardinia, with all its typical styles as:”Cantos a tenores, Sonadas kin launeddas, Cantos a boke sola, Cantos a kiterra, Ballos a organittu et a sonette a bucca', and many others. Certainly the choice of the texts "De sos poetas in limba" has traced a real determinate route in the group's history, generating conseguently a projection directed to develop new texts "in limba" with contents that tightly adhere to the contemporary social worlds reality, as for example: peace, war the condition "de sos pitzinneddos” (abbandoned children), the social cooperation for a better life, and so on.
BORDERS
(Gesuino Deiana)
Tell me what can i do mother cause God does'nt listen to this pain that brakes of the children moans.

Mines from underground stain with
blood fIowers, wounds and sorrows
are in every place of war

Fields are fIourished of deceits and coIours, little toys for the chiIdren
jump up bright as fIashes of lighting

Butterflies of death fly high up and down te the beat ai dancing,
to the time offire in the vallies
and in the yards

And so they jump in the after-life
with the laughter and the tears,
children without clothes, in the good time and in the bad time.

From the youngers to the grown-up.
in the Iands and in the skies over
there, in the day as in the night, are tortures and breathlessness.

Get out the bombs,
trom the mountains and from the streets, rifles and borders, diffuse

inviata da DonQuijote82 - 9/2/2011 - 09:13



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org