Lingua   

Una juventud perdida

Tierra Santa
Lingua: Spagnolo

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

La canción del pirata
(Tierra Santa)
Liszt Ferenc: h-moll szonáta
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Mejor morir en pie
(Tierra Santa)


Una ballata vera, romantica, di forte impatto, ineccepibile.
Il brano parla del dolore delle madri dei cosiddetti desaparecidos,
i dissidenti che durante la dittatura militare in Argentina
tra il 1976 e il 1983 venivano rapiti, torturati e uccisi senza nessuna pietà.
un melodico e lento brano che prosegue per diversi minuti sulle sole note del piano,
finchè le chitarre non si fanno strada gridando al mondo l'ingiustizia della guerra.
Bajo el umbral del dolor
un niño nacio
alegrando su vida
El se crio en el amor
que una madre le dio
con calor en su hogar
Un día el se hizo mayor
y en su mundo busco
la razon de su vida
Y en su camino encontro
su destino fatal
por buscar libertad
Y las lagrimas caen en su hogar
cuando el hijo se va
Se estremece su madre al pensar
que ya no volvera
que ya no volvera.
Aun se escuchan
los lamentos de aquel que lucho
por una causa perdida
Con corage
emprendio su batalla y se lanzo
a defender su nacion
Y lucho por su libertad
y aguanto sus heridas
Se enfrento al Principe del Mal
y perdió
dejó alli su vida
dejó alli su vida
Dicen del tiempo
que lo cura todo hasta el dolor
pero la herida aun sigue abierta
Y aun hoy recuerda
la madre que a su hijo perdio
aquellos dias de dolor
Nunca perdio la esperanza
de que pudiera volver
y poder tenerle entre sus brazos
otra vez.

inviata da Andrea thekingodreams@live.it - 8/9/2010 - 13:56



Lingua: Italiano

Versione italiana di Luca 'The River'
UNA GIOVENTÙ PERDUTA

Sotto la soglia del dolore
nacque un bimbo
che rallegrò la sua vita.
Fu allevato dall’amore
che una madre gli diede
col calore del suo focolare.
Un giorno egli diventò maggiorenne
e cercò nel mondo
la sua ragione di vita.
e nel suo cammino
per cercare la libertà
trovò il suo destino fatale.
E le lacrime cadono sul suo focolare
quando il figlio se ne va.
A sua madre viene un brivido se pensa
che non tornerà più,
che non tornerà più.
Ancora echeggiano
i lamenti di colui che lottò
per una causa persa.
Con coraggio
intraprese la sua battaglia e si lanciò
a difendere la sua nazione,
e lottò per la sua libertà
sopportando le ferite.
Affrontò il Principe del Male
e perse,
lasciando lì la sua vita,
lasciando lì la sua vita.
Dicono che il tempo
cura tutto, persino il dolore,
ma la ferita continua a rimanere aperta,
e ancora oggi ricorda
la madre che perse suo figlio,
in quei giorni di dolore.
Non perse mai la speranza
di poter tornare
a tenerlo ancora una volta
fra le sue braccia.

inviata da Luca 'The River' - 10/9/2010 - 01:46



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org