Lingua   

Renaud: Morgane de toi

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Lingua: Francese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Berlin
(Renan Luce)
Malone
(Renaud)
Adieu minette
(Renaud)


(1983)
Paroles: Renaud Séchan
Musique: Franck Langolff

morgane de toi

La canzone dedicata ai figli è una tappa obbligata a cui ben pochi cantautori sono sfuggiti. I più bravi hanno scritto canzoni bellissime e commoventi, come Culodritto di Guccini o Figlia di Vecchioni, i meno bravi sono scaduti nel sentimentale e nel melenso.

bac sable


Ma questa Morgane de toi, forse il pezzo più famoso di Renaud, è impareggiabile. Sincera, ironica e divertente, è diventata quasi immediatamente un classico del pop francese.

morgane de toi video


Il videoclip, diretto da un altro grande della canzone francese, Serge Gainsbourg, è un piccolo capolavoro. Girato sulla dune della spiaggia di Touquet, vede la partecipazione di Bambou, all'epoca la compagna di Gainsbourg, nel ruolo della ragazza a cavallo sulla spiaggia che vuole probabilmente simboleggiare, nonostante il tono iperprotettivo di alcune strofe della canzone, il desiderio che la figlia crescendo diventi una donna libera e indipendente.

Desiderio sicuramente avveratosi: oggi Lolita Sechan è una scrittrice di successo e avrà senz'altro perdonato al padre di averla chiamata così!

Lolita-Sechan
Y'a un mariolle, il a au moins quatre ans
Y veut t' piquer ta pelle et ton seau
Ta couche culotte avec tes bonbecs dedans
Lolita, défend-toi, fous-y un coup d' râteau dans l' dos

Attend un peu avant de t' faire emmerder
Par ces p'tits machos qui pensent qu'à une chose
Jouer au docteur non conventionné
J'y ai joué aussi, je sais de quoi j' cause

J' les connais bien les play-boys des bacs à sable
J' draguais leurs mères avant d' connaître la tienne
Si tu les écoutes y t' feront porter leurs cartables
'Reusement qu' j' suis là, que j' te regarde et que j' t'aime

Lola
J' suis qu'un fantôme quand tu vas où j' suis pas
Tu sais ma môme
Que j' suis morgane de toi

Comme j'en ai marre de m' faire tatouer des machins
Qui m' font comme une bande dessinée sur la peau
J'ai écrit ton nom avec des clous dorés
Un par un, plantés dans le cuir de mon blouson dans l' dos

T'es la seule gonzesse que j' peux tenir dans mes bras
Sans m' démettre une épaule, sans plier sous ton poids
Tu pèses moins lourd qu'un moineau qui mange pas
Déploie jamais tes ailes, Lolita t'envole pas

Avec tes miches de rat qu'on dirait des noisettes
Et ta peau plus sucrée qu'un pain au chocolat
Tu risques de donner faim a un tas de p'tits mecs
Quand t'iras à l'école, si jamais t'y vas

Lola
J' suis qu'un fantôme quand tu vas où j' suis pas
Tu sais ma môme
Que j' suis morgane de toi

Qu'est-ce qu' tu m' racontes tu veux un p'tit frangin
Tu veux qu' j' t'achète un ami Pierrot
Eh les bébés ça s' trouve pas dans les magasins
Puis j' crois pas que ta mère voudra qu' j' lui fasse un p'tit dans l' dos

Ben quoi Lola on est pas bien ensemble
Tu crois pas qu'on est déjà bien assez nombreux
T'entends pas c' bruit, c'est le monde qui tremble
Sous les cris des enfants qui sont malheureux

Allez viens avec moi, j' t'embarque dans ma galère
Dans mon arche y'a d' la place pour tous les marmots
Avant qu' ce monde devienne un grand cimetière
Faut profiter un peu du vent qu'on a dans l' dos

Lola
J' suis qu'un fantôme quand tu vas où j' suis pas
Tu sais ma môme
Que j' suis morgane de toi

inviata da Lorenzo Masetti - 2/1/2011 - 00:31



Lingua: Italiano

Versione italiana di Lorenzo Masetti
Per Valentina

Valentina e Lorenzo
PAZZO DI TE

C'è un mariolo, avrà almeno quattro anni
vuole fregarti la paletta e il secchiello
le mutandine con dentro le caramelle
Lolita difenditi, assestagli un colpo di rastrello sulla schiena

Aspetta un po' prima di farti metter nei casini
da questi piccoli machos che pensano solo ad una cosa
giocare al dottore non convenzionato
ci ho giocato anch'io, so di cosa parlo

Li conosco bene i playboys che giocano nella sabbia
ci provavo con le loro madri prima di conoscere la tua
se gli dai retta ti faranno portare la cartella
per fortuna ci sono qua io che ti guardo e ti voglio bene

Lola
non sono che un fantasma quando vai dove non ci sono
Lo sai, bambina mia
che sono pazzo di te

Visto che mi son rotto di farmi tatuare degli aggeggi
che mi formano una specie di fumetto sulla pelle,
ho scritto il tuo nome con dei chiodi dorati
uno per uno, piantati nel cuoio della giacca, sulla schiena

Sei l'unica ragazza che riesco a tenere in braccio
senza slogarmi una spalla, senza piegarmi sotto il tuo peso
sei più leggera di un passerotto che non mangia
non spiegare mai le tue ali, Lolita, non prendere il volo

Con quelle chiappe che sembrano delle noccioline
e la pelle più dolce di una pasta al cioccolato
rischi di far venire fame ad un sacco di ragazzini
quando andrai a scuola, se mai ci andrai

Lola
non sono che un fantasma quando vai dove non ci sono
Lo sai, bambina mia
che sono pazzo di te

Cosa mi racconti, vuoi un fratellino
vuoi che ti compri un amico Pierrot
Eh.. i bambini non si trovano mica nei supermercati
e non credo che tua madre voglia che gliene faccia uno di nascosto

E poi Lola non stiamo bene insieme?
non credi che siamo già abbastanza numerosi?
non senti questo rumore, è il mondo che trema
sotto le urla dei bambini che sono infelici

Dai, vieni con me, ti faccio salire sulla mia galea
nella mia arca c'è spazio per tutti i marmocchi
prima che questo mondo diventi un gran cimitero
bisogna approfittare un po' del vento a favore

Lola
non sono che un fantasma quando vai dove non ci sono
Lo sai, bambina mia
che sono pazzo di te

2/1/2011 - 00:33



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org